Fortitudo Bologna-Friuladria Pienne 87-81

Fortitudo Bologna-Friuladria Pienne 87-81 (23-20, 46-41, 58-61)
Il Pienne gioca una bella partita nello storico palazzetto di Piazzale Azzarita,
purtroppo, come contro Udine, fa il pieno di complimenti, ma non arrivano i due
punti. La cornice degna della serie A1 non fa tremare le gambe ai biancorossi, scesi
sul parquet con lo spirito giusto e capaci di piazzare subito un break di 6-0 grazie ad
un tripla del pistolero Palombita ed un canestro con fallo di Ferrari. Il numero 14
pordenonese è in grande forma e affonda spesso e volentieri nella difesa felsinea.
Alla fine il suo tabellino riporta 21 punti, 8 su 8 da due, una bomba su due tentativi
e due su tre dalla linea della carità. Solo l’uscita per cinque falli ha messo freno alla
super partita di “Ferro”. La difesa biancorossa fatica più del solito, contro
comunque il migliore attacco del girone, la fase offensiva risponde però colpo su
colpo, peccato per alcuni canestri facili sbagliati in momenti topici della gara e per
non aver saputo capitalizzare un fallo tecnico fischiato ai padroni di casa (fischiata
simulazione a Sorrentino, in versione Tania Cagnotto). La partita è bella ed
emozionante, nel finale punto a punto il tifo infuocato della Fossa dei leoni spinge i
padroni di casa verso la vittoria, resa più rotonda dai numerosi liberi del finale. Per
il Pienne arriva la prima sconfitta in trasferta, ma resta la consapevolezza di aver
giocato alla pari con un’altra big del campionato.
Nota di merito per la cinquantina di sostenitori pordenonesi che hanno colorato il
settore ospiti. Non era facile far sentire i loro cori nella bolgia del Paladozza, ma ci
sono riusciti. Speriamo di tornare al più presto a regalare loro una vittoria.
Ciocca, al termine della gara, è soddisfatto della prova dei suoi:

Ciocca, al termine della gara, è soddisfatto della prova dei suoi:
“Giocare meglio di così non era possibile, contro una Fortitudo che dal turno
scorso aveva recuperato tutti gli effettivi. Siamo rimasti sempre in partita,
nonostante un clima, sportivamente parlando, molto complicato. I ragazzi sono
stati molto bravi ad estranearsi dal contesto e a rimanere sempre concentrati. Mi
è piaciuto lo spirito di tutti.
Ovviamente arrivando a giocarsela punto a punto nel finale, c’è rammarico per la
sconfitta, ma questo ci deve insegnare che dobbiamo lavorare ancora tanto.
Contro Udine e Bologna abbiamo giocato alla pari, disputando due gare ottime
dal punto di vista dell’impatto mentale, adesso cerchiamo di mantenere una
posizione importante in classifica, in un girone durissimo.
Sarà importante non sentirsi appagati del buon lavoro fatto fin’ora, già
domenica, contro Lugo, ci aspetta una gara durissima, psicologicamente molto
importante.”
I tabellini:
Fortitudo Bologna: Candi NE, Valentini 17, Lamma 14, Grilli 6, Iannilli 8,
Samoggia 17, Montano 10, Sorrentino 6, Mancin 7, Raucci 2. All: Vandoni
Pienne Pordenone: Toscano 2, Di Prampero 6, Colamarino 11, Nobile 3,
Palombita 18, Ferrari 21, Begiqi NE, Varuzza 8, Zambon 8, Visentin 4. All. Ciocca

Commenta
(Visited 7 times, 1 visits today)

About The Author