Gesam Gas&Luce recupera nel finale, ma garauno è di Schio per un punto

Che lotta, che spirito, che grande cuore, per non aggiungere grandi attributi di Gesam Gas&Luce che, in garauno di finale scudetto, mette i brividi alla super potenza Famila Schio, andando ad un soffio dalla vittoria, sfuggita nei secondi finali. Si è visto di tutto questa sera, davanti ad un pubblico meraviglioso, in una gara finita 57-56 per le campionesse d’Italia, team che ha condotto il ritmo per gran parte della sfida, per poi subire il prepotente ritorno delle lucchesi, in mezzo a tanti fischi arbitrali a volte incomprensibili. Un match duro, fra le due squadre sicuramente più forti del campionato, che fra meno di 48 ore si ritroveranno al PalaTagliate per un’altra sfida spettacolare.

 

Subito grande intensità e lotta su ogni pallone fra le due squadre. Lucca gioca senza paura e fa bene, mentre Schio difende con ordine e trova in Anderson una cecchina infallibile 1/1 da due e 2/2 da tre). Crippa risponde presente, il pubblico si infiamma, ma è l’equilibrio a regnare sovrano e alla fine del quarto lo score segna 14-12 per le orange. Ress e Walker provano a lanciare la fuga, Harmon e Dotto ricuciono, poi Yacoubou, Gatti (tripla) e Zandalasini trovano i punti del +8, 25-17, al minuto 14. Gesam recupera palloni, costruisce, ma la sfera non vuole entrare; dall’altra parte le ospiti mantengono sopra il 40% le percentuali, toccano anche il +12 nel quarto, ma le biancorosse non mollano e ai liberi rosicchiano qualche punticino (29-20). Nel finale proteste vibranti per un canestro di Harmon sulla sirena e non convalidato, con un tecnico alla panchina di Lucca e, come se non bastasse, successivo canestro di Sottana che chiude la frazione sul 32-21 Famila, sicuramente più concreta e concentrata in difesa.

 

Nella ripresa è ancora una battaglia durissima, ma sono le ospiti con il duo Walker-Yacoubou a dare una scossa al match (41-23). Il ferro maledetto sputa fuori le conclusioni lucchesi, ma Crippa e compagne non mollano e tornano sotto con caparbietà (43-29 al minuto 25). Nel finale colpo su colpo e otto punti a testa, con le orange che si assicurano con merito il +14, 51-37, con ben 9 giocatrici a referto. Ultima frazione incredibile. Le biancorosse, con un cuore immenso e spinte da Wojta raggiungono il -10, segna Ress, e risponde ancora la numero 10 biancorossa, poi Harmon dalla lunetta, Crippa e il PalaTagliate esplode, perchè il punteggio segna un -5 pazzesco, 55-50, a tre dal termine. Mendez schiera il quintetto pesante, Yacoubou, Sottana, Anderson, Macchi e Walker, ma che vuoi che sia, perchè Lucca non molla di un centimetro e con Harmon arriva al -3, con un minuto e mezzo sul cronometro. Famila in confusione non segna più, Pedersen sì, ed è -1, poi ancora Gesam recupera palla, Dotto subisce fallo e realizza il 2/2 del sorpasso, a 17 secondi dalla fine (56-55) e time out orange. Si riparte e segna Macchi con un arresto e tiro micidiale il 57-56, poi time out Gesam, rimessa e palla in mano a Dotto che tira, ma la palla non entra e la sirena pone fine alle ostilità.

 

Siamo stati sottotono per tre/quarti di gara – dichiara coach Diamanti – . Abbiamo subito il ritmo di Schio, poi è cambiato qualcosa nella nostra mente. Con le spalle al muro abbiamo reagito, recuperato palloni e fatto finalmente quello che sappiamo fare. Peccato, perchè è mancato poco davvero. Questo dimostra la voglia e la determinazione che abbiamo. Prendiamo di buono questo ultimo quarto, anche se sappiamo che ogni partita avrà la sua storia”.

 

 

Il tabellino:

 

Lucca-Schio: 56-57 (12-14; 21-32; 37-51)

 

Gesam Gas&Luce: Viale ne, Templari , Dotto 8, Wojta 9, Reggiani 3, Harmon 12, Crippa 11, Gaeta ne, Laterza ne, Mandroni ne, Pedersen 13, Gatti ne. All. Diamanti

 

Famila Schio: Yacoubou 10, Gatti 5, Sottana 8, Battisodo ne, Anderson 12, Masciadri , Walker 7, Zandalasini 2, Ress 6, Macchi 5, Bestagno 2. All. Mendez

 

Arbitri: Francesco Terranova di Ferrara, Jacopo Pazzaglia di Pesaro e Christian Mottola di Taranto

 

Lorenzo Vannucci

Addetto stampa Basket Femminile Le Mura

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author