Esordio sfortunato per Carugate

Match tirato, punto a punto per 40 minuti ma la spunta Selargius grazie alla mira chirurgica delle sue esterne

 

Peccato, poteva essere la giornata giusta per festeggiare l’esordio casalingo al PalaCarugate, ma proprio nell’ultimo giro di lancette sul 75-75, Lussu trova l’ennesima bomba e Carugate non recupera più. Davanti al coach della Nazionale Andrea Capobianco, a sorpresa sugli spalti a Carugate, l’inizio era stato promettente, con Castel che scappa via nel primo quarto sul 10-2 sorprendendo più volte la difesa sarda, che però, non demordeva e recuperava punto su punto e finiva la frazione sul 16-19. Difese allegre nel proseguio, ma anche buona predisposizione offensiva delle due squadre, che proponevano anche un basket divertente; all’intervallo 38-42 ancora con un piccolo vantaggio per le giallonere, e si andava negli spogliatoi.

La ripresa continuava con un certo equilibrio, sempre punto a punto e bisognava aspettare l’ultima frazione per decidere la squadra vincente. Castel si portava avanti fino a 4 lunghezze ma Selargius, pur con l’uscita di Ljubenovic, giocava la carta delle 4 piccole che dava i suoi frutti a suon di bombe, e l’ultima, a 23” dalla fine sul risultato di parità, faceva volgere il match in favore della compagine cagliaritana. Che dire, Carugate ha lottato su ogni palla, ha sviluppato anche un discreto gioco di attacco, però la difesa è sicuramente rivedibile, perchè pur con tutto il rispetto per le avversarie, prendere 80 punti in casa, lascia dei forti dubbi sulla volontà di sacrificio delle nostre ragazze. Troppi tiri concessi dal perimetro con i piedi per terra e prendendo la mira, al trio Lussu-Di Pasquale-Russo, non pareva vero! Emily Correal non deludeva le aspettative : 26 punti (10/15 e 6/9TL) valutazione 30, ma bene anche Manzini, Colli e Scarsi, almeno a livello offensivo, la solita Stabile in regia, le giovani Albano, Diotti e Polato e da segnalare il ritorno di Picco, dopo 8 mesi di stop, chiaramente ancora senza ritmo partita, mentre nella nostra metà campo, poco da salvare, forse solo Colli che ha ben tenuto Arioli, rubandole per ben tre volte la palla dalle mani. Molto da lavorare ancora in settimana, per trovare i meccanismi giusti, partenza lenta in questo inizio di campionato, ma già solidi miglioramenti rispetto alla trasferta a Sesto di settimana scorsa. Ora ci aspetta un impegno arduo, a Crema la prossima settimana, poi in casa Empoli. Aspettiamo il riscatto!

 

Ufficio Stampa Castel Carugate

Commenta
(Visited 13 times, 1 visits today)

About The Author