Cecilia Zandalasini e Sandrine Gruda nel miglior quintetto dell’Eurolega

FIBA ha annunciato il miglior quintetto della stagione di EuroLeague Women 2019-2020, dopo una votazione che ha coinvolto i tifosi, un panel di media e gli allenatori delle squadre della competizione.

Nel quintetto migliore dell’Eurolega Alina Iagupova (Fenerbahçe), Alyssa Thomas (Praga), Emma Meesseman (Ekaterinburg), Cecilia Zandalasini (Fenerbahçe) e Sandrine Gruda (Schio). L’allenatore di Zandalasini e Iagupova, lo spagnolo Victor Lapeña, è stato votato come il migliore del torneo.

Cecilia Zandalasini, alla seconda stagione con il Fenerbahçe, ha messo a segno 15.9 punti di media in circa 30 minuti di utilizzo, tirando il 40.7% da 3 in stagione e contribuendo alla prima posizione nel gruppo B della squadra turca (11-3 il record). La stagione è stata poi sospesa durante i playoffs, con il Fenerbahce in vantaggio 1-0 sulle francesi di Bourges. Resta viva la possibilità di concludere la stagione con una Final Eight a settembre, eventualità al vaglio dei club e delle federazioni nazionali in queste settimane.
Arrivata alla sua seconda stagione in Turchia, Cecilia ha conquistato un campionato nazionale, due Coppe di Turchia ed una President Cup. Il campionato turco è stato sospeso – e non ancora cancellato – con il Fenerbahçe in testa alla classifica, con un record di 18-2.
Per Cecilia non è la prima volta in cui viene inserita da FIBA nel miglior quintetto di una competizione senior: infatti, ad EuroBasket Women 2017, era stata premiata nelle prime cinque insieme ad Alba Torrens (MVP), Emma Meesseman, Endene Miyem ed Evanthia Maltsi.

Gruda è stata fondamentale nella qualificazione ai quarti di finali di Schio, con un record di 8-6 nel Gruppo B. Durante la regular season ha guidato le scledensi per valutazione, punti, percentuale di tiro e rimbalzi: i suoi numeri 16 punti di media, col 51% dal campo e 6.7 rimbalzi catturati a gara.

FONTE: LBF

Commenta
(Visited 53 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.