Frassati Ciampino riabbraccia coach Andrea Sardo, ecco le sue prime parole da nuovo head coach

L’uomo che quattro anni fa ha portato Frassati alla prima storica promozione dalla serie D alla C Silver, torna al comando. Guiderà la prima squadra nel campionato di C Gold 20/21. Queste le sue prime parole da allenatore, raccolte dall’Ufficio Stampa Frassati Ciampino Basketball.

“Sono contento di tornare al Frassati perché quella stagione che si concluse con la promozione in C Silver resta indelebile nella mia memoria. Sono convinto che ci siano tutte le condizioni per riprendere quel filo, e costruire ancora qualcosa di positivo. Allora fu una splendida cavalcata, con una squadra fantastica che riuscì a trovare l’amalgama in tempi brevissimi. Il ricordo dei playoff è per me tuttora vivo e mi sento come se dovessi completare il percorso avviato. Sapevo, in quella stagione, che la mia permanenza al Frassati si sarebbe dovuta interrompere nell’estate successiva: per esigenze familiari e per l’opportunità che mi era stata offerta di allenare in C-Gold a Ostia, a due passi da casa. Ma ora, dopo gli anni all’Alfa – a cui sono legato e dove giocano i miei figli – ho voglia di tornare sul campo di gioco. Il Frassati è un grande opportunità. E il mio motto è quello di sempre: il meglio deve ancora venire…”

Il nostro Direttore Generale Fabio Cecchetti ti ha voluto riportare qui a tutti i costi. Com’è andata la trattativa?

“Oltre all’amicizia maturata nel tempo, nutro verso Fabio una profonda stima, una condivisione nel modo di vedere il basket e nel valutare giocatori e gestione della squadra. Una delle ragioni della crescita del Frassati in questi anni sta proprio nella qualità del suo gruppo dirigente: questo conta molto per il destino di un club. Ho avuto qualche esitazione – lo confesso – ma soltanto per i problemi logistici legati al lavoro e alla famiglia.”

Che squadra e che stagione ti aspetti?

“Mi aspetto una squadra che abbia ambizione, che abbia voglia di emergere nel contesto del basket regionale. È molto importante che i giocatori siano consapevoli, e contenti, di militare in una società che si prodiga per farli giocare in C Gold al meglio delle sue possibilità. Dobbiamo avere uno spirito costruttivo e accumulare energia positiva per raccogliere le sfide, e alzare l’asticella ogni giorno di più. Ci vuole lavoro, fatica, sudore. Ma anche testa. Per lavorare divertendoci. L’obiettivo è fare bene. Non è ancora il momento di fissare un traguardo preciso: in che posizione arriveremo, dipenderà da quanto saranno forti gli altri e anche, direi soprattutto, da quanto sapremo migliorarci.”

FONTE: Ufficio Stampa Frassati Ciampino

Commenta
(Visited 27 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.