Costone Academy: il resoconto della quarta e ultima giornata

Attento prima di tutto a guardare i ragazzi negli occhi e a comunicare con chiarezza i contenuti fondamentali, Alessandro Magro ha iniziato la lezione, l’ultima per questa edizione del Costone Academy, mettendo i giocatori in cerchio a centro campo. Ha introdotto l’allenamento parlando di prossemica cioè “il modo di  comunicare attraverso lo spazio”. Comunicazione, quindi, e spazio. Due elementi fondamentali nella pallacanestro. “Dobbiamo imparare a gestire il campo, con e senza palla, la nostra posizione e quella dei nostri compagni. Collaborazione, palleggio e passaggio”. Elementi fondamentali, dunque. I ragazzi, con lo stesso entusiasmo del primo giorno, hanno seguito attenti il coach e le sue spiegazioni cercando di “rubare” tutti i segreti. L’energia e l’intensità non sono mancate neanche in questo allenamento. Alla fine di nuovo in cerchio: “Avete domande?” ha chiesto coach Magro. “In un giorno non possiamo imparare tutto, è ovvio, se no sarebbe tutto troppo semplice. Oggi però ho cercato di darvi più spunti possibile. Dobbiamo pensare che anche ad alto livello, tutto parte dalle cose semplici, basilari, dai fondamentali . Solo lavorando su queste cose, poco alla volta si può crescere.” Poi conclude: “Dobbiamo pensare che giochiamo sempre per migliorare come individui, ma bisogna sforzarsi di pensare come una squadra. E’ fondamentale il dialogo, la comunicazione: parlare con i compagni per migliorarsi, migliorare gli altri e quindi l’intero gruppo”. Poi l’ultima cosa: “Siete stati bravissimi. Vi ringrazio tanto!”.

Ognuno degli allenatori presenti al campus, ognuno con un carattere diverso, è riuscito a suo modo a coinvolgere e stregare i partecipanti. Ognuno ha lasciato qualcosa, ha dato input e spunti di riflessione necessari per poter migliorare il proprio gioco e quello di squadra.

Si è quindi conclusa, proprio con Magro, la prima edizione del Costone Academy. Un’esperienza interessante e stimolante per i ragazzi, che si sono trovati a stretto contatto con grandi coach e che si sono messi alla prova non tirandosi indietro, ma anche per gli assistenti e allenatori presenti, che hanno potuto raccogliere suggerimenti importanti per il loro lavoro. Una grande iniziativa, che ha riscosso entusiasmo e successo.” La volontà è quella di continuare con successive e sempre più sorprendenti edizioni” hanno detto gli organizzatori del Costone. “Intanto però, un sentito e sincero ringraziamento va a Marco Crespi, Giacomo Baioni e Alessandro Magro che hanno creduto in questo nostro progetto, una scommessa, e hanno messo a disposizione tutta la loro educazione, gentilezza e soprattutto professionalità.  Senza di loro non sarebbe stato possibile”.

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author