Fenerbahce: il titolo è ad un passo, anche gara-2 è dell'Ulker

Il Fenerbahce trionfa in gara-2

Il Fenerbahce di Obradovic non ha nessuna intenzione di fermarsi. Dopo aver conquistato l’Eurolega poco tempo fa, ora i turchi puntano al titolo in campionato. La strada per raggiungere questo obiettivo è decisamente in discesa. Infatti, nonostante il Besiktas sia una squadra forte e rispettabili, Bogdanovic e soci sembrano non avere rivali in questa stagione. Schiacciante la superiorità dell’Ulker che nei playoff turchi sta mantenendo una incredbile imbattibilità che dura ormai da 7 partite.

Nelle finali-scudetto per ora il Fener si è limitato a portare a casa le due partite casalinghe. 75-69 la prima e 83-74 la seconda a testimonianza di come i turchi di Obradovic non abbiamo alcuna intenzione di scherzare. Protagonista assoluto della serie è il solito Bogdan Bogdanovic. Il serbo, prima di lasciare i suoi per approdare a Sacramento, vuole arricchire il suo palmares con quanti più trofei possibili. Anche nella gara di ieri sono stati 19 i punti messi a referto da Bogdan; nei momenti decisivi ha distrutto le velleità di rimonta di Stimac e Strawberry. Il serbo però ha la fortuna di godere di un supporting-cast di assoluto livello; ieri sono stati ben 16 i punti di Vesely che uniti ai 15 di Kalinic e agli 11 di Sloukas hanno contribuito a portare a casa il risultato.

Ora il Fener è atteso da due trasferte insidiose in casa del Besiktas. I ragazzi di Kandemir avranno voglia di vincere per cercare di riaprire la serie giocando magari qualche brutto scherzo a Dixon e soci. L’impresa non sarà facile, questo Fenerbahce sembra possedere un cinismo straordinario; tuttavia bisogna provarci per coronare quella che, per il Besiktas, resta un’ottima annata. Obradovic non regalerà nulla ai suoi avversari e, come fa sempre, vorrà vincer nel minor tempo possibile. Il Fener non è ancora sazio e vuole confermarsi campione ancora una volta.

Commenta
(Visited 67 times, 1 visits today)

About The Author

Nicola Garzarella Studente ed aspirante giornalista. Un giorno ho incontrato il mondo della palla a spicchi e da lì non l'ho più mollato. Cerco di coniugare la scrittura con la mia grande passione per lo sport e il basket in particolare.