Cus Jonico Taranto, intervista al presidente Cosenza

“La storia del Cus Jonico nasce nel luglio del 1974.

Dopo 3 anni, nel 1977, il “nostro” ne ha preso il comando come presidente senza fermarsi mai.

E’ vero, non ho più lasciato la carica o….non me l’ hanno fatta lasciare. Non so se oggi convenga più tanto considerate le maggiori responsabilità rispetto al passato, anche in termini economici personali, a cui un presidente affezionato deve comunque provvedere per permettere alla propria “creatura societaria” di navigare in mari meno procellosi”.

Caro presidente Sergio Cosenza, non mi vorrai far credere di poter pensare di lasciare?

Giammai! Ora la nostra navicella ha preso una rotta di alto profilo ed io devo assicurare la continuità del progetto, passo dopo passo, con sagacia e giudizio, senza passi troppo lunghi”.

Meno male, cominciavo a preoccuparmi! L’appetito vien mangiando senza, però, “ingozzarsi” subito e troppo. La storia del basket jonico è costellata di decennali grandi periodi di euforia ma anche di tristi delusioni di scomparse, a seconda dei cicli socio-economici.

Il Cus, invece, è sempre stato presente, prima in campionati locali e negli ultimi anni, in un crescendo rossiniano, in campionati di più ragguardevoli categorie, come l’attuale serie B.

Man mano che si sale, però, i costi necessariamente aumentano e le spese di conseguenza.

E’ il prezzo da pagare! Ogni stagione finisce in disavanzo “controllato e fisiologico”. Cerchiamo comunque di rispettare i contratti e credo che nessun atleta possa lamentarsi del contrario. Per questa stagione ci siamo necessariamente allargati onde darci un assetto societario più articolato e professionale per una società all’altezza di giuste ambizioni e anche per offrire una buona immagine al “palazzo” dove ci si dovrebbe scaldare al sole.

Quest’impostazione, ci ha permesso di presentare e far accettare la candidatura per ospitare, per la prima volta a Taranto,l’“all star game”, nel prossimo 18 gennaio 2015.

Sarà una grande kermesse tra i migliori atleti di serie A divisi in Est vs Ovest alla moda Nba, anziché Nord vs Sud come negli anni precedenti. Contiamo di avere conferma quanto prima.

Preceduto dalla nostra partita Casa EuroCus-Francavilla (ore 18), sarà un altro grande evento per la città e la sua provincia, con l’assistenza del Comune…e speriamo dalla nuova Provincia.

Ci siamo costruiti le opportune credenziali, come movimento, con il grande evento della Cavour e della nazionale sperimentale. I vertici diLega e Federbasket si sono “accorti” che anche a Taranto siamo capaci di organizzare bene le cose.

Bisogna proprio dire che il testimone dell’epopea gloriosa del Cras è passato in buone mani!!

Sul piano strettamente locale dell’intero movimento jonico, ritengo un ottimo risultato quello di aver messo insieme, in costruttiva sinergia, tre anime come il Cus, Virtus e De Florio, maschi e femmine con pari opportunità. Questa può essere considerata un’altra piccola rivoluzione copernicana?

Credo proprio di sì! Nel presente periodo storico, in particolare, è una strategia intelligente. Con le sempre più ridotte disponibilità economiche, causa l’eterna crisi, è controproducente e riduttivo di risultati andare per conto proprio. Inoltre ciò è la dimostrazione del nostro continuo messaggio di apertura a tutti gli uomini e donne di buona e seria volontà sportiva e sociale. Ora ci siamo presenti anche nelle immediate vicinanze in provincia con un gruppo costituitosi a Faggiano, grazie alla sensibilità dell’amministrazione e dirigenza scolastica locale.

Non solo,abbiamo risposto anche alla chiamata di scuole di San Giorgio Jonico e Monteiasi.

La dimostrazione, anche visiva, è quella di sabato 27 in cui sono stati presentati al pubblico, in una specie di opening day, tutti i ragazzi e le ragazze del neonato consorzio DEVIRTCUS”.

