Finalmente Milano! Sassari: che crollo!

Prima vittoria, in quest’Eurolega, di Milano, che passa all’Audi Dome di Monaco trovando 2 punti fondamentali nella corsa alle Top 16. Tranne un pò nel terzo periodo, Milano ha sempre avuto in mano il pallino del gioco, riuscendo a trovare vantaggi anche molto cospicui, per poi azzannare la preda nel finale. Daniel Hackett (16 punti, 6 assist e 4 rimbalzi) continua ad essere protagonista in Europa, molto bene Joe Ragland (16 punti e 3 assist), buono anche il contributo di Linas Kleiza (11 punti e 4 rimbalzi) e di Samardo Samuels (10 punti e 4 rimbalzi), i bavaresi pescano il jolly Heiko Schaffartzik (15 punti from the bench), bene anche Dusko Savanovic (13 punti), ma sorride l’EA7.

Crollo totale di Sassari, che esce con le ossa frantumate dalla trasferta di Kazan. Sardi in partita per un tempo, poi la difesa dell’Unics stritola i ragazzi di Meo Sacchetti, che chiudono col 34% da 3 e non trovano il bandolo della matassa, segnando appena 25 punti in 20 minuti, 8 nell’ultimo quarto, una miseria. Prima vittoria stagionale, in Eurolega, per i russi, che già avrebbero meritato sia ad Istanbul che contro il Real, ben 6 uomini in doppia cifra, spiccano le prove di D’Or Fischer (14 punti e 9 rimbalzi), Kostas Kaimakoglou (11 punti, 8 assist e 2 recuperi) e James White (11 punti e 7 rimbalzi), mentre per la Dinamo salva la faccia il solo Rakim Sanders (18 punti).

Il 4 Giugno del 1961, durante un Catania-Inter, il mitico, e compianto, Sandro Ciotti, dopo la vittoria per 2-0 degli etnei sui nerazzurri, pronunciò la fatidica frase “Clamoroso al Cibali!”. La prendiamo in prestito, perché è clamoroso all’Abdi Ipekçi, visto che lo Zalgiris Kaunas sbanca Istanbul costringendo, alla sconfitta, il quotatissimo Efes Pilsen di Dusan Ivkovic. I lituani conquistano il Bosforo grazie ad un ottimo Edgaras Ulanovas (19 punti, 7 rimbalzi e 2 recuperi), ben supportato da Arturas Milaknis (14 punti) e dal sempreverde, e sempiterno, Robertas Javtokas (12 punti e 5 rimbalzi). Turchi sconfitti nonostante il solito Nenad Krstic (22 punti e 5 rimbalzi), ma a sto giro l’ex Nets, Thunder e Celtics è completamente solo.

Debordante affermazione del Real Madrid, che risveglia dal sogno il Nizhny Novgorod rifilandogli 29 punti sul grugno. Gara mai in discussione alla Caja Magica, Jaycee Carroll sfodera la prestazione da MVP of the week (32 punti con 7/9 da 3), Rudy Fernandez (14 punti, 6 assist, 4 rimbalzi e 3 recuperi), Felipe Reyes (12 punti) e la pregevole regia di Sergio Rodriguez (9 punti e 9 assist) accompagnano il prodotto di Utah State University. Taylor Rochestie (23 punti e 8 assist) e Trey Thompkins (16 punti e 9 rimbalzi) sono gli ultimi a mollare, ma è una mattanza.

Colpo esterno del Maccabi, che vendica la sconfitta di Mosca andando a sbancare, con ottimo piglio, l’O2 World di Berlino. 29-46 all’intervallo lungo, tanto basta per indirizzare i 2 punti verso Tel a Viv, con Brian Randle (25 punti, 5 rimbalzi e un solo errore al tiro) e Jeremy Pargo (15 punti e 10 assist) sugli scudi. Reggie Redding (15 punti) e Leon Radosevic (13 punti) provano a dire la loro, ma il 12.5% da 3 punti parla da solo.

