Dinamo Sassari, Lacey: "Possiamo migliorare ancora"

Dal quotidiano online Nuova Sardegna, le parole del giocatore statunitense Trevor Lacey, sulla stagione sua e della Dinamo Sassari.

Lacey comincia dall’ultima vittoria della Dinamo, in casa dell’Mhp Riesen: “Quella in Germania è stata una vittoria bella e importante, ma dobbiamo ancora crescere a livello di consistenza, io per primo. Sì, siamo tornati a Sassari stanchi ma molto carichi. Vincere in Germania ci ha dato tanta fiducia, loro in casa avevano battuto tutti e si stavano giocando il secondo posto. Vincere in quel modo da loro ci ha fatto bene“.

Fondamentale sarà il match con il Partizan: “È una buona squadra, ma sappiamo di poterli battere. L’abbiamo già fatto all’andata a Belgrado, sul loro campo“.

Lacey, quindi, analizza la sua annata: “Questa è la peggiore stagione della mia carriera dal punto di vista del tiro. Ci si aspettava di più da me e anche io mi aspettavo di più. Ma il mio obiettivo è trovare il modo si stare in campo e fare qualcosa per la squadra: stavolta sono stati i rimbalzi, altre volte ho dato qualcosa nel gioco. La cosa buffa è che i miei amici, in America, mi chiedono com’è andata una partita e restano sorpresi del fatto che parli di rimbalzi, difesa, assist… Mi conoscono per essere un tiratore, ma devo fare tante altre cose. Devo crescere in consistenza, essere sempre presente contro giocatori forti che danno sempre il massimo ogni partita. Se segno 20 punti stasera e poi la partita successiva ne segno 2, questo non va bene. Devo crescere in questo, lavorare per trovare equilibrio e consistenza“.

Secondo il 25enne nativo di Huntsville, Alabama, Sassari può considerarsi uscita dal tunnel: “Sapevamo di essere forti, ma il punto era che il campionato è competitivo e anche la coppa lo è. Quindi ogni volta che ci siamo rilassati abbiamo avuto problemi, in queste competizioni se non dai il massimo puoi perdere con tutti e ora forse abbiamo imparato. Valiamo più dell’attuale posizione. A Varese dobbiamo dare un messaggio al campionato: ci siamo anche noi“.

Commenta
(Visited 210 times, 1 visits today)

About The Author