Germani Brescia, Diana: "La vittoria contro Venezia è più di un'impresa"

C’è grande euforia nell’ambiente della Germani Brescia, dopo la vittoria di ieri sulla Reyer Venezia (72-70), nel primo anticipo della 15.esima ed ultima giornata di andata della Serie A 2018/19. Una vittoria sudatissima, giunta al termine di un match emozionante e vissuto punto a punto, che ha esaltato i 4.225 spettatori di un PalaLeonessa infuocato.

Felicissimo, ovviamente, coach Diana: “Stasera la squadra ha fatto un lavoro straordinario, e parlare di questa vittoria come di un’impresa è quasi riduttivo. La nostra difesa è stata eccezionale, concedendo solo 28 punti nel secondo tempo a una squadra come Venezia che ne aveva segnati 42 nei primi due quarti. Abbiamo chiuso l’area come prevedeva il nostro piano partita e ci siamo buttati su tutti i palloni“.

È stata una partita di grande sacrificio, anche perché solo così si battono squadre forti come la Reyer. Le basse percentuali che abbiamo tenuto ai liberi e da tre enfatizzano ancora di più lo sforzo che abbiamo profuso per portare a casa il risultato” – aggiunge Diana – “Ma tutto parte dalla difesa. Tutti i miei giocatori stasera avevano in testa la squadra. Moss ha giocato 32′ da playmaker, Laquintana è sceso in campo anche se influenzato. Aver visto la squadra che si sacrifica mi dà tanta felicità e soddisfazione. Abbiamo lavorato sodo durante la settimana e il lavoro paga sempre“.

Dalle colonne del Giornale di Brescia arriva tutta la soddisfazione del patron Matteo Bonetti: “Un grandissimo risultato. Con questo pubblico si va ovunque. Dobbiamo essere così sempre, perchè così si vince, sempre!“. Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente, Graziella Bragaglio: “E’stata la vittoria della città, del pubblico, dei ragazzi in campo, del coach e di tutti noi“.

Commenta
(Visited 32 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.
Per Info