Tutto facile anche per il Panathinaikos, che asfalta il Fenerbahce rendendo amaro il secondo ritorno di Zelimir Obradovic, da avversario, ad OAKA. A.J. Slaughter (23 punti e 7/10 da 3) guida i “greens” verso il successo, con Antonis Fotsis (13 punti e 6 rimbalzi) ed Esteban Batista (14 punti e 5 rimbalzi) che non fanno mancare il loro apporto. L’ex Ulker davvero maluccio, salvata la pace di Nemanja Bjelica (16 punti, 5 rimbalzi e 2 recuperi) e Jan Vesely (13 punti e 8 rimbalzi).

La bolgia della Beogradska Arena resta immacolata, perché anche il Valencia, dopo il Galatasaray, ci lascia le penne. La Stella Rossa vola grazie a Boban Marjanovic (16 punti, 9 rimbalzi e 3 assist) e Marcus Williams (14 punti, 8 assist e 4 rimbalzi), il Valencia abbozza la reazione con Sam Van Rossom (12 punti e 3 recuperi) e Dwight Buycks (14 punti), ma esultano gli oltre 15.000 in rosso.

Inaspettata sofferenza del Cska, che a Zagabria riesce ad avere la meglio, del Cedevita, solo nelle battute finali. Serve tutta l’ispirazione di Nando De Colo (14 punti e 5 rimbalzi) per sbancare la Drazen Petrovic Arena, perchè Nemanja Gordic (21 punti con 8/13 dal campo) non molla la presa, ma alla fine l’Armata Rossa, un pò spuntata, riesce a prevalere.

Successo per Malaga, che fa valere, ancora una volta, il fattore campo e batte i francesi del Limoges. Terzo quarto decisivo, quando gli andalusi, col break di 25-14, scavano il solco, e la rimonta dei transalpini è comunque inadatta al contesto. Fran Vazquez (13 punti, 4 rimbalzi e 2 stoppate) e Mindaugas Kuzminskas (11 punti, 5 rimbalzi, 2 assist e 2 stoppate) sono i protagonisti della vittoria dell’Unicaja, al Limoges non bastano i pur ottimi Leo Westermann (10 punti, 9 assist, 5 rimbalzi e 3 recuperi) e Jamar Smith (14 punti, 5 assist e 4 rimbalzi).

Tutto nella norma per il Barcellona, che vince facile contro il Turow, conservando la testa del girone C, a punteggio pieno. Catalani al trotto in avvio, poi la difesa sale di tono, i polacchi vedono il canestro col contagocce e il Barça scappa, trascinato da Justin Doellman (20 punti, 8 rimbalzi e 2 recuperi) e DeShaun Thomas (16 punti e 4 rimbalzi). Il solito Damian Kulig (19 punti, 5 rimbalzi e 2 recuperi), in casa Turow, risponde, come sempre, presente, il problema è che, se anche Mardy Collins lo abbandona, diventa una chimera anche restarci in partita, non solo vincere.

Punteggio pieno anche per l’Olympiacos, che resta capolista nel girone D, anche se, a Klaipeda, serve un over time per avere la meglio di un ottimo Neptunas. Vassilis Spanoulis (34 punti, 7 assist e 5 rimbalzi) esagera, Kostas Sloukas (13 punti, 5 rimbalzi e 3 assist) e Bryant Dunston (10 punti, 5 rimbalzi e 3 assist) seguono a ruota, Simas Galdikas (13 punti, 11 rimbalzi e 2 assist) e Donatas Zavackas (14 punti, 9 rimbalzi e 4 assist) provano a rendere speciale l’Halloween del Neptunas, ma sorride il Pireo.

In tema di sofferenza ne sa qualocosa il Laboral Kutxa, che riesce ad avere la meglio del Galatasaray solo alla fine. Colton Iversone (17 punti e 6 rimbalzi) e Thomas Heurtel (17 punti, 8 assist e 4 rimbalzi) regalano la gioia a Marco Crespi, Vladimir Micov (20 punti e 4 assist) e Zoran Erceg (24 punti e 5 rimbalzi) sciorinano la prestazione, ma i 2 punti sono dei baschi.

Commenta
(Visited 10 times, 1 visits today)

About The Author