Dolomiti Energia, lunghi da sogno: Torino battuta

La Dolomiti Energia Trentino batte la Manital Torino 93 a 85 e per un giorno si gode il primato in classifica a quota 12 punti prima delle gare delle altre squadre nella giornata di domani: dopo due quarti di grande battaglia chiusi sul 46 a 47 per gli ospiti, i bianconeri di coach Buscaglia hanno saputo trovare dai propri lunghi Pascolo, 19 punti e 11 rimbalzi, Wright, 17 punti e 8 rimbalzi, e Baldi Rossi, 12 punti e 4 rimbalzi, le giocate necessarie per tornare subito alla vittoria in campionato contro una Torino rinfrancata dagli esordi di Dyson e soprattutto di un sontuoso White.

La cronaca: la partita si apre su ritmi piuttosto bassi con coach Bechi che mette in campo fin da subito Dyson e White. Dopo 3’ il punteggio è di 7 a 10 con 5 punti di fila di Dyson. Wright segna il suo sesto punto per il 9 a 12 e poi Sanders inchioda il canestro dell’11 a 12. Baldi Rossi con una giocata da esterno puro schiaccia per il sorpasso sul 15 a 14, ma subito Mancinelli punisce dai 6.75 una pigra difesa dei bianconeri. Sutton dalla lunetta tiene in scia la Dolomiti Energia Trentino sul 18 a 19 al 9’, Ebi segna da sotto e poi Giacchetti segna da tre sulla sirena per il 18 a 24 di fine primo quarto. Wright interrompe il digiuno bianconero con il canestro del 20 a 25, ma subito Giacchetti segna il canestro del 20 a 27 al 12’. Nel momento di maggio difficoltà trentina Flaccadori si carica sulle spalle l’attacco della Dolomiti Energia e segna da tre in transizione, Torino punisce sistematicamente le distrazioni in difesa dei trentini tanto che la tripla di Miller vale il 23 a 34 dopo 14’ con conseguente time out di coach Buscaglia. Flaccadori mette la seconda tripla della sua serata, ma Miller è in striscia e replica per il 26 a 37. Flaccadori fa 2/2 dalla lunetta, poi stoppa Miller e sull’azione successiva Pascolo, 0/4 fino ad allora, segna su rimbalzo d’attacco per il 30 a 37 e questa volta è coach Bechi a rifugiarsi nel time out. Lockett da tre punti segna il 37 a 40 al 17’. Dawkins segna da tre, Baldi Rossi risponde dai 6.75: la partita è bellissima e gli attacchi sono scatenati. Nell’ultimo minuto di gioco Sutton è un muro in difesa e sulla sirena  Lockett mette la tripla che regala il 46 a 47 di metà partita. Sutton regala ad inizio secondo quarto il vantaggio bianconero con una schiacciata a rimbalzo d’attacco, Pascolo fa 1/2 dalla lunetta e al 22’ il punteggio è di 49 a 47 per i padroni di casa. Forray segna da tre, fornisce l’assist per Lockett e poi segna in penetrazione per il 56 a 53 al 24’. Pascolo è on fire e tiene la Dolomiti Energia Trentino avanti sul 60 a 55 dopo 25’ con il lungo bianconero a quota 9 punti. Pascolo da due e poi la tripla di Baldi Rossi fanno esplodere il PalaTrento per il 68 a 58 al 28’. La Manital Torino si affida però a DJ White, 17 punti in 23’ dei primi tre quarti, e si tiene a 5 punti di margine sul 70 a 65 alla fine del terzo quarto. Baldi Rossi e Pascolo aprono l’ultimo quarto con due giocate d’applausi per il 74 a 65 al 32’. Oramai è Dolomiti Energia Trentino vs White e al 34’  il punteggio è di 78 a 69: Lockett arriva a quota 19 punti per il canestro dell’80 a 69, ma la Manital Torino non molla e con Giacchetti si riporta a -9, 80 a 71. Sale in cattedra Wright con 4 punti in fila per l’84 a 71 al 36’. Torino rientra in partita con un 7 a 1 che obbliga coach Buscaglia al time out sull’85 a 78 a 2’09” dal termine. Mancinelli dalla lunetta riporta Torino a -5. Trento spreca in attacco, ma in difesa tiene contro le giocate di Dyson e White. Wright fa 2/2 dalla lunetta, Dyson ne segna uno, poi i rimbalzi in attacco mandano Sanders in lunetta e arriva l’89 a 81 a 25” dal termine. Ormai i giochi sono i fatti e alla fine la Dolomiti Energia Trentino può festeggiare la sesta vittoria in campionato per 93 a 85.

