Fassi Albino, stasera il match-clou contro Costa Masnaga

Nella settimana che porterà ad assegnare la Coppa Italia 2015/2016 in cui la favoritissima Broni sfiderà Ferrara per accedere alla finalissima contro la vincente dell’altro match tra Crema e La Spezia, il Fassi Edelweiss Albino tenterà di vincere stasera il suo “trofeo” stagionale scendendo in campo nel recupero contro l’inseguitrice e diretta concorrente Basket Costa x l’Unicef (diretta streaming sul canale YouTube della Lega Basket Femminile e diretta radio FM 96.3 sul nostro media partner Radio Pianeta).

Si può quasi considerare uno spareggio playoff anche in virtù dell’inaspettata ultima sconfitta casalinga subita dalle ospiti nello scorso fine settimana ad opera del sorprendente Castelnuovo Scrivia, le ragazze di coach Gabriele Pirola sono infatti ad oggi escluse da qualsiasi discorso di post season dato il 9° posto in graduatoria ed un ulteriore passo falso le condannerebbe ad operare un perfetto finale di campionato per agguantare il “treno” più inseguito e sognato dell’anno.

Per le biancorosse di coach Michele Pasqua l’attenzione è tutta spostata sulle varie difficoltà dell’ultimo periodo, se da un lato gli infortuni continuano a limitare le rotazioni sul parquet sull’altro piatto della bilancia pesa non poco l’approccio intermittente con cui le Stelle Alpine hanno sin qui affrontato ormai più di due terzi di stagione regolare. Nota di assoluto merito al gruppo per aver continuato col giusto spirito di abnegazione e volontà di risolvere insieme questo tallone d’Achille anche in situazioni di paradossale insufficienza numerica (leggi acciacchi, malanni stagionali, infortuni più o meno seri, impegni giovanili…) affrontando, senza purtroppo riuscirci, pure le ultime gare con la convinzione fino al 40° di portare a casa i 2 punti.

In un certo qual verso simile la stagione delle lecchesi ospiti domani nel tardo pomeriggio al PalaTorre, falcidiate sin dalla prima palla a due da gravi e costanti assenze tra le quali si registra l’ala Veronica Schieppati, out per tutto il campionato, e nelle ultime settimane altre due pedine fondamentali nel reparto lunghe quali Lara Tagliabue e Marta Meroni (ancora in forse il suo recupero). A tenere comunque alta la tensione e tirare fuori il carattere di questo gruppo ci ha pensato come sempre la leader indiscussa Masha Maiorano, guardia-ala classe 1982 (14,9 punti col 38% da 2 e 31% da 3 + 5,7 rbs 1,9 recuperi 1,4 ast e 11,1 di valutazione in 33,6 minuti medi), che insieme all’altra esterna di talento fisico-tecnico Sara Canova, 174cm classe 1989 (11,9 punti 42% da 2 e 22% da 3 + 4,5 rbs 3,8 falli subiti e 11,0 di valutazione in 30,6 minuti medi), conduce le danze ed i ritmi del sodalizio guidato dal factotum “Bicio” Ranieri. Inevitabili anzi essenziali i due inserimenti di qualità operati sul mercato di riparazione invernale: la play-guardia slovena Katarina Ristic classe 1984 (in 9 gare 13,9 punti col 39% da 2 e 38% da 3 + 3,2 ast 5,0 perse e 9,9 di valutazione in 30,3 minuti) e l’esperta ala-pivot Alessandra Visconti classe 1987 (in 3 gare 8,0 punti 6,0 rbs 2,0 recuperi in 27,7 minuti) appena liberata da Castel San Pietro. Michela Longoni, 25enne playmaker (6,1 punti 4,1 rbs 2,5 recuperi in 24,8 minuti), e la guardia classe 1991 Francesca Pozzi (8,3 punti 6,3 rbs 1,1 ast e 9,0 di valutazione in 29,0 minuti) rappresentano la continuità del gruppo storico insieme alla piacevole e promettente outsider Beatrice Del Pero, play classe 1999 (5,2 punti col 31,2% da 3 in 16,6 minuti), che si sta ritagliando con merito il suo spazio sul parquet.

Tra le biancorosse seriane sarà in dubbio fino all’ultimo l’impiego di Gordana “Goga” Bedalov, in netto miglioramento ma non ancora in grado di sostenere un intero match, mentre si conta molto sull’impatto emotivo della rientrante Eleonora Isacchi nonché del rinnovato entusiasmo dopo l’ufficializzazione dell’accordo in doppio tesseramento col Sanga Under 20 sia di Chiara Lussana che soprattutto dell’ala-pivot Alice Carrara. Sempre a denti stretti ma presente e vogliosa di portare avanti una stagione fin qui ad ottimo livello la classe 1988 Elisa Silva che, insieme a capitan Locatelli e la nostra Laura “Fumabomber” Fumagalli, vogliono confermare il meritato successo dell’andata (finale 53-63) permettendo a Società e tifosi di continuare nel percorso di avvicinamento alla post-season!

Forza Fassi girls, la strada del successo comporta fatiche e sacrifici di cui solo la punta di un immenso iceberg viene effettivamente a galla… regalatevi un’importante soddisfazione, noi saremo in tribuna come sempre a sostenervi fino alla fine!

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author