I giganti non completano la rimonta, vince Bologna 89-72. Coach Pasquini: "È mancata la reazione"

Al PalaDozza la Dinamo cede alla Virtus Segafredo Bologna al termine di una gara combattuta in cui i biancoblu dopo aver subito un break importante erano riusciti a costruire una bella rimonta. Negli ultimi due minuti di gioco la nuova offensiva delle VNere che chiudono per 89-72

La sfida. Stariting five Virtus Gentile, Ndojia, Slaughter, Aradori e Lafayette, Banco in campo con Spissu, Stipcevic, Randolph, Polonara e Jones. Le VNere partono forte con Gentile e Ndoja, Spissu rompe subito il ghiaccio dall’arco, Randolph e Polonara tengono il contatto, Slaughter accende l’attacco bolognese ma Polonara e Spissu firmano il sorpasso. Il Banco contiene la transizione della Virtus e costruisce. La prima frazione di chiude 18-21 Dinamo.Planinic dalla lunetta allunga, Gentile tiene i suoi a un possesso, ancora il centro biancoblu da sotto poi Jones. I bolognesi tengono il contatto, Umeh accende l’attacco e sigla il sorpasso. I sassaresi rimangono a contatto ma Gentile e Aradori siglano un brek di 6-0 nell’ultimo giro di cronometro, Planinic allo scadere contiene e i primi 20’ di gioco si chiudono 41-37. Nella ripresa gli uomini di coach Ramagli mettono a segno un break importante (14-0) con Slaughter e le triple di Aradori e Ndoja per il 54-37 dopo poco meno di 3 minuti di gioco. Randolph, Hatcher e Jones ad inseguire. Ancora sotto le bombe bianconere Hatcher e Bamforth dall’arco accendono la rimonta per il -7 e Pierre dalla lunetta per chiudere sul 66-60. In avvio di ultimo quarto il Banco tiene, Randolph riaggancia ad un solo possesso.  Le VNere scappano di nuovo con Umeh e Aradori e Lafayette, Slaughter in contropiede schiaccia e chiude i conti per 89-72.

Sala stampa. Coach Federico Pasquini commenta a caldo il match: “Tolto l’approccio dell’inizio terzo quarto, che ha segnato la partita per il fatto che nei primi due minuti abbiamo mollato e poi ci ha costretto a fare un enorme sforzo per riportarci da -17 a -1, sono soddisfatto della partita che abbiamo giocato per due ragioni fondamentali: la prima è perché abbiamo fronteggiato una squadra come la Virtus che ha grande energia e gas quando gioca in casa, l’altra è che stasera abbiamo avuto il rientro importante di giocatori che sono rimasti fuori per infortunio per lungo tempo ed è importante per il nostro processo di conoscenza. Credo che la grande distribuzione del minutaggio complessivo sia stato estremamente positiva, tolti i primi minuti della partita e i primi minuti del terzo quarto. Per il resto dobbiamo fare meglio a livello offensivo, ci è mancata la giocata quando avremmo potuto mettere la testa avanti, poi quando loro hanno fatto i canestri per allontanarsi è mancata la reazione”.

Virtus Bologna 89 – Dinamo Banco di Sardegna 72

Parziali: 18-21; 23-16; 25-23; 23-12

Virtus Bologna: Gentile A. 15, Umeh 14, Pajola, Ndoja 8, Rosselli 6, Lafayette 9, Aradori 17, Gentile S. 7, Lawson 5, Slaughter 8. All. Alessandro Ramagli

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 5, Bamforth 6, Planinic 7, Devecchi, Randolph 14 , Pierre 6, Jones 10, Stipcevic 4, Hatcher 12, Polonara 8, Picarelli, Tavernari. All. Federico Pasquini

fonte: Ufficio Stampa Dinamo Banco di Sardegna

Commenta
(Visited 38 times, 1 visits today)

About The Author