Dolomiti Energia Trentino, Sutton: "Dalla sconfitta di Ljubljana siamo cresciuti tanto"

La sfida in programma mercoledì sera al PalaTrento tra Dolomiti Energia Trentino e Union Olimpija Ljubljana non sarà, tecnicamente parlando, una gara senza domani per il team allenato da Maurizio Buscaglia. Vincerla o perderla, però, rischia di essere determinante in chiave qualificazione non solo per le sorti dell’Olimpija ma anche per quelle bianconere. Trento infatti, pur in testa al girone a quota 6 punti assieme a Bilbao e Nanterre, perdendo verrebbe raggiunta e superata (complice il ko rimediato alla Stozice Arena) dagli sloveni, al momento intruppati a quota 4 punti assieme alle tedesche Oldenburg e Bonn, l’un contro l’altra armate domani in un derby tedesco senza esclusione di colpi che vedrà la vincente salire – lei pure – a quota 6.

DOMINIQUE SUTTON (Ala DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Rispetto alla gara d’andata che perdemmo a Ljubljana noi siamo una squadra diversa, decisamente migliore. Per noi quella fu la partita d’esordio in Eurocup, facemmo un po’ di fatica anche per quello, e da allora siamo cresciuti tanto sia individualmente che come gruppo, trovando la giusta chimica. Se consideriamo che il mese scorso perdemmo solo di uno, si può capire che siamo convinti di poter fare bene domani. A darci fiducia è anche la gara di cui siamo stati capaci domenica in campionato contro Varese: una partita che spero possa essere stata un punto di svolta anche nella mia stagione, visto che aiutato da un paio di canestri iniziali ho trovato la fiducia e la confidenza di cui ho bisogno per poter entrare in ritmo ed essere utile alla squadra su entrambi i lati del campo”. 

DAVIDE DUSMET (Assistant coach DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “In una stagione così intensa tutte le partite sono occasione di crescita per la squadra. Ci sono partite però che hanno importanza diversa in termini di risultato, e mi sento di poter dire che la gara domani è una di quelle che pesa per l’impatto che potrà avere nella nostra stagione. La giocheremo contro una squadra come Ljubljana, che anche nel match di andata ci ha dimostrato la sua notevole pericolosità sul perimetro, dove può trovare soluzioni non solo con gli esterni ma anche con i lunghi. A questo il team sloveno abbina il talento di Zach Wright e elementi atletici ma comunque efficaci da fuori come Nikolic. Detto delle loro grandi qualità, credo che anche l’Olimpija dovrà fare i conti con le nostre: che rispetto a un mese fa sono cresciute molto visto che rispetto all’andata siamo una squadra con gerarchie più definite, che sa come andare e da chi andare anche nei momenti decisivi della partita.

Commenta
(Visited 3 times, 1 visits today)

About The Author