Castel Carugate, altro passo indietro

Un attacco prolifico non è sufficiente a tollerare una difesa a tratti imbarazzante. C’è ancora molto da lavorare. Manca determinazione e sacrificio nella propria metà campo

Le buone notizie sul fronte offensivo, dopo la debacle di soli 30 punti fatti a Vicenza, non bastano per dare i primi due punti alla Castel, in un incontro casalingo che si è dimostrato alla sua portata. Pur sapendo le ottime qualità di Selargius, incassare 83 punti sul proprio parquet, permettendo quasi sempre tiri facili alle avversarie, significa constatare un ulteriore passo indietro, soprattutto sulla mentalità della squadra. Sembrava quasi facile all’inizio, quando Carugate si portava sul +10 nel primo quarto, ma rilassarsi contro Selargius, non è stata davvero una buona idea. Le sarde, dopo aver recuparato sul 25-20 a fine prima frazione, nei secondi 10 minuti hanno messo insieme addirittura 26 punti, portandosi in vantaggio sul 46-39 all’intervallo lungo. Ljubenovic, assoluta dominatrice in campo, alla fine ne metterà 26, praticamente incontrastata dal nostro pacchetto lunghe, così come la sorprendente Manfrè, probabilmente al suo record di punti in A2, ovvero 17, con un 8/12 facile facile, con tiri da sotto e con conclusioni dai 3-4 metri dove poteva prendere la mira e centrare il bersaglio con grande calma e sicurezza, troppo facile per un’atleta con le sue capacità e esperienza. La giornata positiva in attacco del trio delle senior, ovvero Frantini, Stabile e Koufogianni, ha solo limitato la debacle casalinga. Selargius vince anche il terzo e l’ultimo quarto, giocando praticamente in sette, ma sette atlete fortemente determinate che hanno saputo approfittare di ogni rilassamento e distrazione delle ragazze biancoazzurre. – Lo staff tecnico stà lavorando duramente in palestra in settimana, ma non si può allenare la determinazione e la voglia di difendere – afferma il GM Paolo Gavazzi – Le ragazze devono trovare in loro stesse la voglia di sacrificarsi per raggiungere gli obbiettivi, la condizione atletica non manca, mi sorprende la poca voglia di lottare in campo. – L’incontro finisce 69-83. Facendo 69 punti in casa non si può perdere di 14, non si può sottovalutare gli avversari, specialmente di questo calibro, non si può mollare così mestamente. Ora ci aspetta una trasferta tutt’altro che agevole. A Cagliari contro la Virtus, anche loro a zero punti, sarà una sfida che permetterà ad una delle due compagini di rialzarsi ed all’altra di piombare, già alla quarta giornata, in una crisi difficile da superare.

 

Castel Carugate – Selargius 69-83  ( 39-46 )

Castel : Frantini 24 (6/13 4/5), Koufogianni 18 (5/7 2/4 TL 2/2), Stabile 13 (2/7 2/7 TL 3/5)

Selargius : Ljubenovic 26 (5/10 2/4 TL 10/10 val. 38), Manfrè 17 (8/12), De Pasquale 16 ( 3/6 ¾ )

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author