Un mondo giovanile che noi desideriamo farlo diventare sempre più grande non solo nel numero ma, soprattutto, nella crescita sana ed operosa per la nostra bella terra jonica.

Tutto questo progetto in continuo”movimento” vi procura un oneroso impegno finanziario (gestione del Palamazzola, della Ricciardi rimessa a nuovo e palestre varie oltre la squadra di B).

La domanda è scontata e ripetitiva: l’amministrazione comunale vi viene incontro con la mano tesa?

Diciamo che la volontà c’è sempre. Ora aspettiamo che le casse comunali siano più piene”.

E’ piuttosto risaputo che una bella ed attraente vetrina può far molto in questo ambizioso progetto?

Metafora azzeccata!!!Quest’anno abbiamo voluto cambiare totalmente il look alla “vetrina” cambiandone l’arredamento. Dei nuovi, abbiamo preso tre senior e due giovani under che insieme ai ragazzi U19 della Virtus compongono il roster. Della squadra scorsa è rimasto il solo Gianluca Salerno della De Florio, che è passato tra i senior.

I cosiddetti senior sono tutti molto giovani degli anni 90 a cui affidiamo la nostra speranza di vedere e far vedere un degno ed interessante spettacolo di freschezza atletica e tecnica.

Invitiamo i tanti appassionati baskettofili a non fermarsi alla “vetrina ma di entrare nel negozio del PalaMazzola per tastare meglio la stoffa dei nostri giovani atleti”.

I prezzi e gli abbonamenti sono al costo di vero e proprio saldo per tutta la stagione.

Passando all’aspetto meramente tecnico del nuovo organico di squadra, non sembra forse necessario ingaggiare un bel lungagnone grande e grosso sotto canestro per dare una mano al bravo De Paoli?

Lo teniamo presente! Teniamo presente, però, anche il costo di 6mila euro che la “nostra Federbasket “pretende” per il solo tesseramento di un senior, a cui sono da aggiungere altre spese per l’”accoglienza“ del giocatore. Con ciò bisogna sempre fare i conti della cosiddetta serva, laddove “serve” invece una copertura di qualche amico co-sponsor”.

Queste onerose e mal digerite pretese della Federbasket sono anche alla base dei motivi che hanno spinto diverse società, anche di chiara fama e storia, ad occuparsi quasi esclusivamente di vivaio?

Certamente! Infatti questa volta noi abbiamo attinto a quell’autentica fucina di talenti che è la famosa Stella Azzurra di Roma che non si sogna minimamente di fare campionati di categoria superiore. Con la sua ricca “produzione” di talenti, risparmia ed incassa un bel gruzzolo.”

Per far fronte a tutte queste spese, parlando sempre del vil danaro (che tanto vile non è!) dovreste impegnarvi anche ad organizzare ed ospitare eventi di spettacolo e musicali. Immagino?

Ci siamo attrezzati anche per questo. Pasquale Fasano e mio figlio Luca si occuperanno di questo necessario aspetto gestionale. A breve, infatti, ci sarà il concerto di Claudio Baglioni, poi manifestazioni varie, per es. body building…e tutto ciò che viene…sarà ben accetto”.

A questo punto non ci resta che sollecitare anche noi qualche munifico “mecenate” (stirpe, però, in via di estinzione o..addirittura già estinta…ahimè) o qualsivoglia benestante di buona volontà a raccogliere l’invito a “rinvigorire” concretamente questa bella realtà tutta nostra.

Noi di Multimedia Cus (il sottoscritto, Aldo e Christian Cesario) continueremo a dare voce e commento al grido di battaglia “FORZA CUS-CASAEURO, a cominciare da Domenica prossima 5 ottobre, nell’ouverture del campionato contro il temibile Maddaloni (ore 18).

Buon basket a tutti.

 

Toni Cappuccio

Commenta
(Visited 9 times, 1 visits today)

About The Author