Globo Isernia, coach Sanfilippo a TuttoBasket: "Serve maggiore presenza dal punto di vista mentale, vogliamo andare oltre i nostri limiti"

Era l’11 dicembre quando l’Isernia conquistò l’ultima vittoria in campionato; quel giorno ci fu la trasferta a Monteroni di Lecce e i pentri vinsero 64-77. Dopo di che, i ragazzi di coach Sanfilippo hanno perso tre partite consecutive: la gara interna contro Taranto, dopo essere stati in vantaggio per tutta la partita, crollando nell’ultimo quarto di gioco con un parziale di 11-26 che cancella il vantaggio di oltre 10 punti per l’Isernia, chiudendo sul punteggio di 57-62 in favore dei pugliesi; nella trasferta di Porto Sant’Elpidio, gara nella quale l’Isernia ha fatto fatica a trovare la via del canestro, chiudendo col 47 % da due e con un solo 9 % da tre. Infine, la gara di domenica giocata in casa contro il Campli, è stata solo la copia di molte partite dominate dagli isernini e poi perse nel finale. Tutto è successo negli ultimi dieci minuti di gioco; Isernia aveva in mano il totale controllo della partita e, dopo essere stata in vantaggio per la maggior parte del tempo, si è vista recuperare negli ultimi minuti. Dopo un parziale di 7-0 che aveva fissato il punteggio sul 65-54, i ragazzi di coach Sanfilippo sono crollati improvvisamente, subendo un contro parziale di 14-0 che ha permesso a Campli di recuperare e di segnare il canestro del definitivo 67-70 a poco meno di dieci secondi dalla fine. Al suono della sirena è tanto il rammarico in casa Isernia che, nella prossima giornata affronterà la difficile trasferta di Bisceglie; Campli invece, si riprende dopo la brutta sconfitta subita in casa nel derby contro Pescara (60-84); in settimana si preparerà in vista della gara interna di domenica contro l’altra molisana Venafro.

Nonostante tutto, Il Globo Isernia occupa una zona della classifica abbastanza tranquilla; ferma a 10 punti, alla pari di Ortona e Taranto e a distanza di 4 punti dagli ultimi tre posti (occupati da Perugia, Monteroni e Venafro). Non si perde d’animo dunque, la squadra pentra, che già riprende gli allenamenti in vista della gara di Bisceglie. Abbiamo fatto il punto della situazione insieme al coach dell’Isernia, Antonino Sanfilippo:

<<Coach, anche se le vittorie sono solo cinque, avete chiuso un buon girone di andata, esprimendo un bel gioco anche contro le migliori squadre del girone. Oltre alla salvezza, puntate a qualcosa di più a questo punto? >>

<< Assolutamente no, l’obiettivo primario è quello di stare con i piedi per terra e pensare a giocare bene ogni partita. >>

 

<< La partita di domenica contro Campli è stata decisa nell’ultimo quarto di gioco; avevate iniziate con un parziale di 7-0 e poi c’è stato un black-out. Non è la prima volta che succede quest’anno; come si superano questi fattori così negativi?

<< Serve maggiore presenza soprattutto dal punto di vista mentale. Dobbiamo evitare di commettere falli sciocchi durante la parte difensiva, perché concedono agli avversari molti punti a cronometro fermo; mentre in attacco, dobbiamo essere più decisi e dobbiamo sfruttare bene ogni azione senza mai perdere il ritmo. >>

 

<< Nella prossima giornata affronterete la trasferta di Bisceglie; come pensa di preparare la squadra per una partita così difficile? >>

<< Lavoreremo per avere maggiore durezza mentale e una solida applicazione difensiva. Dobbiamo avere la voglia di andare oltre i nostri limiti, consapevoli di chi abbiamo davanti. E’ una squadra molto forte fisicamente, ma questo non è un fattore che deve demoralizzarci. >> 

Commenta
(Visited 66 times, 1 visits today)

About The Author

Lorenzo Neve Sono nato a Isernia il 19-08-1996, mi sono diplomato all'istituto tecnico per geometri e sto continuando gli studi per l'abilitazione di geometra. Ho giocato a basket per circa 10 anni e seguo molto la pallacanestro italiana ed europea.