Doppio successo e primato per l’Unipol Banca under 16

L’Unipol Banca di Francesco Nieddu centra un doppio successo alla Porelli con Pontevecchio e Forlì. I giovani bianconeri giocano due buone partite e con i quattro punti conquistati chiudono il girone d’andata in vetta alla classifica del campionato under 16.
Tutte vincenti le formazioni giovanili bianconere, alla Porelli vince l’under 14 di Largo mentre l’under 15 di Consolini a Casalecchio, l’under di D’Atri a Vignola e gli Esordienti di Pezzoli a Ferrara.
Nel prossimo turno scontro al vertice della classifica nel campionato under 15 con la squadra di Consolini che ospita Reggio Emilia, le due squadre si ritroveranno di fronte alla Porelli dopo la semifinale delle Finali Nazionali Under 14 di Bormio in cui i giovani bianconeri hanno conquistato il titolo tricolore.
Inizia la seconda fase del campionato under 18 e grazie al 100% di vittorie nella prima fase, l’Unipol Banca di Vecchi partirà in testa alla classifica.
Lunedì 14 dicembre ad Anzola si allenerà nuovamente la selezione regionale per i nati nel 2001 e convocazione per i giovani biaconeri Lorenzo Bianchini, Marco Cavallari, Edoardo Corradini, Lorenzo Deri, Giacomo Guidi e Matteo Nicoli.

UNDER 18 L’Unipol Banca inizia la seconda fase

Dopo aver chiuso imbattuta la prima fase, l’Unipol Banca di Federico Vecchi affronterà ora la seconda fase del campionato regionale affrontando Pontevecchio, Vis Ferrara, Reggio Emilia e Bsl San Lazzaro. I giovani bianconeri partono in vetta alla classifica grazie ai 12 punti conquistati negli scontri diretti della prima fase.

Classifica: Unipol Banca 12; Reggio Emilia 10; Pontevecchio 8; Vis Ferrara 6; Crabs Rimini, Fortitudo 103, Salus Bologna 4; Bsl San Lazzaro 0.

Prossimo turno: Pontevecchio-Unipol Banca, mercoledì 9 dicembre ore 20.30, Palestra Pertini.
UNDER 16 Doppio successo per l’Unipol Banca
Unipol Banca Virtus Bologna-Forlì 94-45

(18-14, 45-24, 78-36)

VIRTUS BOLOGNA: Labate 2, Bianchi 8, Giuliani 10, Salsini 9, Cesari 2, Mazzocchi 4, Bartolini 23, Rosa 4, Bertuzzi 2, Barbato 4, Lorusso 17, Saddi 9. All. Nieddu

FORLI’: Vitali 5, Rossi, Maroncelli 14, Gaudenzi, Iarocci, Fortunati, Battistini 6, Paizza 6, Vespignani 4, Bessan 10. All. Giannetti

L’Unipol Banca chiude il girone d’andata in vetta alla classifica grazie alla vittoria alla Porelli con Forlì. Buona la partenza della squadra di Nieddu con un parziale di 11-0. Un paio di disattenzioni difensive e Forlì rientra per il 18-14 di fine primo quarto. Nel secondo quarto arriva il break decisivo delle Vu Nere con un parziale di 27-10 per il 45-24 dell’intervallo. Il vantaggio aumenta nel terzo e nell’ultimo quarto fino al 94-45 finale.

Unipol Banca Virtus Bologna-Pontevecchio 77-48

(20-10, 48-18, 66-37)

VIRTUS BOLOGNA: Deri 4, Labate 8, Nicoli 2, Giuliani 11, Salsini 7, Nanni 16, Bartolini 16, Bertuzzi 4, Barbato, Lorusso 4 Saddi 5, Borsello. All. Nieddu

PONTEVECCHIO: Dervishi 1, Giordano 2, Minerva, Conti 5, Cosco 10, Brancaccio, Polizzi, Neri, Arcidiacono 15, Secchi 3, Folli 12. All. Bartolini

L’Unipol Banca di Nieddu supera alla Porelli la Pontevecchio per 77-48. Dopo una partenza in sostanziale equilibrio, 10-8 al 5′, arriva il primo parziale per i bianconeri che chiudono il primo quarto sul 20-10. Il break continua ad inizio secondo quarto 29-10 dopo pochi minuti. Con una buona precisione al tiro e un’attenta difesa i giovani bianconeri chiudono sul 48-18 all’intervallo. Il secondo tempo inizia con un 5-0 esterno, pronta la risposta dei padroni di casa con un 12-0. Il divario resta invariato fino al quarantesimo.

