Ceglie piegata dopo due overtime, grande vittoria esterne per la Geofarma Mola

NUOVA PALL. CEGLIE 2001 – GEOFARMA MOLA   77-81   2OT

CEGLIE: De Angelis 9, Jones 21, Sledge 4, Rotundo 18, Coluzzi 9, Pannella 2, Blasi NE, Argentiero 12, Di Salvatore Ne, Faggiano 2. All.

MOLA: Washington 8, Pavone 2, Campbell 32, Ferilli 11, Didonna, Musci 16, Clemente 6, Fiore Ne, Prete 3, De Bellis 3

Geofarma all’ultimo respiro. Vittoria cercata, costruita, sofferta quella di Ceglie, finalmente dopo gli stop con Castellaneta e Foggia arriva un successo nei tempi supplementari per il roster molese, presa per mano negli extra time da un Campbell tornato finalmente sui livelli di inizio stagione. Successo pesantissimo a tre giornate dalla fine, due punti che muovono una classifica sempre più ingarbugliata presi a casa della quarta forza del campionato, due punti che portano crescita d’autostima e impennata di morale.

Geofarma in cerca di riscatto dopo la prova d’orgoglio a casa della capolista Udas, Ceglie reduce dalla prova di forza a casa del Vieste vuole cancellare l’ultimo stop interno con l’Altamura. Campbell e Washington in quintetto con Pavone, Ferilli e capitan Didonna, squadra di casa sul parquet con De Angelis, Jones, Sledge, Rotundo e Colizzi.Il protagonista del primo quarto è il nuovo arrivato Rotundo che con 8 dei primi 12 punti slancia la squadra di casa, poi ci pensa Sledge a ribadire per due volte a canestro dopo i rintocchi di Ferilli e Campbell. Due lunette di Coluzzi e i punti di Musci sull’ultimo possesso di quarto scrivono il 20-14 dei tabelloni. Coluzzi inaugura il quarto, gli risponde Prete da sotto, poi la compagine di casa allunga con i canestri di Jones e di un Rotundo fin qui perfetto (26-16 al 12′). Solo Campbell prova a suonare la sveglia ma il vantaggio di Ceglie resta immutato grazie ai colpi vincenti di Argentiero e Colucci. E’ sempre l’americano di Mola a caricarsi in spalla il tentativo di rientro: tripla del 32-24 al minuto 15′, Argentiero gli risponde per le rime dall’arco dei 6,75, Ceglie allunga ancora sempre con Rotundo preciso dalla lunetta mentre Washington si fa largo nel pitturato (37-27, al 16′). La Geofarma del primo tempo soffre a rimbalzo (22-13 a metà gara) e concede ben 12 volte la lunetta agli atleti in casacca gialla, si va al riposo lungo col risultato di 43-31 per Ceglie che trova anche la tripla di De Angelis sulla sirena mentre Mola annaspa e non riesce mai ad alzare ritmi e mettere in difficoltà i padroni di casa.  Assist di De Bellis canestro di Musci, comincia così la terza frazione, è il pivot di Francavilla il protagonista di questo spezzone di gara, altri 4 punti per ridurre il vantaggio interno (45-37), i brindisini fanno tanta fatica a trovare la via del canestro – solo due punti nei primi 6 minuti del terzo quarto- e Mola così torna sotto con un canestro di Ferilli e una gran stoppata di Musci. Calano in picchiata le percentuali Prete manca la tripla del possibile -3, ed è capitan Faggiano appena subentrato a sfatare l’incantesimo sul canestro e inserire due punti pesanti su assist di Argentiero (47-39 al 27′). Sagra del tiro da tre fallito, ci provano senza sorte De Bellis e Ferilli, quello a bersaglio arriva dalle mani di Campbell prima che Jones trovi i punti del 49-42 a 1 minuto dalla conclusione del terzo quarto. Due liberi di Clemente mandano le squadre agli ultimi due minuti di ripasso tecnico in panchina prima del quarto decisivo (49-44). E’ una gara che procede sui binari delle percentuali anoressiche, due liberi sbagliati da campbell, tripla sul ferro di Prete, i tentativi di riaggancio della Geofarma vengono al momento rispediti al mittente, Ceglie però non sta meglio a lucidità e con un Rotundo appannato e l’infrazione di passi con Sledge, nei primi tre minuti dell’ultimo quarto non arrivano punti da entrambe le parti. Il ghiaccio lo rompe ancora una volta un canestro dell’onnipresente Musci, Ceglie è ormai in affanno, Campbell l’agguanta con la sua terza tripla di serata (49-49), Argentiero ridesta i suoi e regala nuovo vantaggio interno al 35′. Sempre Argentiero dalla lunetta ma c’è Clemente a inserire una tripla pesantissima che rimette le squadre in equilibrio. Tecnico allo stesso Clemente, Argentiero trasforma la lunetta ma la parità la firma Pavone con i primi due punti di serata nel momento più caldo del match. E quando l’aria si fa rovente sale in cattedra De Bellis che infila una tripla di marmo per il primo vantaggio della serata Geofarma a 2 minuti dalla sirena. Faggiano non trova la rete e Campbell allunga, Ceglie accusa il colpo e lo statunitense rincara la dose con la quarta tripla che dilata a più 6 il vantaggio del Mola. Reazione da grande squadra di Ceglie che prima con De Angelis dimezza il debito  poi con Jones trova una azione da tre punti con canestro e lunetta successiva a segno. Ultimo possesso Geofarma ma Campbell non trova la bomba del successo e si va ai supplementari. Ceglie riprende da dove aveva chiuso, Jones. Sono suoi tutti i punti di un exta time incredibile per lo statunitense, Mola però resta a contatto e sorpassa con Ferilli e due lunette di Campbell. Campbell sigilla il 73-73 che porta al secondo extra time, con la Geofarma, però, senza lunghi di ruolo per via dell’uscita di Musci e Washington gravatiu da 5 falli. L’mvp però ha il numero 12 di Dvon Campbell: subito a gonfiare la retina da lontanissimo, poi due punti importanti di Ferilli, Ceglie è sempre lì ad un soffio con il canestro di Argentiero (77-78),  a scrivere la parola fine su una sfida infinita e dalle mille emozioni ci pensa ancora una volta l’incredibile Campbell che a 1 secondo dalla fine infila la sesta tripla personale di serata e consegna due punti pesantissimi alla Geofarma.

Ufficio Stampa Geofarma Mola 

Commenta
(Visited 25 times, 1 visits today)

About The Author