Co.mark Bergamo - Erogasmet Crema, pregara

Il calendario mette sulla strada dei leoni biancorossi la Co.Mark Bergamo, allenata dall’ex per eccellenza, il coach della promozione Alessandro Galli.I bergamaschi, formazione alla vigilia accreditata di una posizione nei playoff, hanno fino ad ora un po’ tradito le attese, non riuscendo a dare continuità alla bella vittoria esterna contro Orzinuovi, anche se vengono da un turno favorevole con la vittoria in trasferta a Lugo.
Gli uomini di Galli schierano in cabina di regia Michele Magini, playmaker votato al gioco di squadra e poco incline a personalismi, da molti ritenuto pronto per un ulteriore salto di qualità, ed il prodotto del vivaio Lorenzo Deleidi, atleta rapido ed ottimo contropiedista.
Lo spot di guardia è occupato dal cremonese Marco Bona, giocatore dalle spiccate doti offensive, da Simone Cortesi, giocatore capace di ricoprire più ruoli, in grado di colpire sia da sotto usando la sua forza fisica, sia da fuori grazie al suo buon tiro da 3 punti, gran lottatore e uomo squadra e dall’ex Scavolini e Roma Fabio Zanelli, ottimo passatore, in difesa spesso l’uomo delle missioni speciali per fermare l’avversario più pericoloso, grazie alle sue ottime qualità atletiche. 
Le ali sono Jacopo Mercante, giocatore fisicamente straripante ed ottimo difensore, ed il capitano Andrea Guffanti, bravo in difesa e giocatore molto duttile.
Vicino al canestro agiscono l’ex Orzinuovi Chiarello, un 2 m. e 5 abile in difesa e grande rimbalzista, e Cristiano Masper, esperto centro di 208 centimetri tra i migliori del campionato nel ruolo, in grado di dare punti, difesa e rimbalzi.
L’Erogasmet dovrà veramente sfoderare un super prestazione per bissare il successo dello scorso anno all’Italcementi e tornare a casa con i due punti, anche se la prova di forza esibita domenica contro l’Urania Milano ha considerevolmente risollevato il morale in casa dei leoni biancorossi.
Il ritorno alla piena efficienza fisica di Colnago ha ridato al team di Baldiraghi una preziosa arma offensiva in più per scardinare le difese avversarie, ed il 48% di squadra nel tiro da tre punti da’ fiducia al team biancorosso e costringerà gli avversari a difendere bene lontano dal perimetro.
L’incontro si presenta arduo ma non impossibile.

Marco Cattaneo 

Commenta
(Visited 3 times, 1 visits today)

About The Author