Finisce l'incubo: Legnano torna alla vittoria

Sfida salvezza se c’è ne una per i Knights che fanno visita alla US Basket Recanati, squadra con la quale Legnano lotta per gli ultimi posti per una salvezza diretta senza passare dai playout.
PalaCingolani con buona presenza di pubblico e soliti 30 irriducibili legnanesi a seguito, per una gara davvero determinante.

La partita inizia con il canestro di Pierini e la risposta di Laudoni da tre, per una partenza scoppiettante da parte di entrambe le squadre.
Lawson mette a segno un paio di canestri in fila, tra cui uno spettacolare alley hoop, ma capitan Maiocco (10 punti, 6 rimbalzi, 3 assist) è ispirato e i suoi 4 punti in fila, tengono il match sul 8-7.
Il secondo centro da tre di Laudoni, (6 punti, 1 rimbazlo) porta i Knights al primo vantaggio sul 8-10, ma Lawson (25 punti, 10 rimbalzi) è incontenibile in area e il suo gioco da tre punti non fa scappare la Europromotion.
Laudoni, purtroppo cade male su un intervento difensivo e dovrà abbandonare la gara, con un gomito gonfio, da ispezionare in settimana.
La schiacciata di Pacher è il 11-14, poi l’appoggio di Raivio il 11-16, ma Maspero, sente aria di derby e infila la schiacciata che blocca la fuga legnanese.
Pacher (15 punti, 4 rimbalzi) ne mette altri due, e il quarto si chiude sul 13-18, con una buona dose di tensione per entrambe le squadre.

Sollazzo riapre con il canestro da sotto, poi Maspero con la tripla, e così, sul 18-18, Ferrari ferma la partita per la prima volta.
Il bel semigancio di Pacher al rientro, è un bel segnale per Legnano che però ha difficoltà a contenere le iniziative delle guardie marchigiane, che attaccano spesso uno contro uno.
Martini segna un canestro avventuroso in mezzo all’area, poi Palermo infila la tripla piazzata del 18-25 e ora è Sacco a dover chiamare timeout, per evitare che l’emorragia sia letale.
Dopo il minuto di sospensione, la schiacciata di Lawson da morale a Recanati, che viene però ancora affondato dalla tripla di Raivio del 20-28.
Una bella azione difensiva di Martini, regala ai Knights il pallone del 20-31 con la tripla di un Palermo (16 punti, 6 rimbalzi, 4 assist) molto preciso da fuori.
Maiocco mette una tripla difficile dall’angolo allo scadere dei 24”, poi Raivio arriva al capolinea per un gioco da tre punti, e Legnano diventa padrona di una gara che gioca, ora, con molta più calma e sicurezza.
Sollazzo segna il -13 per i suoi, poi Lawson il -11, ma Raivio è “on fire” e alza ancora la mano per un canestro da lontano, quasi come il buzzer beater di Martini con la “tabellata da 3” per il 26-42 dell’intervallo.

Dopo la pausa lunga, i Knights riaprono come avevano chiuso, con la bomba di Palermo, ma Lawson fa 6 punti con 2 tiri, dando idea della voglia di Recanati di non uscire dalla gara.
Sollazzo (15 punti, 8 rimbalzi, 5 assist) e Pierini tengono aperto il parziale gialloblu, e Ferrari, sul 37-45, vuole invertire l’inerzia, chiamando timeout.
Traini ne mette altri tre, ma Raivio (20 punti, 3 rimbalzi, 6 assist) da sotto ferma il parziale negativo per il 40-47 a circa metà del quarto.
Recanati, forse ispirata dall’All Star Saturday, continua il suo shootout da tre, anche se la bomba di Maiocco è provvidenziale per il 45-50.
Raivio scappa in contropiede, mentre Sollazzo inventa un canestro allo scadere dei 24” molto molto complesso.
Lawson completa un gioco da 3 punti per il 50-52, punteggio che appare sul tabellone dopo 30’, e riapre una gara che a tratti sembrava quasi chiusa.

