Granarolo, Valli: “Siamo 'corti', ci servono energia e aggressività”

Valli: “Siamo “corti”, ci servono energia e aggressività”

Giorgio Valli e la sua Virtus Granarolo sono pronti ad affrontare il tour de force natalizio, tre partite di qui al 29 dicembre, aprendo le danze domani sera alle 20.30 alla Unipol Arena, contro la Vanoli Cremona. Pronti nonostante gli imprevisti, che sono sempre dietro l’angolo nel corso di una stagione, ma questa settimana si sono addensati sul cielo sopra l’Arcoveggio.

“E’ stata difficoltosa, non c’è che dire, dal punto di vista fisico. Soprattutto per il reparto guardie. La partenza di Portannese ha reso ovviamente le rotazioni più corte, poi c’è stato l’infortunio rimediato da Fontecchio a Varese, mentre Imbrò, come avete visto, domenica scorsa non ha neppure messo piede in campo. Simone ieri ha fatto mezzo allenamento, ma conto di recuperarlo. Matteo domani sera si metterà la canotta, ma vedo il suo utilizzo molto difficile, anche se fin qui mi ha sorpreso visto che pensavo che lo avrei avuto disponibile a gennaio, dunque vedremo se magari potrà darci qualche minuto. Anche Benetti ha ancora qualche linea di febbre. Insomma, non è stato semplice: martedì, lo avete visto, ci siamo allenati con sei giocatori, mercoledì erano in sette. E in gara dovremo modificare un po’ l’assetto tattico, non è escluso che White possa avere diversi minuti in posizione da “tre”.

L’elenco è lungo, ma c’è una partita da giocare e il coach della Granarolo non si nasconde, naturalmente.

“Riprendiamo da Varese, da quello che è successo là. E sappiamo che quello che dobbiamo mettere in campo è soprattutto energia. In questo campionato, se parti male ti porti dietro il problema per tutta la gara. E il mio gruppo non ha ancora la capacità, anche tattica, di gestire al meglio un’intera partita. Servono energia e aggressività, da subito. E dobbiamo riuscire a leggere bene la loro organizzazione difensiva. Loro hanno fisicità, tecnica, purtroppo noi non abbiamo avuto la possibilità di svolgere al meglio i nostri compiti a casa. Ma dobbiamo e vogliamo fare bene davanti al nostro pubblico, consapevoli di aver bisogno di questi due punti”.

Anche perché di fronte ci sarà una squadra che merita assoluto rispetto.

“La Vanoli ha italiani da giro azzurro come Cusin e Vitali, ha recuperato Clark, un giocatore che può davvero metterci in difficoltà. E voglio spendere una parola per Gazzotti, prodotto del nostro vivaio, che arriva da un’ottima prestazione e merita l’utilizzo che ha. Dobbiamo riuscire a leggere le loro scelte difensive e soprattutto dobbiamo correre, magari rischiando di commettere qualche sciocchezza in più. Ma con le rotazioni corte non possiamo fare diversamente, sapendo che ci costerà tanto in termini di energia spesa. La strada da percorrere è questa”.

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author