Fabiani Monsummano, vittoria netta contro Rimini

FABIANI – Camerini 3, Tempestini 17, Giarelli 18, Scarone 10, Petrucci, Maggiotto 13, Sgobba 20, Tommei 15, Vannini 3, Morini. All.: Niccolai.

CRABS – Perez 4, Meluzzi 2, Panzini 7, Sirakov 24, Tassinari 3, Chiera 15, Balic ne, Foiera 15, Crotta 3, Romano 8. All.: Mladenov.

ARBITRI – Balducci e De Biasi.

PARZIALI: 17-18, 40-35, 72-55.

La Fabiani saluta il 2015 con una nitida vittoria sui Crabs Rimini (99-81), cogliendo la sesta vittoria consecutiva e consolidando la propria posizione nella griglia playoff, grazie al successo nei confronti di una diretta rivale. E comunque vada l’ultima partita di domenica prossima a San Miniato, i biancoblù chiuderanno un girone di andata quasi miracoloso, considerando la falsa partenza e le difficoltà legate agli infortuni. Monsummano ha vinto la partita grazie ad un corposo terzo quarto, con 32 punti segnati in 10’ e sei triple che portano la firma di Tempestini, Scarone, Sgobba e Tommei. Nel primo tempo invece è andata in scena una partita equilibrata, con gli ospiti che hanno impedito ai termali di svolgere il loro gioco in scioltezza, mentre in attacco Panzini e Foiera hanno dato molto fastidio alla retroguardia biancoblù. Un primo tempo senza padroni che la Fabiani ha chiuso in vantaggio di 5 punti grazie ad un lampo di Maggiotto e ad un paio di recuperi difensivi (16 alla fine), probabilmente la chiave della partita. Nella ripresa i Crabs tornano in parità sulla spinta di Sirakov (41-41), ma Monsummano è pronta a fare il break. L’onda lunga è aperta da Tempestini e Giarelli, i cui giochi a due tagliano a fette la difesa riminese. Monsummano prende fiducia, inizia a difendere con la consueta intensità e il resto lo fanno le triple: dopo aver chiuso i primi 20’ con 1/12 dalla lunga, la Fabiani piazza un 6/9 che indirizza la partita, mentre Rimini ha Romano limitato dai falli e Sirakov che dopo un buon inizio fa bottino a partita chiusa. Tra un canestro di Giarelli, un rimbalzo offensivo di Sgobba e un paio di zingarate di Maggiotto, la Fabiani arriva al massimo vantaggio (79-57) con 7’ da giocare, e si siede. Peccato veniale, perché Rimini prova a riaprire il match con il pressing a tutto campo e i canestri di Chiera e il solito Sirakov, ma gli sforzi non vanno oltre il -14. Pur tra qualche distrazione di troppo e un paio di errori clamorosi da sotto, la Fabiani gestisce il vantaggio abbastanza comodamente e chiude tra gli applausi di un Palaterme sempre più convinto e caloroso.

PARLA NICCOLAI – Molto soddisfatto Andrea Niccolai nel dopo partita: “L’aggressività difensiva ci ha permesso di rimanere in partita nel primo tempo quando le percentuali al tiro erano deficitarie. Abbiamo limitato i loro attaccanti e prodotto numerose palle recuperate che ci hanno consentito canestri facili in contropiede. E’ un successo che nasce dal sacrificio dei ragazzi che anche nei giorni di festività natalizia si sono allenati con concentrazione ed impegno massimale. Abbiamo giocato con grande applicazione e mentalità e vinto contro una squadra di talento, esperta e determinata che con l’innesto di Sirakov tornerà tra le protagoniste del campionato”.

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author