Esordio amaro per l'Orlandina

da sito ufficiale Orlandina Basket:

Griccioli: «Pagato il loro l’atletismo» 
 
Antonio Puglisi – Gazzetta del Sud

Coach Moretti è visibilmente provato dopo il finale di gara al cardiopalma. “Credo che tutti alla vigilia di campionato hanno mille domande e pochissime risposte. La prima partita, con questa atmosfera, con avversari che non mollano fino alla fine, spazza via tutto quello che hai fatto nel precampionato. Eravamo ansiosi di scoprire se eravamo competitivi, continua il coach di Pistoia. Molto equilibrio tra le squadre con una buona pallacanestro per essere la prima del campionato. Abbiamo impiegato un po’ per entrare dentro la partita ma alla fine sono soddisfatto. Il finale è stato incredibile. Abbiamo commesso errori che potevano compromettere quanto di buono avevamo fatto sino a quel momento e spero si tratti di una mera questione emotiva e forse abbiamo anche pagato l’inesperienza dei nuovi arrivati”.
Coach Griccioli tiene subito a precisare quali sono gli obiettivi della sua squadra e che, soprattutto dopo la sconfitta contro Pistoia, deve essere chiaro quale sarà il loro campionato. “Volevamo premiare il meraviglioso pubblico di oggi con una vittoria ha dichiarato il coach senese. Ci abbiamo provato ma evidentemente non ci siamo riusciti. Giocavamo contro una squadra che comunque ha dimostrato di avere una quadratura leggermente superiore, destinata ad un campionato diverso dal nostro. Noi dobbiamo salvarci e per farlo dobbiamo portare via partite come queste ma non ci siamo riusciti. Abbiamo cominciato bene questa gara dimostrando voglia ed energia e di non soffrire più di tanto il pronti via del campionato. Poi è cambiata la partita dal punto di vista fisico e loro ci hanno messo addosso tanto atletismo e questo ci ha fermato”.
Come giudica la prestazione dei nuovi arrivati?
“Non dobbiamo dimenticare che siamo tutti nuovi. Compreso lo staff e per questo Pistoia parte avvantaggiata. Il ruolo che hanno i “veterani” è sicuramente importante e hanno fatto quello che dovevano. Freeman oggi ha sofferto la difesa di Pistoia, troppo fisica e forse si è innervosito più del dovuto dopo qualche contatto non fischiato. Dobbiamo ripartire su quanto di buono abbiamo visto oggi e non posso pretendere da tutti subito il massimo che sicuramente riusciranno a dare”.
Qualche scelta che avrebbe voglia di cambiare adesso nel finale ?
“Non credo di aver fatto scelte sbagliate durante la gara. Abbiamo avuto la palla anche per vincere e l’ultimo time out l’ho riservato proprio per questo. Forse nel secondo quarto avremmo dovuto capire che la partita si era fatta più fisica e non siamo riusciti a spezzarla”.

 

