Dolomiti Energia, la Grissin Bon vince lo scrimmage in rimonta

Una Dolomiti Energia priva di Jamarr Sanders, ancora precauzionalmente fermo per il colpo alla caviglia rimediato a Caserta, e di Filippo Baldi Rossi, bloccato da una contusione al gomito occorsa nell’allenamento di martedì sera, esce sconfitta per 70-75 contro la Grissin Bon Reggio Emilia nella prima edizione del Trofeo Trentino Alto Adige disputato a Rovereto. Maurizio Buscaglia può però consolarsi con i primi, ottimi 23 minuti di gara, in cui gli aquilotti hanno dimostrato di poter ampiamente mettere sotto una Reggio priva dei suoi nazionali Aradori, Della Valle e Polonara. Sul 50-32 però, complice un netto calo fisico dei bianconeri, a venire fuori sono stati gli emiliani trascinati dalla coppia lituana Lavrinovic-Kaukenas, rispettivamente autori di 12 e 15 punti personali. Bene, in casa bianconera, Davide Pascolo (17 e 9) e Dominique Sutton (13 e 10).

 

La cronaca: la Dolomiti Energia parte nel segno di Julian Wright: canestri da fuori, soluzioni in avvicinamento, assist, e come se non bastasse pure recuperi e rimbalzi. il centro di Chicago Heights mostra tutto il repertorio in sette minuti (5 punti, 2 assist e rimbalzi), trascinando i bianconeri al più 10 (19-9). Lavrinovic (6) e Pechacek (5) non ci stanno, rimettendo la Grissin Bon in linea di galleggiamento: si va al primo riposo sul 20-14, con entrambe le squadre curiosamente sotto media ai liberi (Dolomiti Energia 2/6, Reggio 0/2).

 

Nel secondo periodo la squadra bianconera alza il ritmo della sua difesa, e da un paio di recuperi trentini partono altrettanti contropiedi, finalizzati da Flaccadori con due facili lay up (27-16). Pascolo inizia a imprimere il suo marchio sulla partita (10 punti), stordendo la difesa reggiana a suon di tagli e di giri su piede perno (35-22). Menetti trova qualche punto da Lilov e Kaukenas, ma Poeta fa girare l’attacco della Dolomiti Energia come un orologio svizzero: una tripla in transizione del play campano (6) porta Forray e soci al massimo vantaggio (42-28), che arriva giusto ad un minuto dalla pausa lunga (45-32).

 

Nel terzo periodo si riparte nel segno del dominio della coppia Wright-Pascolo: una bomba di Dada lancia gli aquilotti sul 50-32. Sembra finita, ma l’orgoglio baltico degli emiliani si incarna in Rimantas Kaukenas: sette punti dell’ex Siena costringono Buscaglia al time out sul 50-39. Nel break Menetti schiera i suoi alla zona, che Wright e soci faticano ad attaccare lucidamente. I canestri di Lavrinovic (12) mettono paura ai trentini, Flaccadori la stempera con recupero e canestro in contropiede. L’inerzia della gara però è ormai passata dalla parte dei biancorossi, e con due canestri in percussione di Lilov e Di Nicolao i vice-campioni d’Italia vanno all’ultimo break a contatto (55-53).

 

La squadra di Buscaglia riapre l’ultimo periodo trascinata da una fiammata di energia di Sutton e scappa via sul 63-57. Lechthaler e Wright commettono però in rapida sequenza il proprio quinto fallo, lasciando Buscaglia con Pascolo unico lungo di ruolo. Una persa di Forray si concretizza nella schiacciata del pareggio di Brown, che nel possesso successivo trova pure il tap in del sorpasso (63-65). La Dolomiti Energia è un pugile alle corde: Sutton, Pascolo  e la difesa a zona la tengono viva (67-67). Lockett in post basso segna i due del vantaggio aquilotto a un minuto dal termine, ma Gentile con un tap in e un uno contro uno ubriacante riporta Reggio avanti di due a 15 secondi dalla fine. Sull’ultimo possesso Lockett pesta la riga laterale e due liberi di Kaukenas assegnano il Trofeo Trentino Alto Adige alla Grissin Bon (70-75).

 

Dolomiti Energia Trentino – Grissin Bon Reggio Emilia 70-75 (20-14, 45-32, 55-53)

Dolomiti Energia Trento: Poeta 7 (0/1, 1/3), Pascolo 17 (6/10, 1/2), Forray 0 (0/1, 0/1), Lofberg 6 (0/1, 2/3), Flaccadori 10 (4/8, 0/3), Bertocchi 0, Bellan 0, Sutton 13 (3/8, 1/2), Lockett 6 (1/5, 0/2), Lechthaler 2, Wright 9 (3/7, 1/2). All: Buscaglia.

Grissin Bon Reggio Emilia: Lilov 11 (2/3, 1/5), Lavrinovic 12 (5/7, 0/3), De Nicolao 8 (2/2, 1/2), Pechacek 9 (2/5, 1/3), Janjic 0 (0/2 da 3), Kaukenas 15 (3/6, 1/3), Lavacchielli ne, Lever 0 (0/2), Gentile 10 (3/4, 0/6), Mitt ne, Brown 10 (5/11). All. Menetti

Note – Tiri liberi: Trentino 18/30, Reggio Emilia 19/25. Tiri da tre punti: Trentino 6/18, Reggio Emilia 4/24. Rimbalzi 43 (Sutton 10), Reggio Emilia 40 (Brown 10). Spettatori: 600 circa.

Arbitri: Ciaglia, Ascione e Beneduce.

DIEGO FLACCADORI (Guardia DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Per due quarti siamo riusciti a proporre la pallacanestro intensa e di grande attenzione che ci aveva chiesto il coach. Poi ci siamo un po’ disuniti e complice un po’ di stanchezza, abbiamo perso lucidità. Dobbiamo ripartire dai venti buoni minuti di cui siamo stati capaci, e costruire su quelli”.

JOHAN LOFBERG (Ala DOLOMITI ENERGIA TRENTINO):Finché siamo riusciti a giocare un basket aggressivo sia in attacco che in difesa abbiamo fatto bene. Poi siamo calati e questo è qualcosa che non deve succederci e su cui dovremo continuare a lavorare: però dobbiamo essere fiduciosi, abbiamo ancora tempo per crescere”.

Commenta
(Visited 3 times, 1 visits today)

About The Author