Dolomiti Energia Trentino. Poeta 2 (0/1, 0/1), Sanders 6 (2/6, 0/2), Pascolo 19 (6/8, 0/2), Baldi Rossi 12 (3/4, 2/4), Forray 5 (1/1, 1/3), Lofberg ne, Flaccadori 8 (0/2, 2/2), Sutton 5 (1/1, 0/3), Lockett 19 (6/12, 2/2), Lechthaler, Wright 17 (7/10, 0/2). All. Buscaglia

Manital Torino. Dyson 11 (1/4, 2/6), White 21 (10/15), Giacchetti 11 (2/4, 1/3), Mancinelli 13 (2/5, 2/2), Rosselli (0/1 da due), Fantoni ne, Mascolo ne, Dawkins 13 (2/3, 3/5), Miller 8 (0/1, 2/6), Ebi 8 (4/4). All. Bechi

NOTE – Tiri liberi: Trentino 20/29, Torino 13/19. Tiri da due: Trentino 26/45, Torino 21/37. Tiri da tre: Trentino 7/21, Torino 10/22. Rimbalzi: Trentino 44 (Pascolo 11), Torino 26 (White 8). Assist: Trentino 17 (Lockett 5), Torino 19 (Giacchetti 6)

Maurizio BUSCAGLIA (Coach DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “È stata una bella vittoria, forse la più importante dall’inizio della stagione per vari motivi. Cercavamo continuità dopo una serie di partite vinte – trasferta di Reggio Emilia esclusa – e giocate secondo il tipo di sistema che stiamo cercando di costruire. Siamo cresciuti gradualmente, migliorando a poco a poco, contro una squadra che ha mostrato gran talento offensivo e che darà fastidio a molti in questa Serie A Beko. Nel primo tempo abbiamo difeso bene sul perimetro, ma abbiamo subito i tagli e il gioco senza palla della Manital Torino. Nel secondo, la Dolomiti Energia Trentino è migliorata in entrambe le fasi: ha preso possesso dei rimbalzi, tolto qualche tiro fuori dai blocchi a Dawkins, che ci stava dando molto fastidio, ed è andata di più in contropiede. Abbiamo fatto girare di più la palla e giocato di squadra: è questo che ci ha permesso di subire così tanti falli e di aumentare le percentuali da due. Ci tengo comunque a fare i complimenti alla Manital Torino, che ha tanto talento offensivo e che, con una sola settimana di lavoro sulle spalle, ha fatto vedere ottime cose sul parquet questa sera”.

Sui 48 punti ottenuti dagli interni.

Anche questo è un aspetto di continuità rispetto alle precedenti uscite. Mi piace leggere il dato dando credito agli esterni per il lavoro di pressione sulla palla e il gran quantitativo di assist serviti: ciò ha dato agli interni il controllo dei rimbalzi e li ha resi più pericolosi. Ci tengo inoltre ad applaudire il terzo quarto di Sutton, difensivamente notevole così come il gran lavoro da back-up di Baldi Rossi, che ha saputo riciclarsi in due ruoli di continuo”.

Luca BECHI (Coach MANITAL TORINO): “Siamo rammaricati per la sconfitta, ma in questa partita non mancano gli aspetti positivi. Mi è piaciuto l’atteggiamento della Manital Torino stasera, che ha combattuto e ha provato a dare tutto in difesa, cercando di mettere pressione e fisicità (e quindi compiendo anche molti falli). Anche nel secondo tempo, quando la Dolomiti Energia ha rimontato, siamo stati bravi a rientrare fino al -5, sbagliando poi con Dyson il tiro del potenziale -2. La differenza tra le due squadre stasera è stata sicuramente nella differenza di presenza a rimbalzo e nel numero delle nostre palle perse. Gli elementi positivi mi tranquillizzano, anche sapendo che si tratta di una squadra sostanzialmente nuova, anche considerando i diversi rientranti dagli infortuni . Dovremo lavorare con umiltà per limare gli up and down nel corso della partita, e correggere i nostri difetti”.

Sull’esordio di Jerome Dyson.

La sua è stata la classica prestazione di un giocatore che ha poca benzina, e che peraltro è stato più in campo del dovuto. Abbiamo avuto esterni con problemi di falli e abbiamo dovuto contare su di lui più del previsto. Certo, l’atteggiamento e la voglia di far bene non sono mancati. Alla luce del fatto che Jerome è arrivato solo tre giorni fa, la sua prestazione stasera non è giudicabile”.

 

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author