Classifica: Unipol Banca 16; Bsl San Lazzaro 14; Santarcangelo 12; Fortitudo 103, Reggio Emilia 10; Pontevecchio 8; Crabs Rimini 6; Salus 4; Masi 2; Forlì 0.

Prossimo turno: Unipol Banca-Pontevecchio, lunedì 30 novembre ore 20.45, Palestra Porelli.

UNDER 15 L’Unipol Banca vince in casa della Masi
Masi-Unipol Banca Virtus Bologna 61-89

(10-31, 19-57, 40-71)

MASI: Lo Grasso, Dall’Olio 1, Grossi, Ghelardini, Berbec 12, Micco 6, Fiordalisi 28, Montanari 10, Trombetta, Simoni 4. All Forni

VIRTUS BOLOGNA: Cavallari 11, Boni 10, Berti 10, Nicolini 2, Paratore 9, Corradini 3, Guidi 3, Lucarini 2, Bianchini 11, Lambertini 2, Casarini 8, Perini 18. Al. Consolini

Vittoria in trasferta per l’Unipol Banca in casa della Masi. Partita sempre condotta fin dalla palla a due dalla squadra di Consolini. I primi due quarti vengono giocati dalle Vu Nere con energia e concentrazione, i seguenti ad amministrare il cospicuo vantaggio, ma sicuramente con meno intensità. Per i giovani bianconeri un inizio gara caratterizzato da una serie di palloni recuperati trasformati in contropiedi. Dopo la pausa lunga reazione della Masi, ma il divario resta sempre elevato.

Classifica: Reggio Emilia 16; Unipol Banca 14; Crabs Rimini 12; Fortitudo 103, Ginnastica Fortitudo 10; Bsl San Lazzaro 6; Compagnia dell’Albero 4; Pontevecchio, International Imola, Masi 2.

Prossimo turno: Unipol Banca-Reggio Emilia, martedì 8 dicembre, ore 20.45, Palestra Porelli.
UNDER 14 L’Unipol Banca supera la Ginnastica Fortitudo
Unipol Banca Virtus Bologna-Ginnastica Fortitudo 72-43

(21-12, 37-23, 54-29)

VIRTUS BOLOGNA: Bortolani 4, Lolli 11, Verde, Alberti 6, Nobili 7, Maini 2, Solaroli 6, Lullo 6, Orsi 8, Masetti, Battilani 10, Guastamacchia 12. All. Largo

GINNASTICA FORTITUDO: Brunetti 2, Lenzi 6, Lanzarini6, Mazzola 6, Dondi Dall’Orologio, Perrone, Venuto 6, Mondini, Montanari, David 11, Tornimbeni2, Rossi 4. All. Brunetti

L’Unipol Banca si conferma in testa al girone A del campionato under 14 elite vincendo tra le mura casalinghe contro l’ S.G. Fortitudo. La squadra di Largo è riuscita ad imporsi in difesa per tutti i 40 minuti di gioco, mentre in attacco sono arrivati punti sia in contropiede che a difesa schierata, dove i bianconeri si sono mostrati pericolosi anche dalla distanza.

Classifica: Unipol Banca 18; San Mamolo 14; Pallacanestro Reggiana, Pontevecchio, Ginnastica Fortitudo 12; Basket 2000 Reggio Emilia, Vis Ferrara 8; Monte San Pietro, Piacenza 6; Vignola 4; Masi, Salus 2; Correggio 0.

Prossimo turno: Unipol Banca-Pontevecchio, sabato 12 dicembre, ore 19.30, Palestra Porelli.

UNDER 13 L’Unipol Banca vince a Vignola

Vignola-Unipol Banca Virtus Bologna 38-106

(6-34, 11-61, 23-81)

VIGNOLA: Serattini 3, Ferrari, Castelli 6, Fossali 9 , Lazzari 5 , Gavaini 2, Prandini, Ekunwe 2, Giacomuzzi, Altomare, Bulgarelli 2 , Gasiani 7. All. Pantaleo

VIRTUS BOLOGNA: Tabellini 13, Albonetti 1, Berti 6, Ansaloni 2, Nicoli 16, Gresta 5, Piras, Ferrara 1, Mazzoli 9, Salsini 15, Galli 22, Barbieri 16 . All. D’atri

L’Unipol Banca supera in trasferta la S.P. Vignola in una partita indirizzata fin dal primo quarto grazie ad una buona difesa e a numerosi contropiedi dei ragazzi di D’atri. Intensità e ritmo che poi calano nella ripresa dove il divario tra le due squadre si stabilizza.

Classifica: Unipol Banca, Pontevecchio 12; Correggio, Masi, Modena 6; Parma, Vignola 2; Salus 0.

