Coach Zanchi: "A Scafati dimissioni dovute ad incompatibilità caratteriale e professionale con la proprietà"

Arrivano le prime parole dopo le dimissioni per coach Andrea Zanchi, che a Sportando racconta le sue motivazioni e il suo pensiero:

Mi sono dimesso per totale incompatibilità caratteriale e professionale con la proprietà. Ho ritenuto fosse giusto farlo subito, una volta constata questa incompatibilità, per non danneggiare la squadra ed anche me stesso, visto che non avevo ancora firmato il contratto in esclusiva. D’altronde in tanti anni di carriera non sono mai sceso a compromessi su quello che sono i valori e i principi. Non vedo perchè dovrei farlo a 52 anni,La figura dell’allenatore è ora e tempo che ritrovi una sua centralità che è basata sul lavoro, sulla programmazione e sulla pazienza, perchè niente si inventa. Invece vedo in giro tensioni già in fase di precampionato. Non voglio essere una mosca bianca. So che non è usuale che ci si dimetta in pre-stagione ma credo anche sia stata una forma di correttezza verso me stesso e verso anche la società. Mi dispiace molto perchè la squadra secondo me è molto buona Lo staff tecnico, organizzativo e medico sono di primissimo livello e mi trovavo bene con loro. Però ci sono delle cose su cui non si può transigere, soprattutto per quanto mi riguarda. Per questo ho preferito a malincuore ma con grande fermezza prendere questa decisione. Anche da parte loro era stata accertata questa incompatibilità e ne ha preso atto la società. Il mio indirizzo era quello e sono stato irremovibile. Perchè ognuno deve essere se stesso e per lavorare ho bisogno di certi presupposti. Una volta che vengono meno bisogna essere onesti con se stessi e gli altri e prendere le decisioni che, per quanto dolorose, perchè sappiamo quanto sia difficile trovare un contratto al giorno d’oggi e soprattutto trovare squadre bune, e Scafati le fa sempre le squadre buone. Però poi bisogna anche avere il tempo di lavorare ed i presupposti per lavorare. Purtroppo sta diventando per noi e per il nostro lavoro sempre più difficile. Perchè non si bada più al programma ed alla crescita ma al tutto e subito. Ed il tutto e subito non esiste. Quindi la mia formazione e la mia età non mi permettono di lavorare se non ci sono le condizioni.”

Commenta
(Visited 259 times, 1 visits today)

About The Author