Cuore, energia, qualità e i 7mila dell'Alma Arena: Trieste-Fortitudo 85-75, biancorossi avanti nella serie

Alma Arena vestita a festa con quasi 7mila spettatori, autorità in tribuna (presente anche il Presidente Fip Gianni Petrucci), ospiti con la consueta numerosa e rumorosa rappresentanza. Trieste-Fortitudo, il primo atto di una grande semifinale ha tutti gli ingredienti per essere uno spettacolo d’altra categoria, a partire dalla coreografia della Curva Nord.

Dalmasson parte con Bossi, Cavaliero, Coronica, Da Ros e Parks, Boniciolli risponde con Ruzzier, Legion, Campogrande, Mancinelli e Knox.

Trieste approccia bene, Parks due volte e una tripla di Cavaliero infiammano subito i quasi 7mila dell’Alma Arena, Boniciolli ferma subito il gioco col timeout (7-2 al 2′). La risposta felsinea è da grande squadra: Knox, Mancinelli e Legion piazzano un parziale di 9-0 per il vantaggio esterno (7-11 al 4′). Parks e Bossi riavvicinano i biancorossi, Cinciarini e Ruzzier li tengono a distanza. a 3′ dal termine si rivede Green, a segno da sotto, Knox e Candi griffano in modo importante il finale di primo quarto, tre punti ciascuno ed ‘Effe’ al massimo vantaggio (13-23 al 10′).

Parks e Green cercano subito di suonare la riscossa, Cinciarini e Knox non sono dello stesso avviso. Baldasso incendia l’Alma Arena con una tripla fondamentale, il botta e risposta continua con Trieste ad inseguire ma allo stesso tempo inesorabilmente a riavvicinarsi agli ospiti. Pecile dalla lunetta, Baldasso con un’altra tripla e Da Ros limano il gap, quattro punti consecutivi del Pec riaprono definitivamente il discorso (33-35 al 18′). Montano, Da Ros, Parks e Mancinelli, sono questi i protagonisti offensivi dell’ultima parte di frazione, l’ultimo canestro del primo tempo è proprio del ‘Mancio’ che porta la Fortitudo al 20′ avanti di tre (39-42).

Si riparte con una tripla pazzesca di Cavaliero e l’immediata parità, Legion risponde subito dai sei metri, la contesa è equilibratissima (42-44 al 22′). Parks-moment andando verso metà frazione, l’Alma mette la freccia e Boniciolli chiama timeout (49-44 al 24′). La ‘Effe’ si aggrappa a un Mancinelli efficacissimo, Green e Cittadini riescono tuttavia con grandi giocate a tenere i biancorossi avanti di due possessi. Parks dà il massimo vantaggio (+7) a Trieste ma Knox, Mancinelli e Candi mitigano il tracimante entusiasmo del pubblico giuliano (55-54 al 28′). Il finale di quarto è però di marca triestina con Da Ros, Bossi e Parks dalla lunetta. Cittadini monumentale consegna all’Alma il +9, negli ospiti Cinciarini si scaviglia uscendo tra gli applausi di tutto il palazzo, Montano lo sostituisce e chiude il terzo periodo con un 2/2 ai liberi (63-56).

Subito un ispiratissimo Da Ros e la risposta di Mancinelli, l’avvio di ultimo quarto lo marchia però a fuoco Baldasso con la tripla del +10 che fa letteralmente impazzire il muro rosso (68-58 al 32′). La doppia cifra viene mantenuta da Matteo Da Ros, prima di un botta e risposta Legion-Bossi dalla lunga distanza. Un grande Knox e Candi riavvicinano la ‘Effe’ fino a due possessi a cavallo di metà frazione (75-69 al 35′), il ‘Pec’ riallontana la rimonta ospite. L’orgoglio felsineo proietta il gruppo di Boniciolli fino a -4, Parks mette un libero su due ma il rimbalzo è biancorosso e la sentenza la mette Green con la tripla dall’angolo, seguito da un’inchiodata di Parks, Alma Arena in delirio totale. L’ultimo minuto è una grande festa sugli spalti, Trieste mantiene inalterato il gap e conclude in trionfo la prima partita della serie imponendosi 85-75.

Il primo atto di questa semifinale playoff sorride all’Alma, trascinata da un grande Parks, da un’energia pazzesca del collettivo e da un meraviglioso palazzo con quasi 7mila tifosi in festa. Vantaggio Trieste nella serie ma tempo di festeggiare tuttavia molto poco, tra meno di 48 ore sarà infatti già gara-2 (ore 20, diretta Sky Sport), un’altra battaglia, un’altra grandissima occasione da provare a sfruttare. Per continuare a sognare.
ALMA PALLACANESTRO TRIESTE: Parks 26 (8/14, 10/12 tl), Bossi 7 (2/6, 1/4 da tre), Coronica, Green 11 (4/5, 1/5 da tre), Pecile 8 (1/1, 6/6 tl), Baldasso 9 (3/7 da tre), Simioni, Prandin 2 (1/1), Cavaliero 6 (2/3 da tre), Da Ros 12 (6/11), Cittadini 4 (2/3). N.E.: Gobbato.  All. Dalmasson.  Ass. Praticò, Legovich

KONTATTO FORTITUDO BOLOGNA: Cinciarini 8 (3/4, 2/2 tl), Mancinelli 22 (7/12, 1/2 da tre, 5/6 tl), Candi 7 (2/5, 1/3 da tre), Legion 15 (5/8, 1/4 da tre, 2/2 tl), Ruzzier 4 (2/4), Campogrande, Montano 4 (1/1, 2/2 tl), Gandini, Raucci, Knox 13 (5/10, 3/4 tl), Italiano 2 (2/2 tl).  All. Boniciolli.  Ass. Comuzzo, Lopez, Pampani

ARBITRI: Nicolini (S.ta Flavia – Pa), Giovannetti (Terni), Cappello (P.to Empedocle – Ag)

NOTE: Tiri dal campo Trieste 31/71 (24/46, 7/25 da tre, 16/18 tl), Fortitudo 28/62 (25/46, 3/16 da tre, 16/19 tl). Rimbalzi Trieste 38 (23+15, Parks 12), Bologna 38 (26+12, Knox 13). Assist Trieste 14 (Da Ros 5), Fortitudo 7 (Legion 4). Cinque falli: Montano

SPETT: 6645

PARZIALI: 13-23, 26-19, 24-14, 22-19

Commenta
(Visited 65 times, 1 visits today)

About The Author