EuroBasket 2015: l'Italia saluta il sogno continentale. Ora serve il pass pre-olimpico

L’Italia perde contro la Lituania 85-95 dopo un supplementare uscendo dunque dalla zona medaglie. L’Europeo degli Azzurri, però, è tutt’altro che concluso perché c’è ancora in palio un posto per partecipare al torneo pre-olimpico del prossimo anno. Tutto passerà dalla sfida alla Repubblica Ceca (ore 18.30). Poco tempo per pensare alla sconfitta, poco tempo per ricaricare le pile dopo la delusione; la gara contro i cechi sarà fondamentale per centrare il pre-olimpico. In caso di sconfitta, l’ultimo posto utile per il torneo che porta a Rio 2016 sarà la finale 7°-8° posto di venerdì 18 settembre.

“Per vincere – commenta il CT Simone Pianigiani – dovevamo essere più cinici e segnare alcuni tiri aperti previsti dal piano partita. Dovevamo segnarli non solo per i punti ma anche per non rafforzare le certezze di una Lituania che stasera invece ha tirato col 61% da tre contro il nostro 29%. Poi siamo stati penalizzati da un tipo di gioco molto duro, fatto di contatti sporchi e maliziosi oltre ogni previsione. Ora siamo più o meno nella stessa situazione di due anni fa. Abbiamo una partita fondamentale da vincere domani e per farlo dobbiamo recuperare tutte le forze, contarci e fare ancora un grande sforzo”.

LA CRONACA. Italia-Lituania è una battaglia fin da subito. Bargnani è in campo dall’inizio e la sua presenza, contro Valanciunas, è una certezza per gli Azzurri. Si procede a piccoli strappi ma nessuna delle due formazioni trova l’abbrivio decisivo. Sul finire della prima frazione arriva l’8-0 lituano con Maciulis e Seibutis ma gli Azzurri assorbono il colpo con un immediato 7-0 firmato Aradori e Cinciarini. Il libero di Kuzminskas chiude la prima frazione 21-20 per i baltici. Nel secondo quarto è l’Italia che prova a scappare con l’ottimo impatto sulla partita di Cusin e ancora di Aradori ma la Lituania rientra prontamente e chiude avanti il primo tempo (37-36). Nel complesso 20 minuti intensissimi, fatti di scontri fisici e dettagli tattici tra due squadre con protagonisti di alto livello. Un quarto di finale bello da vedere per i 10.000 del “Mauroy”.

Al rientro dagli spogliatoi la Lituania parte fortissimo e trascinata da Valanciunas strappa fino al +8 (48-40) dopo poco più di tre minuti. Gli Azzurri subiscono la fisicità dei gialloverdi ma in pochi minuti dimostrano di essere una squadra vera e di prepotenza rientrano nel match grazie a uno straripante Ale Gentile e alle bombe del Mago, del Gallo e di Beli ( 57-52 al 38esimo). Alle corde, la Lituania reagisce e chiude avanti, ancora di un punto, anche la terza frazione (60-59). Secondo un copione già visto, la squadra di Kazlauskas prende in mano le redini del gioco anche all’inizio dell’ultimo tempo costringendo gli Azzurri a rincorrere. Lo svantaggio, seppure esiguo, permane fino a 5 dalla fine (72-68). Un altro momento topico del match e un’altra reazione da grande squadra. Il Mago è inarrestabile e a tre esatti dalla fine è di nuovo pareggio (74-74). Così rimane fino alla fine dei 40: è overtime sul 79-79.

Altri due lunghissimi minuti scorrono via in parità (81-81), poi i liberi di Valanciunas e la tripla di Kalnietis riportano a + 5 la Lituania. Il canestro di Belinelli ci tiene in scia (83-86), ma è ancora Valanciunas, con 4 punti consecutivi, a rilanciare i gialloverdi. Dopo i liberi di Gallinari sono i canestri di Jankunas e Kalnietis a chiudere la partita: Italia stanca, finisce 85-95 per la Lituania, che si conferma la bestia nera degli Azzurri.

Il tabellino

Italia-Lituania 85-95 dts (20-21, 16-16, 23-23, 20-19, 6-16)

Italia: Della Valle ne, Belinelli 18 (4/5, 3/11), Aradori 8 (2/3, 1/3), Gentile 12 (6/11, 0/1), Gallinari 17 (3/8, 2/3), Bargnani 21 (7/15, 1/7), Cusin 4 (2/3), Datome ne, Melli 2 (1/1), Cinciarini 3 (0/1, 1/2), Hackett (0/1 da tre), Polonara ne. All: Pianigiani

Lituania: Kalnietis 14 (3/7, 2/4), Gailius ne, Maciulis 19 (5/10, 3/4), Seibutis 6 (3/10), Sabonis ne, Kavaliauskas ne, Jankunas 7 (1/2, 1/2), Javtokas 1, Valanciunas 26 (11/13), Kuzminskas 13 (2/3, 2/3), Milaknis 9 (0/1, 3/5), Lekavicius. All: Kazlauskas

Arbitri: Perez (Spa), Radovic (Cro), Koljensic (Mne)

Tiri da due Ita 25/47, Lit 25/46; Tiri da tre Ita 8/28, Lit 11/18; Tiri liberi Ita 11/15, Lit 12/14. Rimbalzi Ita 32, Lit 37. Assist Ita 16, Lit 28.

Cinque falli: Javtokas

Commenta
(Visited 112 times, 1 visits today)

About The Author