Geofarma, con Vasto per dare continuità alla vittoria di Martina Franca

Qualche giorno di risposo fisico e mentale e da martedì tutti nuovamente sul parquet per preparare l’importantissima sfida contro Vasto.  Dare continuità alla bella vittoria di Martina Franca, il dictat, come successo all’andata quando in Abruzzo i ragazzi di coach Cazzorla conquistarono il loro primo successo esterno della stagione con una gara accorta e coriacea dal terzo quarto in avanti. Sei gare alla conclusione della regular season e le prossime due interne  – Vasto appunto e Taranto  – autentiche sfide dal valore non misurabile. Il gruppo è carico, il golpe ionico coinciso con l’arrivo di Sorrentino ha portato una ventata di tranquillità e ha aumentato il livello d’autostima che è ingrediente assolutamente imprescindibile per puntare ad ottenere risultati. C’è da cancellare l’onta dell’ultima interna, la resa incondizionata a Porto Sant’Elpidio che da metà gara trovava campo libero verso i due punti, al cospetto di una squadra visibilmente scossa e allo sbando. Vasto ha 14 punti in classifica, 4 in più della Geofarma, tre le sconfitte di fila, con squadre in lotta per i primi quattro posti (Falconara, Ortona, San Severo) dopo la vittoria interna con Martina Franca. Unico successo esterno della stagione per gli abruzzesi quello di Senigallia del 17 Gennaio, il roster di coach Luise si è rifatto il look rispetto all’andata: via Brighi approdato a Ferrara in A2, sono arrivati a Dicembre il play maker Tracchi – via Agrigento A2 – che nelle nove gare disputate è il miglior realizzatore con 15 punti per incontro e l’uomo più impiegato con quasi 34 minuti di utilizzo per match, e Alessandri Tabbi nella finestra di Mercato chiusa il 28, Ala Grande/Pivot. Jovancic sempre l’esterno più pericoloso abbonato al tiro dalla grande distanza (58 palle in rete su 171 tentativi), Casettari l’uomo d’area e deputato a mettere in cantiere palle vaganti assieme a Di Tizio (6.5 e 4.7) e infine l’immarcescibile Di Pierro esperienza in gran quantità e  quasi 10 punti di media per incontro. “Una sfida cruciale – il pensiero del giovane Matteo De Leone, classe 1997, assoluta sorpresa in positivo per questa stagione non solo ristretta al campionato Geofarma, ma autentica rivelazione dell’intero Girone D,  18 minuti e 6.3 di rimbalzi portati a casa  – la gara di Martina Franca spero possa essere davvero quella della svolta perchè ha influito in maniera positiva sul morale nostro e della dirigenza. Nonostante la pausa che ha reso più lontana questa sfida ma che ci ha permesso di recuperare al meglio i tanti acciaccati siamo concentratissimi sui 40 minuti che ci attendono. Posso dire che sarà una battaglia, troveremo un Vasto diverso da quello dell’andata e non dobbiamo pensare a quella gara.” Poi Matteo si sofferma sul rendimento personale: “Spero di continuare a far bene, questa mia prima esperienza in serie B si sta rivelando molto positiva ed il merito di questo impatto è da dividere con i compagni che mi han messo nelle condizioni di esprimermi al meglio e con coach Cazzorla e la società che hanno creduto e credono in me.”

Fai la cosa che pensi di non poter fare. Fallisci. Provaci ancora. Fai meglio la volta successiva. La sola gente che non cade mai sono quelli che non salgono mai sulla corda tesa. Questo è il tuo momento. Possiedilo.
(Oprah Winfrey)

 

 

Donatello Biancofiore

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author