EuroLeague, Quarti G4: Fenerbahçe e CSKA alle Final Four. Il Barça impatta sul 2-2

Ancora emozioni e verdetti in EuroLeague, con i quarti di finale che ormai stanno giungendo a conclusione. A far compagnia al Real Madrid alle Final Four di Vitoria, per il terzo anno di fila, troviamo Fenerbahçe e CSKA Mosca. I vice-campioni in carica di coach Obradovic espugnano la Zalgirio Arena di Kaunas anche in Gara-4, chiudendo il discorso con un 82-99 che non ammette repliche. I turchi, trascinati da un Bobby Dixon (alias Ali Muhammed) in trance agonistica (25+4 rimbalzi e 3 assist, con un 9/10 al tiro che dice tutto), volano via già nel primo quarto (16-30).

Ad inizio ripresa, trascinati dai tifosi di casa, i ragazzi di coach Jasikevicius sembrano poterla rimettere in piedi, portandosi sul -4 (48-52 con 8’28” da giocare nel terzo quarto); ma la replica degli ospiti è immediata e spietata, con uno 0-7 che vale il +11 in 2′ circa (48-59 e 6’30” sul cronometro). Da lì la partita è tutta in discesa per il Fener, che la porta a casa con una prova balistica impressionante: 71% da due (22/31), 68.2% da tre (15/22) e 10/11 ai liberi. Nello Zalgiris, i migliori sono stati Brandon Davies (25+7 rimbalzi) e Nate Wolters (18).

Allo stesso modo, anche il CSKA vince per la seconda volta consecutiva alla Fernando Buesa Arena di Vitoria, mandando al tappeto definitivamente il Baskonia, che vede infrangersi così il sogno di poter disputare le Final Four in casa. I baschi, comunque, ci hanno provato: guidati dal solito Vincent Poirier (21+5 assist) e da Patricio Garino (16), i ragazzi di coach Perasovic sono autori di un buon primo tempo, chiuso sul +9 (48-39). Il CSKA, con un Nando De Colo ancora super (27+4 rubate), ben supportato da Cory Higgins (19) e da Nikita Kurbanov (15+7 rimbalzi), si riavvicina in chiusura di terzo quarto (71-68), per poi mettere la freccia negli ultimi 10′, con un parziale di 12-24 che vale l’83-92 con cui termina la sfida.

L’unica serie ancora aperta è quella tra Barcellona ed Anadolu Efes. Gran merito alla squadra di coach Pesic che, dopo la scoppola di Gara-3, non si è persa d’animo e ha ottenuto il punto del 2-2, rinviando ogni discorso a Gara-5. Al Palau Blaugrana, dopo un primo quarto chiuso sul 15-22 in favore dei turchi, il Barça resta in scia per tutto il secondo quarto, tornando negli spogliatoi sotto di sole due lunghezze (36-38). La partita cambia radicalmente al rientro sul parquet. I padroni di casa piazzano un break di 15-4, portandosi sul +9 a 5’20” dall’ultima pausa (51-42); l’Efes prova a rispondere, ma i catalani allungano ancora (massimo vantaggio +15), concludendo la terza frazione sul +13 (63-50). Il match ormai è indirizzato; gli sforzi dei ragazzi di coach Ataman producono solo il -7 con 3’44” sul cronometro (74-67), ma la leadership del Barcellona non è mai in discussione. La partita finisce 82-72 per i padroni di casa, con Kyle Kuric top-scorer (19 e 7/10 al tiro). Ai turchi non bastano Shane Larkin (20) e Krunoslav Simon (17).

EUROLEAGUE 2018/19 QUARTI DI FINALE

ZALGIRIS KAUNAS (LTU) – FENERBAHCE (TUR) 82-99 (1-3)**

FC BARCELONA LASSA (SPA) – ANADOLU EFES ISTANBUL (TUR) 82-72 (2-2)

KIROLBET BASKONIA VITORIA-GASTEIZ (SPA) – CSKA MOSCA (RUS) 83-92 (1-3)**

*Tra parentesi, la situazione delle varie serie.

**Il Fenerbahçe e il CSKA Mosca si aggiudicano le rispettive serie.

Commenta
(Visited 38 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.