Erogasmet a Pavia per rialzare la testa

L’Erogasmet, che sarà lontana dal proprio pubblico per un mese a causa di due trasferte consecutive intervallate dalla sosta per la Coppa Italia, cerca, dopo tre sconfitte consecutive, di rialzare la testa nella trasferta di Pavia, contro una formazione che attraversa un brutto momento ed è affamata di punti. Nei piani della formazione cremasca l’incontro di domenica deve rappresentare il punto di svolta per chiudere un periodo poco felice, nell’ambito di una stagione che resta straordinaria.

Formazione al completo per i leoni biancorossi, con coach Baldiraghi che nonostante un attacco febbrile cercherà di non perdersi la partita nella sua Pavia.                                                                                                   Curiosamente, come alla vigilia dell’incontro di andata l’Edimes ha deciso di cambiare la guida tecnica: allora il viceallenatore Beretta prese il posto di Paolo Garetto, ora lo stesso Beretta ha lasciato il posto a Claudio Vandoni, coach con grande esperienza anche nelle categorie superiori, lo scorso anno sulla panchina della Fortitudo Bologna.

I pavesi hanno dato il meglio di sé nel periodo compreso tra la fine di novembre e l’inizio del nuovo anno, vincendo quattro partite e perdendo di poco solamente contro le corazzate Bergamo ed Orzinuovi. Da lì in avanti però sono arrivate otto sconfitte consecutive con una sola vittoria nel 2016, un trend negativo che nemmeno l’ingaggio del centro Simone Zanotti, già avversario dell’Erogasmet la scorsa stagione ad Arzignano ed autore finora di quasi 10 punti a partita nei quattro incontri disputati con la nuova maglia, ha saputo invertire.

Sulle qualità degli avversari sentiamo il viceallenatore dell’Erogasmet, Mattia Consoli:” Coach Vandoni saprà sicuramente restituire linfa vitale ai suoi ragazzi. Affrontiamo una formazione che reputo veramente buona, che non merita la classifica che ha. Ho seguito più volte dal vivo Venturelli quando giocava a Francavilla, così come Fossati che ho ammirato a San Severo e Ostuni. Gli stessi Pavone e Buscaino sono giocatori pericolosi, così come Ferri che ha lasciato ottimi ricordi qui a Crema.

Dovremo essere bravi nei duelli individuali, togliere loro il vantaggio in uscita dai blocchi e nelle situazioni di pick&roll, cercare di sfruttare ogni mismatch favorevole, ma soprattutto ritrovare entusiasmo, per raggiugere un traguardo che sentiamo di meritare.”                                                               

Il quart’ultimo posto in classifica lascia ovviamente l’Edimes in balia degli eventi, con lo spauracchio dei playout per la salvezza che incombe e non fa dormire sonni tranquilli ai tifosi pavesi.                                  Le qualità offensive di Michele Venturelli, visto lo scorso anno in maglia Orzibasket ed autore finora di quasi 15 punti a partita, dell’ex Erogasmet Alessandro Ferri e di Buscaino, ben imbeccati da capitan Fossati, consigliano di non prendere sottogamba l’incontro. Oltre alle consuete qualità agonistiche all’Erogasmet servirà ritrovare un po’ di brillantezza fisica, ultimamente appannata da tre scontri importanti in otto giorni.                                                                                                   

La strada per un prestigioso piazzamento in zona playoff è ancora lunga ma assolutamente percorribile per Montanari e compagni.

Marco Cattaneo

 

Commenta
(Visited 7 times, 1 visits today)

About The Author