Traini (11 punti, 3 assist) riapre con la tripla del +1 Recanati, ma il bel gioco a due, tra Palermo e Pacher, riporta Legnano con il naso avanti.
Lauwers (9 punti, 3 rimbalzi, 3 assist) infila un’altra tripla, ma Pacher è ancora servito in mezzo all’area per la schiacciata del pareggio.
Dal pareggio si susseguono diverse azioni di pura confusione cestistica, fino ad un tecnico per flopping abbastanza generoso fischiato su un’azione difensiva a Maiocco, che la USBR capitalizza con 4 punti per il 62-56 a 6’ dalla fine della gara.
Palermo si butta dentro e guadagna i liberi del 62-58, poi mette la tripla del 62-61 e rovescia ancora l’inerzia di una gara sempre in bilico.
Il sorpasso è firmato dalla bomba di Raivio che porta Legnano al +2 dopo il baratro e, sulla persa di Sollazzo, Sacco chiama un timeout obbligato, per l’importanza del momento della gara e, forse, della stagione.
Con la palla in mano i Knights segnano la tripla con Pacher del 62-67, ma Pierini (10 punti, 5 rimbalzi) è il capitano e lo dimostra con la tripla del -2 a circa 3’ dalla fine.
Martini (9 punti, 2 assist) segna di prepotenza da sotto, poi ruba e va in contropiede per il 66-71, ma Lawson affonda il 68-71.
Dopo un errore di Recanati, Palermo trova l’autostrada spianata per l’appoggio da sotto del 68-73 a 55” dalla fine.
Sacco chiama ancora minuto per parlarci sopra e avanzare la palla a metà campo e, dopo la mini pausa, Lawson schiaccia ancora da sotto.
Ora però i Knights sono in fiducia e la penetrazione di Maiocco regala a Pacher i liberi del 70-75.
Sacco chiama il suo ultimo timeout a 34” dalla fine, anche se ormai le speranze dei padroni di casa, sono nell’ordine del lumicino.
Il fallo a rimbalzo di Martini, manda in lunetta Lawson, che fa 1/2, ma un tocco di tre mani a rimbalzo, fa schizzare la palla a canestro per il 73-75.
Raivio, recupera un fallo, ma anche lui fa 1/2 e il +3 non è una sicurezza.
Maiocco spende, intelligentemente, un fallo per evitare la tripla, e gli dei del basket guardano verso Legnano e fanno fare a Lauwers 1/2, del 74-76 a 8” dalla fine.
Ferrari chiama minuto.
La rimessa in zona d’attacco per i Knights produce una palla persa, ma Procacci cade fuori dal campo, e regala nuovamente la palla ai biancorossi.
Sulla seconda rimessa in attacco, Pierini recupera la palla, ma commette passi e il tempo ormai è scaduto.

Suona la sirena e Legnano alza le braccia. Dopo oltre 2 mesi di astinenza nuovo foglio rosa e vittoria nella gara più importante della stagione fino a questo momento.
Vittoria che vale il doppio visto la vittoria dell’andata e la contemporanea sconfitta di Jesi.
Il turno infrasettimanale non aiuterà i Knights a recuperare gli acciacchi, ma la vittoria da morale e spezza un periodo negativo che durava, obiettivamente, da troppo tempo.

 
 
 
 
Basket Recanati – Europromotion Legnano 74-76 (13-18, 13-24, 24-10, 24-24)

Basket Recanati: Attilio Pierini 10 (2/3, 2/7), Dimitri Lauwers 9 (0/1, 2/8), Andrea Traini 11 (1/1, 3/6), Alessandro Procacci, Giovanni Allodi, Giacomo Maspero 4 (2/3, 0/2), Kenny Lawson 25 (8/11, 2/9), Adam Sollazzo 15 (5/8, 1/3) N.E.: Davide Raponi, Salvatore Forte, Obinna Raphael Nwokoye, Luca Amorese
Tiri Liberi: 8/11 – Rimbalzi: 40 28+12 (Kenny Lawson 10) – Assist: 15 (Adam Sollazzo 5) – Cinque Falli: Andrea Traini

Europromotion Legnano: Alberto Navarini, Federico Maiocco 10 (1/3, 2/6), Matteo Palermo 16 (1/3, 4/7), Matteo Martini 9 (3/3, 1/1), Giovanni Fattori, Andrew Joseph Pacher 15 (5/9, 1/4), Nikolas Thomas Raivio 20 (6/8, 2/5), Stefano Laudoni 6 (0/1, 2/3) N.E.: Alessandro Guidi, Edoardo Tognati, Michael Sacchettini
Tiri Liberi: 8/9 – Rimbalzi: 25 23+2 (Federico Maiocco, Matteo Palermo 6) – Assist: 17 (Nikolas Thomas Raivio 6)

Massimiliano Giudici
Commenta
(Visited 19 times, 1 visits today)

About The Author