Dolomiti Energia Trentino, contro Venezia per sfatare un tabù

Una Dolomiti Energia Trentino (2 punti, record 1-1) galvanizzata dal successo interno contro Cremona affronta domenica al Taliercio di Mestre, con palla a due alle ore 19 (diretta tv su Trentino TV, canale 12 del digitale terrestre), l’Umana Venezia che già dopo due giornate di campionato (4 punti, record 2-0) si è ritrovata sola in testa alla classifica con l’EA7 Milano. A rendere la gara particolarmente complessa per il team bianconero non solo il valore assoluto del roster a disposizione di coach Walter De Raffaele, senza ombra di dubbio uno dei più attrezzati dell’intera serie A al punto da rendere la Reyer una delle principali rivali di Milano nella corsa al titolo, ma anche il fatto che Venezia sia una vera e propria bestia nera per il team allenato da Maurizio Buscaglia. 

I PRECEDENTI Da quando la Dolomiti Energia Trentino è in serie A, infatti, Venezia è l’unica squadra che i bianconeri non sono mai riusciti a battere in alcuna competizione ufficiale (Reggio Emilia, altra formazione con cui Trento è 0-4 in campionato oltre che 0-1 in Coppa Italia, è infatti stata battuta per due volte da Forray e compagni durante la scorsa Eurocup). Il bilancio dei confronti in A tra Dolomiti Energia e Umana è infatti di 0-4, frutto dei due successi ottenuti dagli orogranata sia al Taliercio (90-80 nell’aprile 2015 con 21 a testa per Goss e Viggiano a dispetto dei 27 di Mitchell, e 77-66 nel dicembre 2015, con 21 dell’ex aquilotto Owens a vanificare i 17 di Pascolo) sia al PalaTrento (66-93 nel dicembre 2014 con 22 e 5 stoppate di Ress da una parte e i 25 di Mitchell dall’altra, e 62-67 dello scorso aprile nonostante i 19 di Wright e i 13 di Flaccadori).

QUI TRENTO Recuperato Filippo Baldi Rossi dalla forte botta all’occhio sinistro rimediata nel corso del secondo quarto della sfida di domenica scorsa contro Cremona, Maurizio Buscaglia potrà presentarsi al Taliercio con l’intero roster a disposizione. La Dolomiti Energia quindi ripartirà dalle certezze acquisite battendo la Vanoli per 90-77 per provare a portare a casa il primo successo esterno della sua terza stagione in serie A.

QUI VENEZIA In casa Umana non sono servite molte giornate di campionato per chiarire quali siano le reali ambizioni del team affidato da inizio stagione alla guida tecnica di coach Walter De Raffaele. Le due vittorie ottenute a Cantù (92-99, Tonut 26) e contro Capo d’Orlando (84-69, Haynes 16) hanno infatti proiettato i lagunari in vetta alla classifica assieme a Milano. A destare impressione, oltre al fatto di essere una delle due sole formazioni di questa equilibratissima A a non avere ancora perso, sono state in particolari le performance di Stefano Tonut (18,0 punti, 3,5 assist e 3,0 rimbalzi di media), uscito miglioratissimo dall’estate azzurra trascorsa agli ordini di coach Messina, e la consistenza della coppia di esterni formata dall’ex Sassari Marquez Haynes (13,0 e 5,5 assist) e dall’ex Cremona Tyrus McGee (13,5 punti, 5,0 assist e 3,0 assist). A raccontare della pericolosità di Venezia meglio di qualsiasi descrizione sono però l’impressionante 51,1% dall’arco, e la lunghezza di un roster che dopo due giornate conta su ben 8 giocatori oltre i 6 punti di media (oltre ai già citati Tonut, Haynes e McGee ci sono anche i confermati Ortner, 10,5, Ejim, 9,5, Bramos, 7,5, e Peric, 6,5, più il centro ex Aris Jamelle Hagins con 8) e in cui figurano come nono, decimo e undicesimo marcatore elementi dell’esperienza e delle qualità dei confermatissimi Jeff Viggiano, Tomas Ress e del nuovo arrivo Ariel Filloy. 

Commenta
(Visited 26 times, 1 visits today)

About The Author