Castel Carugate a testa alta contro Broni

Nonostante il divario tecnico evidente di una squadra che non si nasconde nel puntare alla promozione come Broni, le nostre ragazze, escono dal PalaVerde pavese, con grande dignità, rimanendo in partita e cedendo solo nel finale quando Broni ha spinto ulteriormente sull’accelleratore. E’ l’ex Biassono e Ragusa Galbiati che apre le danze subito dall’inizio (alla fine sarà lei la mvp dell’incontro) ma la capitana Stabile non molla e tiene bene la squadra in galleggiamento (20-17 fine primo quarto), mentre è nella secondo frazione, con coach Puopolo che gioca sui cambi per non tirare il collo a nessuna, che Broni  scrive il primo e decisivo break della partita, grazie a una precisissima Zampieri. +11 all’intervallo, che Carugate non riuscirà più a recuperare. Non dorme sonni tranquilli la squadra pavese, che deve tenere comunque in campo con alto minutaggio il suo miglior quintetto, e non riesce a staccare le biancoazzurre dal gap di 10-11 punti di differenza (52-41 fine terzo quarto). Solo nel finale, Castel cerca lo spunto per il riaggancio, forzando le conclusioni ma trovando una difesa di Broni ben assestata che non permetterà alcun rientro. Gli ultimi minuti Carugate lascia la mano e la OMC arriva in poche azioni a raggiungere il risultato finale di 69-46 che è forse troppo penalizzante per Stabile e compagne. Coach Puopolo ha ben gestito la panchina, alla quale ha chiesto più responsabilità e dato più minutaggio. Nove atlete su dieci di Carugate a tabellino, con Iro Koufogianni (nella foto) top scorer con 12 punti, 4/11 da due e 1/1 da tre con 6 rimbalzi. Ora testa e cuore al prossimo incontro, ospitiamo la pari-classifica Bolzano al PalaPessano, palazzetto che riapre dopo i lavori di rifacimento dell’impianto di riscaldamento che l’Amministrazione Comunale ha deciso di stanziare investendo sul suo impianto coperto cittadino più prestigioso.

 

Commenta
(Visited 7 times, 1 visits today)

About The Author