Orlandina, esordio amaro 
 
Giuseppe Lazzaro – Gazzetta del Sud

Delusione per il popolo biancazzurro: l’Orlandina, dopo avere dominato il primo quarto che aveva auspicato ben altri scenari, non brinda cedendo ad una volenterosa Pistoia che ha corso e difeso meglio. Come le formichine il nuovo gruppo toscano, già ben plasmato da coach Moretti, ha recuperato e ha poi inserito la freccia al momento giusto respingendo l’ultimo, disperato, assalto sull’asse- Nicevic-Basile. E i due grandi senatori, insieme a Soragna (per i quasi 11’ di impiego) e Archie, sono le note liete della serata, cioè i riconfermati dell’anno scorso. Flynn è lontano dal ritmo-campionato, malgrado gli 11 rimbalzi catturati Hunt è stato dominato da Linton Johnson, inguardabile Freeman c on un incrediblle 8% al tiro, dopo un fragoroso avvio anche Burgess si è perso. Un boato, “Serie A”, del nuovo gruppo organizzato accoglie l’inizio del campionato (una cinquantina i tifosi arrivati dalla Toscana). Di Freeman il primo canestro Upea in sospensione e di Archie la prima tripla (5-2 a 8’15”), anche Burgess è ispirato, trovando due siluri dai 6,75 metri che issano l’Upea sul 14-6 costringendo Moretti al primo time out a 4’52”. Con la difesa di Cinciarini e un semigancio di Hall Pistoia riduce lo scarto (16-11) ma il neo entrato Nicevic torna in A con il suo classico piazzato, seguito da una triplona di Basile in contropiede per il massimo vantaggio (21-11 a 2’) che si allunga a +12 con due liberi di Nicevic. Upea che chiude il primo quarto con i quattro veterani sul parquet e tutti i dieci già roteati da Griccioli (25-15). Pecile si aggiunge al festival dall’arco e l’Upea doppia Pistoia dopo 47” (30-15). A 6’30”, dopo uno 0-4 ospite, primo canestro di Flynn in penetrazione, Pistoia difende con più attenzione mentre Griccioli cambia spesso quintetto e fa rifiatare gli Usa titolari. Sul 34-25, a 5’26”, il tecnico senese chiama time out. Hunt non è Nicevic, Johnson gioca facile sotto e Pistoia si riporta sotto (34-29) a 4’20”. Una tripla di Burgess ridà fiato all’Upea. Una granata di Hall riapre la sfida (37-34 a 1’32”) con l’Upea che sembra pagare anche un gap fisico con Pistoia che corre di più e meglio. E addirittura Brown trova il canestro del sorpasso: 37-38 a 42”. Riposo lungo con il controsorpasso di Archie: 39-38 ma il parziale di Pistoia è 14-23. Dopo l’intervallo lungo una tripla di Cinciarini manda subito avanti Pistoia, un 2+1 di Flynn rimette la parità, Freeman continua a sbagliare troppo e Hunt perde palloni e senso della posizione facendo venire meno le sicurezze di inizio gara. Troppi errori al tiro da ambo le parti, punteggio basso e poco spettacolo per i palati fini. Difesa intensa di Pistoia con Cinciarini irresistibile in velocità e situazione difficile per l’Upea che, a 4’57”, è sotto 45-49. Griccioli prova il doppio play (Flynn-Pecile) e si riaffida ai quattro veterani per cercare di togliere le castagne dal fuoco. Ma un halley-hoop sull’asse Hall-Brown conferma che Pistoia c’è (49-53 a 2’11”) anche se Magro si fa sanzionare il quarto fallo. Una tripla di Soragna vale la nuova parità a 1’21”, il terzo quarto si chiude sul 54-55 e Upea con evidenti difficoltà in attacco. Pistoia allunga con Williams (54-59) e Griccioli chiama time out per cercare di rimettere le cose a posto. Dalla lunetta Archie accorcia (58-59) ma Burgess commette il quarto fallo e Freeman prende tutti i tiri sbagliati con Pistoia che raggiunge il massimo vantaggio (58-65 a 5’50”). A 3’31” antisportivo a Johnson: Archie dalla lunetta fa 1/2 (63-67), sul possesso tripla sul ferro di Flynn. Si entra negli ultimi 90” sul 65-69, a 57” Flynn in lunetta fa solo 1/2, uno schiaccione di Johnson e Nicevic e distanze immutate (68-71 a 26”). L’ultima speranza la ridà Nicevic (dimenticato in panca da Griccioli per quasi tutta l’ultima frazione) imbucando la tripla della disperazione per il 71-72 a 3” e 62 decimi. Rimessa a metà campo di Pistoia, fallo immediato di Basile su Williams che dalla lunetta non sbaglia. Ultimo time out di Griccioli ma la tripla di Basile viene respinta dal ferro dopo avere toccato il tabellone e Pistoia vince con merito.

Commenta
(Visited 13 times, 1 visits today)

About The Author