Dinamo Sassari, Pozzecco: "Dobbiamo tutti essere orgogliosi di quanto fatto finora"

Tanta soddisfazione in casa Dinamo Sassari. I sardi, nella serata di ieri, sono usciti vincitori da Gara-6 (87-77), guadagnandosi la chance di sfidare la Reyer Venezia domani sera nel match decisivo, quella Gara-7 che assegnerà lo Scudetto 2018/19. Ovvia la felicità di coach Pozzecco: “Questi ragazzi si meritavano di non perdere in casa di fronte alla Sardegna. Non se lo meritavano e hanno fatto di tutto per ciò che non accadesse, lo ha fatto la gente in modo estremamente appassionato e civile. Dobbiamo essere tutti orgogliosi, io mi reputo un uomo felice perché sono capitato in un’isola fantastica“.

La gente mi ferma per strada e mi ringrazia, ma in realtà sono io che devo ringraziare tutti loro. Una finale bellissima, che vedrà un vincitore ma lo sconfitto dovrà essere altrettanto orgoglioso; nello sport la cosa più bella è vincere ma non è la più importante” – continua Pozzecco – “Noi abbiamo già vinto tutti insieme; poi, se dovessimo riuscire a mettere la ciliegina sulla torta, è logico che l’Isola esploderà. Ma lo farà comunque; quando torneremo a casa in Sardegna ci accoglieranno in ogni caso trionfanti. C’era una cosa che mi faceva soffrire, non l’ho detto ai ragazzi per non mettere pressione, ma io volevo stare ancora due giorni con loro“.

Prende la parola in conferenza stampa anche Jack Cooley: “Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto oggi (ieri sera ndr). Dovevamo reagire senza scuse dopo Gara-5, e siamo scesi in campo con energia e aggressività. Sono particolarmente fiero della partita di Justin Carter, che ha cambiato l’inerzia di questa gara. Siamo pronti per giocarci Gara-7“.

Dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Dinamo Banco di Sardegna.

Commenta
(Visited 100 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.
Per Info