Festa promozione in casa Basket Bellizzi, il presidente Pellegrino: "Orgogliosi di quanto fatto, ora l'obiettivo sarà allestire un roster competitivo"

Si è conclusa con un grande ideale abbraccio tra società, squadra e tifosi la straordinaria stagione del Basket Bellizzi. La festa nell’Arena Troisi di Bellizzi ha suggellato un’annata che difficilmente potrà essere dimenticata in casa gialloblu. La promozione in Serie C Silver rappresenta un traguardo storico, a lungo inseguito dal club. Una gioia evidente nelle parole del presidente Nicola Pellegrino: «Siamo molto orgogliosi di quanto fatto durante questa stagione. Sin dall’inizio dell’anno abbiamo avuto la percezione che questo potesse essere l’anno giusto per raggiungere la promozione. Eravamo consapevoli delle nostre potenzialità e questo ci ha aiutato ad affrontare anche i momenti meno facili della stagione». Poi la dedica: «Questo traguardo è per chi non c’è più. Per i nostri tifosi che, in ogni partita, non hanno fatto mancare il proprio sostegno. La dedica è anche a tutti i componenti della società, un gruppo rimasto sempre unito e coeso». Messi da parte i festeggiamenti, la società pensa già al futuro: «Siamo già in attività per allestire il roster che dovrà affrontare la C Silver. Vogliamo fare del nostro meglio, augurandoci di disputare un campionato di buon livello anche l’anno prossimo».

Sul palco dell’Arena Troisi sono sfilati tutti i protagonisti della promozione, accompagnati dal calore e l’entusiasmo del pubblico. Emozione particolare per il capitano Valerio Pinto, che ha annunciato il suo ritiro dal basket giocato. A lui il patron Nicola Pellegrino ha consegnato una targa in segno di riconoscenza per i tanti anni di militanza nel club. Un dono ricambiato da Pinto, che ha voluto regalare al patron la propria casacca numero 14 con le firme di tutti i compagni di squadra. Per Pinto, 24 anni in casacca gialloblu, questa promozione significa tanto: «Inseguivamo la C Silver da anni e finalmente siamo riusciti ad ottenerla. È stata una grande gioia per noi e per tutta la comunità di Bellizzi. Lasciare l’attività agonistica con un traguardo così prestigioso è quanto di meglio potevo chiedere». Poi una dedica speciale: «Il mio primo pensiero va a mia mamma, che oggi non c’è più. Era una grandissima tifosa del Basket Bellizzi e so che sarebbe stata felicissima per questa promozione. La dedica è anche per mio cugino Simone Rocco, per Gerardo Farella e per il nostro grafico Michele Buonanno. Tre giovani ragazzi che ci hanno lasciato troppo presto».

Applausi a scena aperta anche per coach Pierluigi Orlando, il giovanissimo tecnico che è riuscito a conquistare un risultato che Bellizzi attendeva da anni. Anche nelle sue parole c’è la gratificazione per il risultato raggiunto: «La società aveva allestito una squadra in grado di recitare un ruolo da protagonista in questo campionato. I ragazzi sono stati straordinari ed hanno avuto il merito di non disunirsi mai, nemmeno nei momenti di difficoltà. Tutti si sono sempre messi al servizio dei propri compagni. La promozione in C Silver era l’obiettivo che ci eravamo prefissati. Per fortuna, siamo riusciti ad ottenerlo al termine di un percorso lungo ed importante». Poi uno sguardo al futuro: «Con la società stiamo studiando il da farsi. Di sicuro vogliamo provare ad allestire ancora una volta una buona squadra, in grado di giocarsela con tutti».

La serata ha regalato tanti momenti dalle forti emozioni. Non è naturalmente mancato un ricordo di Simone Rocco e Gerardo Farella, a cui società ed atleti tutti hanno voluto dedicare la vittoria. Proprio a Gerardo e Simone, come annunciato durante la serata dal Sindaco Mimmo Volpe e dal presidente Nicola Pellegrino, sarà intitolato il campo di basket del plesso della scuola secondaria di 1° grado “Gaurico” di Bellizzi.

La società, nel rinnovare i ringraziamenti per il sostegno incondizionato ricevuto durante tutta la stagione, dà appuntamento ai propri tifosi per la prossima annata sportiva. Da vivere, ancora una volta, da protagonisti.

Commenta
(Visited 65 times, 1 visits today)

About The Author