Golfo Piombino, con Pavia dieci leoni

Col Pavia ” 10 LEONI “

Pavia, partita bene in campionato con 10 punti nelle prime 8 partite, si è bloccata ed ha infilato domenica con Monsummano la 5 sconfitta consecutiva, ma se le prime tre di queste non suscitavano scalpore, in quanto, due erano in trasferta, contro squadre di prima fascia come Varese e Cecina e l´unica in casa era con la superfavorita Siena, partita peraltro quest´ultima, persa all´overtime, dopo aver condotto a lungo andando anche sul più 15, le ultime due sconfitte invece credo preoccupino molto i tifosi e lo staff tecnico dei pavesi, con Valsesia mai in partita e con un Monsummano ultimo in classifica e reduce anche lui da una lunga serie di insuccessi, culminati col cambio dell´allenatore, la sconfitta arriva dopo un supplementare.

Erano altre le aspettative dei pavesi, che con l´acquisto del giovane, ma fortissimo centro Bozzetto (89), 207 cm da Pistoia, dove in serie A conta 16 presenze in prima squadra nella passata stagione, con quello dell´esperto Buscaino (85) ala centro di 202 cm proveniente da Pescara (DNB), col ritorno al basket di Benevelli (88) dopo un anno di inattività e con la voglia e la freschezza del play Savelli(95) e dell´ala centro Villa (95), acquisti ai quali si aggiungono le conferme del nocciolo duro di anno passato, ovvero il play e capitano Fossati (78), la guardia tiratrice Degrada(83), il lungo Cristelli (77) e la giovane guardia Tassone (90), Pavia ambiva ad un campionato da protagonista, mentre ora si trova in lotta per l´ultima posizione per i play/off e a soli 4 punti dalla zona retrocessione.
Squadra dalle spiccate caratteristiche difensive e dall´altrettanto evidente sterilità offensiva, con 63.6 punti subiti sui 40 minuti, è la seconda miglior difesa dopo Siena ed è la migliore in assoluto in trasferta con 60.9 a partita, dati ai quali, come detto, fa da contraltare l´attacco dove con 64.1 di media è la peggiore del girone.
Con 4 giocatori sopra i due metri, Pavia ha ottime percentuali nel tiro dall´area 45% ed è la terza miglior squadra ai rimbalzi con 36.4, squadra però ben attrezzata anche per il tiro dalla distanza con Degrada (34%) e Fossati (38%), il primo dei due è il bomber della squadra con 15 punti di media a partita.
Pavia si presenta a Piombino con un disperato bisogno di vincere, per interrompere la sua serie negativa, ma i pavesi di coach Bianchi arrivando a Piombino troveranno una squadra ferita, quindi rabbiosa e desiderosa di cancellare immediatamente ed in modo inequivocabile la pessima prestazione nel derby, sconfitta che, per il modo in cui è maturata, vale, agli occhi dei tifosi e nel cuore dei giocatori, forse quanto 5 sconfitte consecutive.
Giudicare però la squadra, il suo percorso, con negli occhi la partita di Cecina, non è ne corretto ne giusto, è solo mestiere per gufi, o forse sarebbe meglio dire per avvoltoi, il campionato va giudicato nel suo complesso, la squadra ha sempre lottato, anche con i cerotti e gli antidolorifici, ha sempre dimostrato carattere e compattezza, quindi Fossati e compagni si troveranno sicuramente di fronte dieci leoni e un muro di cemento armato, dieci belve gialloblù affamate di rivincita, che per averla saranno disposte anche ad azzannargli le caviglie e persino a sbranarli, per riportare Cecina subito nella sua giusta dimensione, un incidente di percorso e niente più.
La squadra finora ha fatto bene, abbiamo davanti solo 4 squadre, siamo a 2 punti dal 4° posto, chi non avrebbe messo la firma per essere li a questo punto ?
14 punti che sono frutto di 7 vittorie e 5 sconfitte, con la zona “no play/off” che è 4 punti più indietro, con una proiezione da 28/30 punti finali, insomma in linea con l´obiettivo dichiarato ad inizio anno.
La squadra si è rimessa al lavoro da subito, lunedì niente riposo tutti al Palazzetto, allenamenti tutti i giorni, compreso il 31 e il 1° Gennaio, anche con doppie sedute, per preparare al meglio la partita con i lombardi.
In inizio settimana un infortunio ha fermato Pozzi, distorsione alla caviglia, ma ci sono buone speranze di recuperarlo per domenica, coach Padovano e la squadra sono motivatissimi e non vedono l´ora di tornare in campo .
Ora “VOGLIAMO e DOBBIAMO” battere Pavia e i leoni torneranno così subito a ruggire.

Fonte: Addetto Stampa Stefanini Stefano

Commenta
(Visited 9 times, 1 visits today)

About The Author