Coppa Italia Serie A2, Bergamo sconfitta in semifinale da Treviso 82-79

Bergamo va vicina al colpaccio nella seconda semifinale di Coppa Italia al PalaSavelli di Porto San Giorgio. Gli uomini di Dell’Agnello sfiorano la finalissima contro la Fortitudo Bologna venendo sconfitti solo in volata dalla De’ Longhi Treviso per 82-79. Una gara tirata, soprattutto negli ultimi istanti, dove Bergamo trova le energie per tornare a contatto e giocarsi le sue carte; Treviso invece ringrazia Logan, 21 punti e sei triple a referto, ma un contributo fondamentale lo dà anche Tessitori, un fattore sotto le plance. Per Bergamo ci sono i 22 punti e 11 rimbalzi di Roderick, i 17 punti di Taylor ed i 15 di Fattori: Sergio e compagni escono a testa altissima dalla manifestazione dopo due gare giocate ai massimi livelli. Primi possessi da mani gelide, Lombardi da una parte e Roderick dall’altra sbloccano il punteggio, con il numero 8 giallonero già in palla. La difesa di Bergamo è quella delle grandi occasioni, in attacco Fattori e Sergio spingono il primo vantaggio (4-10 al 5′), anche se Treviso torna subito a contatto con la panchina. Dell’Agnello prova lo small-ball con quattro piccoli in campo e la zona, Casella entra nel match con la tripla del nuovo sorpasso prima dei liberi di Uglietti a chiudere il primo quarto (14-15 al 10′). Treviso esce meglio dal mini-break e si prende la testa della gara (18-15 al 13′), Bergamo fatica ad essere fluida in attacco perché i blu della Marca difendono forte nel pitturato e quando Logan scaglia la tripla del +6 Dell’Agnello deve fermare le operazioni. Logan diventa un fattore, Bergamo replica con Casella ma ora insegue (2820 al 16′), Taylor e Roderick non ci stanno e siglano il nuovo -2. Treviso allora si appoggia a Tessitori, che mette cinque punti in un amen e si veste anche da uomo assist per il nuovo allungo a fine primo tempo (40-31 al 20′). Bergamo prova a rimanere attaccata ai veneti ma il professor Logan è una sentenza dall’arco e scrive la doppia cifra di vantaggio. I gialloneri faticano ad arginare le folate offensive di Treviso (49-35 al 23′), Dell’Agnello riordina le idee, Sergio, Fattori e Roderick mettono grinta per non far scappare definitivamente Treviso, anche se la guardia di Philadelphia si macchia di quattro falli ed esce dal match. I gialloneri trovano punti da Casella e Fattori per tornare sotto la doppia cifra di ritardo, ma Logan riappare per fissare il 64-53 al 30′. Bergamo esala un 8-0 ad inizio ultimo quarto e torna a -3 con Taylor e Zucca, Logan replica con la sua arma migliore ma adesso i gialloneri sono in partita (69-63 al 33′). Treviso si riprende, e piazza il parziale che sembra chiudere la contesa (79-67 al 36′), ma la grinta di Bergamo non si esaurisce: Taylor e Roderick danno pepe al finale portando i gialloneri a -4 a 28” dalla sirena, lo stesso Roderick approfitta della persa di Imbrò per siglare il -2. Sull’ultimo possesso Burnett si presenta in lunetta ma l’americano non chiude la gara, Bergamo disegna la rimessa per il possibile pareggio ma il lancio di Casella per Roderick è preda di Tessitori. Finisce 82-79 in favore di Treviso, che si giocherà la Coppa Italia contro la Fortitudo Bologna.

De’ Longhi Treviso-Bergamo 82-79 (14-15, 40-31, 64-53)

De’ Longhi Treviso: Imbrò 2 (1/3, 0/3), Logan 21 (1/3, 6/11), Burnett 16 (6/10, 1/3), Lombardi 8 (4/7, 0/1), Tessitori 16 (5/6, 1/2); Uglietti 3 (1/3, 0/1), Chillo 5 (2/3), Severini 4 (2/4, 0/3), Alviti 7 (2/2, 1/2), Barbante n.e., Sarto n.e.. All. Menetti

Bergamo: Taylor 17 (6/11, 1/6), Roderick 22 (6/11, 1/6), Sergio 6 (1/3, 1/1), Fattori 15 (2/7, 3/7), Benvenuti 6 (2/2, 0/1); Zucca 3 (0/1, 1/1), Casella 8 (1/3, 2/5), Zugno 2 (1/2, 0/1), Bedini n.e., Piccoli n.e., Marelli n.e., Augeri n.e.. All. Dell’Agnello

Commenta
(Visited 16 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.