Dolomiti Trento, Wright tranquillizza il gruppo: “Siamo dove ci aspettavamo di essere”

Che al torneo Città di Caserta la Dolomiti Energia Trentino non abbia messo in campo la sua migliore pallacanestro, è fuori discussione. Che però a metà settembre questo possa capitare, soprattutto nel percorso di costruzione di una squadra con diversi giocatori nuovi come quella bianconera, lo è almeno altrettanto. Ne è convinto Julian Wright, centro ex NBA la cui crescita, sia fisica che di integrazione coi compagni, è tra le note positive che coach Maurizio Buscaglia ha portato a casa da Caserta. Sulla strada del rientro dalla trasferta campana il lungo di Chicago Heights parla della squadra, della sua condizione fisica, senza però perdere troppo tempo ad analizzare la sofferta vittoria di sabato contro Roma, né la sconfitta per 72-66 rimediata ieri sera dalla Pasta Reggia di uno scatenato Payton Siva (31 punti).

JULIAN WRIGHT (Centro DOLOMITI ENERGIA TRENTINO):Siamo dove ci aspettavamo di poter essere in questo momento della stagione. L’obiettivo in questa fase della preparazione non possono essere le gare singole, e men che meno i risultati delle stesse, perché tutto ora deve essere finalizzato a crescere come gruppo per farci trovare pronti a partire da ottobre”.

In questa fase – continua Julian – dobbiamo continuare a lavorare duro e a seguire le indicazioni dello staff. Il coach ed i suoi assistenti stanno provando tanti differenti quintetti ed assetti tattici con il chiaro intento di conoscere a fondo le caratteristiche di tutti i giocatori del roster. E’ comprensibile che vogliano utilizzare questo periodo per prendere confidenza con il personale che hanno a disposizione. Christian Verona, il preparatore, sta facendo un gran lavoro per farci entrare in forma, e giocare sopra la fatica è un’altra delle cose a cui dobbiamo abituarci in queste settimane e che di certo non rendono facili tutti questi adattamenti. Vedo la squadra fare dei grandi sforzi per provare a fare dei passi avanti nel gioco d’assieme, e quale migliore modo per progredire in questo senso che continuare a giocare tanto. Abbiamo una pre-season fitta di appuntamenti, quindi penso che tra una settimana, quando avremo giocato ancora contro Reggio e poi disputato il torneo Brusinelli, potremo capire qualcosina di più sulle nostre potenzialità. Dal punto di vista personale mi sento sempre meglio. Sto finalmente adattandomi al fuso, e fisicamente inizio a sentire i frutti del gran lavoro svolto quindi sono ottimista”.

Commenta
(Visited 15 times, 1 visits today)

About The Author