Givova Scafati, la Procura Antidoping chiede una maxi squalifica

Si è scatenato un autentico putiferio nelle ultime ore in seguito alla richiesta di una maxi squalifica da parte della Procura Antidoping nei confronti del capo-allenatore, del medico sociale e di due giocatori della Givova Scafati.

Tutto nasce da una foto pubblicata proprio dal tecnico del sodalizio scafatese che ritrae Giorgio Sgobba e Gabriele Romeo mentre si stavano sottoponendo alla somministrazione di flebo.

Una leggerezza quella di coach Calvani che potrebbe costare cara alla Givova Scafati dal momento che la richiesta della procura nazionale antidoping si esplica in un anno di stop per i due giocatori, quattro per il medico sociale e sei mesi per il tecnico.

Una vicenda assolutamente surreale che – stando a quanto riferito dal quotidiano “Il Mattino” – Marco Calvani ha avuto già modo di spiegare essendo stato convocato nelle scorse settimane dagli organi inquirenti.

Per fugare ulteriori fantasiose ricostruzioni mediatiche relative al fatto in questione, la società scafatese ha indetto una conferenza stampa in programma lunedì 29 ottobre alle ore 16 presso la sala stampa del PalaMangano.

Commenta
(Visited 484 times, 1 visits today)

About The Author

Carmine Lione Carmine Lione è uno scrittore e giornalista freelance, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Attualmente iscritto al Corso di Laurea in “Lingue e Culture Straniere” presso l'Ateneo di cui sopra, ha collaborato con varie testate giornalistiche, tra cui zerottonove.it. Ha ricoperto l'incarico di Capo Addetto Stampa della società cestistica Polisportiva Battipagliese ed attualmente presta la sua voce per le telecronache del Basket Bellizzi in onda su LiraTv e del Salernum Baronissi per l'emittente SeiTv. Per quanto concerne la scrittura, nel corso della sua esperienza artistica, ha pubblicato due opere: “Tempi Moderni”, raccolta di racconti edita dalla casa editrice Gruppo Albatros Il Filo e “Luce al neon”, primo romanzo autopubblicato.