Cerignola - Sarno 80-82

Si ferma col Sarno la serie di vittorie consecutive (sette) per la Castellano Udas, che nel big match della 2^ giornata di ritorno cede il passo alla squadra salernitana, “bestia nera” di Cerignola in questo campionato non riuscendo a raggiungerla in classifica.
Una sconfitta di misura, proprio come quella rimediata all’andata ma immeritata al termine di una gara infinita, intensa, combattuta punto su punto e ricca di tensione che lascia tanto amaro in bocca ai cannibali, usciti dal campo rabbiosi per delle decisioni arbitrali scellerate che, a bocce ferme, hanno influito sul risultato finale.

C’è il “Turko” Liguori nello starting five di Totaro mentre coach , privo di Beatrice, schiera l’ultimo arrivato Di Capua, sceso dalla A2 per portare punti ed esperienza al quintetto sarnese. E parte bene Sarno, che con un parziale di 8/0 che costringe Totaro al primo time-out della gara; pausa che serve ai cannibali che si riorganizzano e trascinati da Jonikas e dalle triple di Maggi si rialzano ed iniziano a giocare a basket. I sarnesi però sono temibili e con Di Capua e Guadagnola ribattono colpo su colpo, andando in vantaggio prima di essere raggiunti da Falcone e Svoboda, che con una tripla chiude il primo quarto 28-28.

Stessa intensità e ritmi alti anche nel secondo quarto di gioco: da una parte Di Capua continua a metter dentro punti, coadiuvato dagli inserimenti di Ferrara e dalla lucidità di Moccia. Cerignola però tiene altissima la concentrazione e con Serazzi e Jonikas ristabiliscono le distanze, andando negli spogliatoi con due lunghezze di vantaggio.

La gara è importantissima, l’agonismo è tanto così come la voglia di entrambe le squadre di portare a casa i due punti; la Gustarosso prova a staccare con Di Capua e Ferrara, approfittando di un break dei biancazzurri che rientrano subito in partita con Serazzi e Falcone. Ma la
Castellano sbaglia troppo dal perimetro, cedendo il fianco alle giocate del redivivo Robinson che regala un pesante +9 ai suoi.

Gli ultimi dieci minuti sono da ricovero: si lotta punto su punto, agonismo alle stelle, Serazzi si infortuna nel momento migliore dei suoi dopo una delle tante penetrazioni lasciando anzitempo il parquet. Dall’altra parte, Di Capua e Moccia aumentano lo score per gli ospiti ma Falcone, Jonikas e Maggi mantengono sul pezzo gli ofantini che trovano un bel canestro con Svoboda nei minuti finali, annullato però dalla decisione della signora Gnini di Brindisi che lo annulla in seguito ad un presunto fallo di Di Nanni, facendo andare su tutte le furie il Palazzetto. Due punti che, alla fine, risulteranno decisivi a favore degli ospiti, che si aggiudicano il big match senza però dimostrare alcuna supremazia tecnica.

CASTELLANO UDAS CERIGNOLA – GUSTAROSSO BASKET SARNO 80-82 (28-28, 48-46, 60-69)

CASTELLANO UDAS CERIGNOLA: Jonikas 19, Serazzi 16, Svoboda 13, Falcone 9, Liguori 2, Martone 4, Di Nanni 5, Maggi12. Non entrati: Mennuni, Cristiani. Coach: Matteo Totaro

GUSTAROSSO BASKET SARNO: Ferrara 14, Guadagnola 7, Moccia 14, Sangiovanni 2, Auriemma 3, Milone 2, Robinson 19, Di Capua 21. Non entrati: Annunziata, Bennet. Coach:

ARBITRI: Mattia Volgarino di Castellana e Maura Gnini di Brindisi

TIRI LIBERI: Cerignola 75%, Sarno 87%
RIMBALZI: Cerignola 30 (Jonikas 12, Martone 6); Sarno 34 (Robinson 9, Ferrara 7)
ASSIST: Cerignola 12 (Serazzi 4, Maggi 4); Sarno 3 (Ferrara 2)

Mario Ciampi
Area Comunicazione Castellano Udas

Commenta
(Visited 12 times, 1 visits today)

About The Author