Coach Gramenzi: «L’atteggiamento è quello giusto».

l termine della derby tra la Fmc Ferentino e la Benacquista Assicurazioni Latina Basket, coach Gramenzi esegue una disamina della partita, ma soprattutto evidenzia l’ottimo atteggiamento avuto dai suoi ragazzi in campo: «Visto l’atteggiamento nelle sfide con Agrigento e Barcellona, ma anche con Ferentino, la squadra è sulla buona strada per conquistare una la permanenza nella categoria senza passare dai playout».

ihedioha 2Troppo forte Ferentino per i nerazzurri Il derby di ritorno con la Fmc Ferentino non ha concesso il bis di vittorie alla Benacquista Assicurazioni Latina Basket che, invece, nel girone di andata si era imposta sulla compagine amaranto. Non è stata sufficiente l’aggressività, la determinazione, il grande impegno profuso e l’ottimo atteggiamentoavuto sul parquet da parte dei pontini per poter compiere l’impresa di espugnare il palazzetto di una delle più forti compagini del Girone Ovest del campionato di Serie A2 Citroën.Latina è stata in grado di tenere testa ai padroni di casa per i primi 15 minuti, riuscendo anche a mettere la testa avanti, ma che poi, complici alcuni errori di ingenuità e troppe palle perse, si è vista costretta a inseguire un avversario che, dal canto suo, ha preso in mano le redini del gioco e ha acquisito un divario che i nerazzurri non hanno avuto la possibilità di rimontare.

FullSizeRender (26)La parola a coach Gramenzi – Al termine del derby tra la Fmc Ferentino e la Benacquista Assicurazioni Latina Basket, che ha visto il successo dei padroni di casa (92-74) il capo allenatore nerazzurro coach Franco Gramenzi ha sottolineato la sua soddisfazione per l’atteggiamento avuto dai suoi ragazzi di fronte a un avversario nettamente più forte: «Sono contento per quello che abbiamo fatto per l’aggressività, la lotta che abbiamo messo in campo, poi abbiamo commesso alcuni errori, ma questo perché, ovviamente, i nostri limiti vengono fuori contro un avversario di alto livello come Ferentino. In ogni caso io sono molto positivo sulla partita di oggi, l’ho detto anche ai ragazzi. Giocavamo con un avversario molto più forte di noi e abbiamotenuto testa per i primi due quarti, anche se forse potevamo chiuderli con un divario minore. Nei momenti in cui siamo riusciti a mandare Ferentino fuori giri costringendolo a prendere dei tiri non abituali, non siamo stati bravi a punirlo, ma anzi abbiamo perso troppi palloni e questo ci ha condizionato moltissimo e ci ha portato a prendere il break.

Anche nel terzo quarto le troppe palle perse ci hanno dato il secondo colpo e non ci hanno permesso di restare in scia. Nonostante gramenziquesto, però, il mio giudizio sulla prestazione della squadra è positivo perché abbiamo avuto quasi gli stessi numeri dei nostri avversari, loro forse hanno avuto qualche possesso in più sui tiri liberi, ma per esempio siamo riusciti a prendere gli stessi rimbalzi offensivi di una squadra che fisicamente è molto più grande di noi. Abbiamo lottato, poi abbiamo commesso degli errori perché possiamo avere qualità inferiori all’avversario, ma lo spirito è stato buono e deve essere questo per le prossime tre partite. Visto l’obiettivo che abbiamo, saremmo soddisfatti se riuscissimo a conquistare la permanenza nella categoria senza passare dai play out. Sarebbe certamente un grande risultato visti i tanti problemi avuti nel corso della stagione a partire dal primo infortunio di Stanback, alle otto partite saltate da Uglietti, al secondo infortunio di Stanback e ora alla partenza di Mosley, che per noi era un punto di riferimento molto importante. La squadra si appoggiava su di lui e ora le rotazioni sono diminuite e manca l’atletismo e la sicurezza che un giocatore come Will infondeva ai compagni. Stiamo valutando l’ipotesi di prendere un altro giocatore, ma non è semplice perché ci sono una serie di vincoli: dovremmo trovarne uno che abbia già il visto, o che abbia il passaporto europeo e che sia disponibile a venire per sole tre partite. Parlo di sole tre partite, perché puntiamo ad arrivare a quota  26 o 28 punti in modo da conquistare la permanenza senza dover disputare i play-out.  Sono fiducioso perché dopo la sosta di Pasqua,dopo le buone prestazioni con Agrigento e Barcellona e l’atteggiamento di stasera la squadra è sulla buona strada per andare verso una salvezza immediata».

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author