Prossimo turno: Unipol Banca-Pontevecchio, domenica 6 dicembre, ore 16.00, Palestra Porelli.

ESORDIENTI L’Unipol Banca vince a Ferrara
Vis Ferrara-Unipol Banca 48-54
VIRTUS BOLOGNA: Ponzellini, Furlanetto, Serra, Mola, Zanasi, Rando, Cremonini, Bianchini, Cassanelli, Bassi, Paletta, Franceschi All. Pezzoli

Nella terza giornata del campionato Esordienti vittoria esterna dell’Unipol Banca sul campo della Vis Ferrara per 48-54. Nel prossimo week end i giovani bianconeri saranno impegnati a Sestola nella sesta edizione del Memorial Paolo Barlera.

Prossimo turno: Bsl San Lazzaro-Unipol Banca, venerdì 18 dicembre, ore 18.30, Palestra Rodriguez.

L’INTERVISTA DELLA SETTIMANA – PAOLO ZONCA

Ventisei anni, bolognese. Segni particolari: una passione profonda per la pallacanestro, coltivata troppo poco da giocatore per un incrocio sbagliato col destino, ma con determinazione e volontà anche dopo, in vesti diverse. A diciassette anni Paolo Zonca ha iniziato a stare dall’altra parte, con quelli che il basket lo insegnano. Giovanili della Fortitudo, quindi l’esperienza da assistant coach alla Libertas, fino all’A2 femminile, e ancora la scoperta di un mestiere attiguo e diverso, la scelta di dedicarsi alla preparazione fisica, che l’ha portato dopo una stagione a Mantova fino al mondo della Virtus. Da tecnico in sboccio a preparatore: percorso non convenzionale.
“Ho iniziato da ragazzino, nemmeno troppo presto perché avevo quasi quindici anni. La realtà è che mi presentai alla Ghepard per giocare a calcio, ma mi dissero che non c’era posto in squadra e mi indirizzarono alla pallacanestro. Non ne volevo sapere, mi convinse un compagno di classe. E invece di lì a poco sbocciò l’amore. A diciassette anni, quando mi ruppi i legamenti del ginocchio, la passione era già fortissima, e così pensai a un modo per continuare il percorso, possibilmente a un buon livello”.

Subito in palestra ad insegnare alle giovani leve. Fino a un incontro che ha rappresentato la svolta.
“Sono partito da zero, col minibasket e poi il settore giovanile in Fortitudo, e intanto ho continuato i miei studi a Scienze Motorie. Cinque anni fa ho conosciuto Matteo Boccolini, attuale preparatore della Dinamo Sassari. Un professionista che mi ha dato tanto, fiducia soprattutto. Grazie a lui mi sono appassionato ad un aspetto che all’inizio non avevo calcolato, e ho trovato molto stimolante il fatto di riuscire a vedere le cose con un occhio più tecnico, specifico e trasferirlo all’aspetto fisico”.

In qualche modo, si può dire che ha bruciato le tappe. Un anno fa l’esperienza con gli Stings, adesso il settore giovanile della Virtus. Bel percorso, e soprattutto veloce.

“La passione, la voglia di migliorare e di crescere giorno dopo giorno mi ha portato qui. Ma ho avuto fortuna a trovarmi accanto a gente come Matteo, o come Carlo Voltolini, che oggi mi sta dando aiuto e preziosi consigli. Io ci metto la volontà, ma se sulla strada incontri le persone giuste è un gran bel vantaggio”.
Lavorare nel mondo della V nera significa?

“Entrare alla Porelli è un’emozione. Ti approcci alla storia cercando di portare con te le tue conoscenze e la tua cultura del lavoro. Ho la possibilità di fare un’esperienza di alto livello a casa mia, accanto a professionisti seri e affermati. Quando mi hanno chiamato alla Virtus ho capito che era una grande occasione, di quelle che non devi lasciarti sfuggire”.
Lavorare con i ragazzi è molto diverso dal farlo con atleti professionisti. Approccio diverso e una responsabilità che ha a che fare con la loro crescita, atletica e umana.

“Certamente è anche un ambito più stimolante, per me. In Serie A i giocatori sono più o meno fatti e finiti, hanno conoscenze del lavoro specifico. Coi giovani c’è l’aspetto didattico, bisogna far loro capire anche come si deve ragionare per imparare ad ascoltare il proprio corpo, a gestirsi, a costruirsi un futuro nello sport. Come avere un foglio bianco su cui iniziare a scrivere da zero. E proprio questo mi piace, vederli crescere. E’ la cosa più bella che mi porto dietro dai tempi del minibasket”.

Commenta
(Visited 1 times, 1 visits today)

About The Author