E' tempo di Finali Nazionali per la Juve Pontedera U14

A poco più di una settimana dall’inizio delle finali nazionali di Bormio, i nostri under 14 stanno continuando ad allenarsi intensamente per onorare questo importante appuntamento.

Tutta la società si sta muovendo in modo da permettere ai ragazzi di arrivarea Bormio pronti, concentrati e consapevoli del proprio potenziale.

Abbiamo fatto una chiacchierata con coach Miotti, che ha seguito il gruppo per tutta la stagione, chiedendogli di descriverci la “storia” ed il percorso di questa squadra.

-“Buongiorno Alessandro, cosa ci puoi raccontare di questo gruppo e del percorso che avete compiuto, da settembre ad oggi?”-

È stato un cammino lungo, faticoso ma pieno di soddisfazioni! 

Abbiamo iniziato ormai 11 mesi fa, quando ad Agosto, ci siamo ritrovati tutti insieme in palestra, per la prima volta, con un gruppo completamente nuovo, composto da metà 2001 e metà 2002, con 7 di questi ragazzi appena arrivati in estate a Pontedera.

Penso che la nostra vittoria, la nostra qualificazione alle finali, sia nata in gran parte proprio ad inizio anno, in cui, a mio modo di vedere, siamo riusciti a superare forse lo scoglio più importante per tutta l’annata: i ragazzi non si conoscevano infatti, ma in pochissimo tempo hanno subito stretto importanti legami tra loro, ciò è stato determinante, specie nella prima parte di stagione, in cui purtroppo, quasi tutti i ragazzi, a turno, sono stati colpiti da infortuni importanti tra operazioni, gessi vari e quant’altro. 

Proprio questi infortuni hanno permesso ai ragazzi di dover a turno aiutare la squadra senza poter scendere sul parquet e viceversa, sostenere il compagno per superare il momento di difficoltà lontano dal campo. Penso che questo sia stato un valore aggiunto che ci siamo ritrovati a fine anno nelle partite importanti, che ci hanno fatto raggiungere il titolo regionale, e che sicuramente sarà ancora più importante a Bormio dove ci saranno delle difficoltà, e un gruppo unito avrà sicuramente più chance di superarle.

La squadra è maturata molto durante l’anno grazie anche al fatto che tutti i ragazzi hanno fatto doppio campionato tra u15ecc e u13, si sono sempre allenati duramente, ma penso che la chiave sia stata essere riusciti a creare l’ambiente ideale e l’atmosfera giusta in palestra. Questo ha permesso ai ragazzi di affrontare con la mentalità, la concentrazione e la serenità giusta le tante partite di quest’annata fin qui fantastica!  

-“Come sta procedendo la preparazione alla fase nazionale del campionato?-

È tutto l’anno che ci stiamo preparando per arrivare pronti a queste finali, da quando è finito il campionato, abbiamo continuato ad allenarci con regolarità, alleggerendo un po’ i ragazzi dal punto di vista mentale, visto che molti di loro erano impegnati fino ai giorni scorsi con gli esami di terza media. Adesso che le finali si avvicinano abbiamo rincominciato ad aumentare qualità ed intensità del lavoro quotidiano. 

Veniamo da un’amichevole fatta tre giorni fa con i campioni umbri di Perugia, che ci ha dato modo di capire a che punto siamo e ci ha dato molti spunti su cui lavorare in questi ultimi 10 giorni prima di Bormio. 

Adesso ci aspetta la trasferta per il match “di ritorno” con gli amici di Perugia questo Sabato alle ore 16:00. Martedì 7 alle 17:30 alla Bellaria faremo l’ultima amichevole per riprendere il ritmo partita con Pall. Vado,1ª classificata in Liguria.

Sia noi coaches che i ragazzi siamo carichi e non vediamo l’ora di iniziare! 

-“Sono stati pubblicati i gironi della fase eliminatoria, cosa ci puoi dire del sorteggio?-

Siamo finiti nel girone F da Toscana1 insieme ai vicecampioni veneti della Reyer Venezia, ai vicecampioni liguri di La Spezia e ai campioni sardi dell’Olimpia Cagliari che sarà la nostra prima avversaria a Bormio Domenica 12 ore 16:30.

Penso che abbiamo tutte le carte in regola per dire la nostra.

Lotteremo per arrivare più lontano possibile, coscienti del fatto che affronteremo le 31 squadre d’Italia che meglio hanno fatto in questo campionato,questo non può che essere motivo di orgoglio e di grande stimolo. 

Non ci poniamo limiti, andremo a Bormio per fare del nostro meglio. 

-Due parole di incoraggiamento ai ragazzi?-

Ai ragazzi dico, citando Jordan:

“I limiti come le paure,sono spesso solo un’illusione”

Forza ragazzi! Forza JP! 

Commenta
(Visited 1 times, 1 visits today)

About The Author