Geas Basket, troppo poco in attacco per battere Venezia

Altro stop per il Geas Basket, che cede il passo alla Reyer Venezia perdendo sul campo casalingo del PalaNat 56-38. Una prestazione, quella delle rossonere, non sufficiente: pur contro una formazione nettamente più forte e completa (Venezia gioca anche l’Eurocup): il Geas visto stasera non ha mai impensierito le avversarie, giocando una pallacanestro offensiva deficitaria e lasciando alla Reyer spazi troppo evidenti e troppi palloni a disposizione. Infortuni, assenze e poca fiducia si sono fatte sentire per le ragazze di coach Zanotti, troppo legate alla verve offensiva di Mandache, stasera marcatissima dalla difesa di coach Liberalotto, e poco capaci di trovare alternative offensive. Venezia, pur senza brillare, ha controllato gioco e punteggio per quasi tutta la gara, portando a casa la vittoria.

“Stasera – commenta coach Zanotti – abbiamo fatto davvero tanta fatica, soprattutto in attacco. La difesa nel primo tempo ha tenuto bene, ma dall’altra parte c’è stata poca intensità, poca convinzione e poca voglia di attaccare il canestro. A tratti non siamo state brave nell’andare fino in fondo, abbiamo tirato infatti pochissimi liberi e in generale preso troppi tiri difficili e lontani dal canestro. Dobbiamo toglierci di dosso tutta la paura che abbiamo, Venezia non è un’avversaria semplice ma potevamo di sicuro fare qualcosa di più. Non deve mai e poi mai mancarci la fiducia, che dobbiamo costruire in settimana e che dovremo tradurre poi sul parquet”.
Eppure la partita era cominciata bene per le rossonere: nei primi minuti, pur avari di realizzazioni, le rossonere si portano sul 4-0 grazie alla solita Mandache, poi la Reyer prende in mano il pallone con lucidità e pian piano comincia a macinare gioco. Le geassine reggono fino all’8-8 grazie all’energia di Brown, ma le avversarie sono più precise nell’esecuzione dei giochi e, nonostante percentuali decisamente da rivedere, chiudono il primo periodo in vantaggio 10-12. Nel secondo parziale le rossonere ci provano col quintetto piccolo, ma a correre è la Reyer, brava a sfruttare la potenza di Christmas e l’energia di Carangelo. Le geassine puntano
su Mandache, ma la romena è ben isolata dalla difesa mista di Venezia, che su di lei piazza a turno Sandri e Pan mentre le altre, con una zona molto mobile, chiudono gli spazi alle tiratrici Geas. Così, punto su punto, le ospiti scappano via: all’intervallo il punteggio dice 15-25.
Nel secondo tempo la musica non cambia: Ercoli si fa vedere in post, la difesa rossonera con qualche raddoppio riesce a togliere ritmo alla Reyer, ma l’attacco continua a non funzionare, così Venezia scappa via, pur senza brillare. Solo il 3/3 dalla lunetta di Barberis evita un parziale pesantissimo alla sirena, quando il punteggio dice 30-41. Nell’ultimo periodo le cose non migliorano, Christmas sale in cattedra (13 alla fine per lei) e Venezia chiude di fatto i giochi con la tripla di Bagnara (32-49).
Prossimo impegno, la trasferta di Parma.

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author