Castel ancora "in gas", battuta anche Cagliari

Match complicato ad alto tasso agonistico, dove non si sono risparmiate le due squadre in campo, entrambe in striscia positiva di due vittorie consecutive. Cagliari, si presenta al PalaPessano con il morale a mille e con l’innesto di Silvia Sarni, giocatrice illegale per la categoria più la ex Carolina Scibelli. Per Carugate l’obbiettivo di riagganciare la zona playoff, per Cagliari riagganciare la coppia Bolzano-Castelnuovo ed evitare la retrocessione diretta. Ne nasce così una gara intensa e combattuta che vede Manu Zanon (nella foto) portare subito Carugate avanti 4-0 seguita da Stabile che inizia con due bombe, l segue Beretta dalla media, per il 14-5, subito rintuzzato da Scibelli e Masic che riportano Cagliari in scia sul 16-11 a fine primo quarto. Le sarde non ruotano la panchina mentre Castel innesta prima Zuin, poi Picco, Zanetti e Frantini, ancora a mezzo servizio con una caviglia non perfettamente guarita, tenendo il ritmo alto e all’intervallo, nonostante Sarni si guadagni ben 7 liberi, tutti a segno, Carugate è avanti 31-27. Nella ripresa dopo una fiammata che porta il punteggio sul 38-33, lo score si blocca per svariati minuti, con le squadre assenti offensivamente, così come assenti sono sembrati i due fischietti romani, che lasciavano correre ogni contatto, anche i più duri. A fine terzo quarto lo strappo che permetteva il break decisivo. Due bombe di Picco e Frantini spostavano pesantemente gli equilibri. 44-35 dopo 30′ e Cagliari è decisamente “sulle gambe”. Ognuna mette il suo mattoncino, cinque diverse bianco-azzurre a segno nell’ultima frazione, tengono Cagliari a distanza senza lasciar loro punti di riferimento. Altra bomba di Picco a 3’ dalla fine, mette a sedere le ragazze sarde che poi perdono due sanguinosi palloni in attacco siglando la resa finale. Gli ultimi due minuti sono solo di controllo per Stabile che addormenta il gioco. 56-45 alla sirena, Castel riaggancia Costa e Selargius, Cagliari si consola con la sconfitta di Castelnuovo che la lascia ancora in corsa e con due atlete come Sarni (17) e Scibelli (16) che confermano di essere una garanzia. Carugate ha avuto dalla panchina il 25% dei punti di squadra, mentre per Cagliari zero punti dai cambi. Se a questo dato aggiungiamo lo 0/18 da tre delle ragazze di coach Schirru contro il 7/22 (32%) della Castel, ci si può fare una idea di come l’incontro si sia sviluppato. La panchina lunga di Carugate vince la sfida, Zanon e Scarsi in doppia cifra ai rimbalzi, difesa ferrea che lascia solo 45 punti alle avversarie, ed ora la difficile trasferta a Pordenone, che ha perso ieri sera all’Iseo contro Milano e che ci precede di soli due punti in classifica. Da #EpicCaru il nuovo hashtag in casa Castel diventa ora #road2playoff !

 

Castel Carugate – Virtus Cagliari 56-45 ( 31-27)

Carugate : Stabile 14, Zanon 10, Picco e Colli 8  Cagliari : Sarni 17, Scibelli 16

 

Commenta
(Visited 7 times, 1 visits today)

About The Author