Dolomiti Energia Trento - Umana Reyer Venezia 78-81: I veneziani sbancano il PalaTrento e conquistano il tricolore.

Dolomiti Energia Trento – Umana Reyer Venezia

IL PRIMO TEMPO –  La partita inizia con la schiacciata di Hogue, a cui  risponde subito Peric con la stessa giocata e poi Ejim punisce dalla lunga distanza per il 2-5. La Dolomiti però ritrova il vantaggio con Shields. Gli uomini di De Raffaele tornano avanti sul 6-11 con un superlativo Ejim, che realizza dall’arco. I padroni grazie ai canestri  di Forray e Hogue, firmano  il meno uno sul 14-15. Il primo quarto si chiude sul punteggio di 17-17 dopo la “bomba” di Gomes. La seconda frazione si apre con il 2+1 firmato Batista, ma Craft e Forray  piazzano due triple, obbligando il coach dei veneziani a chiamare timeout. L’energia dell’Aquila non si placa, allungando cosi sulla doppia cifra di vantaggio grazie alla sfuriata di Sutton e coach De Raffaele è costretto nuovamente a richiamare all’ ordine i suoi. La Reyer esce molto bene dalla sospensione con la tripla di Ress e cinque punti in fila di Haynes per il meno cinque, costringendo Buscaglia a fermare il break con il timeout. Il buon momento dei lagunari continua e infatti a 1′ dalla fine dei primi 20′ di gioco, l’Umana accorcia sul 34-33 con Stone. Il primo tempo si chiude sul 36-35 per Trento con il 2/2 di Craft dalla lunetta.

IL SECONDO TEMPO – La squadra della laguna esce dagli spogliatoi con la giusta concentrazione piazzando  pronti via un 5-0 di parziale firmato Filloy per il 36-40. I veneziani riescono a giocare bene sia in attacco che in difesa costringendo Trento ad alcune palle perse ed errori in fase realizzativa. La compagine veneziana prova la fuga sul +12 con il tiro da tre di Bramos, l’ eroe di gara 5. I padroni di casa si scuotono con i liberi di Flaccadori, Sutton e Forray per il meno sette. Al 30′ il punteggio recita 51 Trento 56 Venezia grazie al 2/2 di Forray ai liberi, il quale da vero capitano sta in qualsiasi modo trascinando i suoi compagni. Ad inizio quarto periodo Venezia torna sul +10 con la “bomba” di McGee. Al 34′ la Reyer gestisce il buon vantaggio accumulato, tenendo lontano i tentativi di Trento, ma Buscaglia non molla e chiama il minuto di sospensione provando a dare forza ai suoi uomini. I padroni di casa rispondono presente alzando la difesa a tutto campo riuscendo a tornare sotto di cinque lunghezze con l’1/2 di Sutton dalla lunetta. Gli ospiti tornano ad otto lunghezze di vantaggio, ma la Dolomiti non molla e rimane a contatto con il canestro da due di Hogue per il meno quattro. A 1′ dalla fine Trento è ancora viva grazie a Flaccadori, che accorcia sul meno tre facendo esplodere il PalaTrento e dando ancora una speranza di allungare la serie all’ultimo atto. Il finale è da cardiopalma perchè i bianconeri con la schiacciata di Sutton firmano il 78-79, ma Venezia rimane lucida e ottiene la vittoria più importante della stagione. Il finale è 78-81 per la Reyer che conquista lo scudetto.

Parziali: (17-17,36-35,51-56)

Tabellino: Dolomiti Energia Trento: Czumbel ne, Gomes 4, Sutton 23, Flaccadori 7, Craft 11, Hogue 16, Shileds 2, Conti ne, Lechthaler 0, Forray 15

Umana Reyer Venezia: Haynes 14, Ress 8, McGee 5, Filloy 14, Bramos 8, Viggiano ne, Ejim 15, Batista 5, Peric 4, Visconti ne, Stone 8, Tonut 0

Commenta
(Visited 66 times, 1 visits today)

About The Author

Lorenzo Lubrano Nato il 22-08-1996 a Legnano (Mi), ho conseguito il diploma di liceo linguistico, frequento il primo anno di Linguaggi Dei Media (Università Cattolica Milano), ho giocato a basket per 8 anni, collaboro con la web radio milanese RadioBlaBla dove conduco una trasmissione dedicata al basket.