Etrusca San Miniato, Andrea Stefanelli risponde al duro comunicato di Alba contro i toscani

“Leggo purtroppo con stupore le dichiarazioni dagli organi ufficiali del sito dell’Olimpo Basket Alba sulle gara di domenica a Fontevivo” – le dichiarazioni del dirigente responsabile dell’Etrusca Basket San Miniato Andrea Stefanelli – “Trovo lesivo nei confronti del lavoro che i nostri ragazzi svolgono durante la settimana le dichiarazioni dell’ufficio stampa dell’Olimpo Basket Alba, da sempre società ospitale e corretta. I nostri ragazzi lavorano duramente dal 16 agosto per prepararsi ad affrontare ogni partita, con spirito, mentalità ed identità, cercando di mettere in campo sempre il 110% delle energie; proprio per questi aspetti sono rapidamente diventati esempio per tutti i nostri tesserati che riempiono il Fontevivo ogni domenica. Domenica ho visto una partita intensa, dal punto di vista fisico e mentale, tra due squadre che con ogni probabilità si giocheranno i playoff a fine stagione. Una gara tra due squadre che si sono scontrate in piena lealtà, senza mai scorrettezze che potessero compromettere la salute dei giocatori in campo, perché i nostri ragazzi hanno un codice etico da rispettare e se solo vedessi qualche giocatore che non si comporta secondo le norme sarei il primo, come dirigente responsabile, ad intervenire. Non abbiamo giocato a rugby quindi: l’Etrusca gioca a BASKET, lo fa con identità, con intensità e con ragazzi che hanno tanta voglia di emergere e vincere, e proprio per questo farò sempre tutto quello che è in mio potere per difendere l’onorabilità del nome Etrusca e il lavoro che la squadra e lo staff svolgono in modo eccellente, con risultati straordinari in campo e fuori.”.

Commenta
(Visited 96 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.