Hasbrouck è mostruoso, Bergamo si arrende a Jesi 86-99

Bergamo non riesce a ripetere la prova convincente contro Piacenza, e cade al PalaNorda contro Jesi sotto i colpi di
uno stratosferico Kenny Hasbrouck, autore di 47 punti. Il finale, 86-99, in favore dei marchigiani, sottolinea la
prova poco incisiva di Ferri e compagni, che solo nel finale sono riusciti a tenere lo scarto entro proporzioni
accettabili. Dall’altre parte, come detto, un Hasbrouck immarcabile, ben supportato da Marini (20 punti) e da
Green, capace di mettere a referto 11 assist. Ora per Bergamo arriva la cruciale trasferta di Roseto; un crocevia
importante in tema salvezza, che i gialloneri dovranno affrontare al massimo delle loro possibilità.
Dopo il primo canestro di Solano, Jesi trova un mini-break di 0-6 chiuso da Hollis (4-6 al 3’), Solano replica a
Rinaldi e con Fattori manda avanti Bergamo (12-11 al 6’). Marini e Green rispondono presente, con Jesi che
riallunga sul 14-22 grazie alle triple del suo numero 13. Bergamo prova a scuotersi con Sergio ma i marchigiani non
cedono, e chiudono il primo quarto in vantaggio 19-25.
Sergio e Hollis rimettono Bergamo in scia, Hasbrouck non ci sta e con otto punti filati ridà margina a Jesi (24-33 al
14’). Bergamo fatica a ritrovarsi, mentre Jesi non si ferma complice anche un fallo tecnico fischiato ai danni di
Mascherpa e trova il massimo vantaggio sul 24-37 grazie al solito Hasbrouck. Ciocca richiama i suoi, chiedendo
molta più intensità difensiva, Hollis e Piccoli colpiscono dall’arco tenendo invariato il divario, ma è ancora
Hasbrouck a piazzare i colpi del +14 (30-44 al 18’). Bergamo subisce i voli del numero 41 in maglia bianca, e Jesi va
all’intervallo lungo avanti 34-52 con l’ultima tripla sempre di Hasbrouck, che all’intervallo ha già 26 punti a
referto.
La musica non cambia ad inizio terzo quarto, con l’esterno jesino che resta di fatto immarcabile e dà il +23 a Jesi.
Bergamo si scuote con un parziale di 7-0 ma ancora Hasbrouck spegne i tentativi dei gialloneri (41-62 al 24’). C’è
poco da fare contro la serata incredibile al tiro di Jesi, che raggiunge il +25 sul 46-71 al 17’, Solano mette sei punti
consecutivi di pregevole fattura, ricucendo minimamente il divario, che rimane comunque ampio. Jesi trova
canestri anche da Marini per chiudere sul 57-76 al 30’.
La partita purtroppo per Bergamo ha poco da dire nell’ultimo periodo, perché Jesi – nonostante le percentuali si
abbassino – tiene a distanza i gialloneri (66-84 al 35’). Da segnalare i canestri di Sanna e Bozzetto da una parte e
quelli di Marini dall’altra, Bergamo riduce il divario sul finire del match, ma Jesi non trema mai e si porta a casa i
due punti in palio.
Bergamo-Termoforgia Jesi 86-99 (19-25, 34-52, 57-76)
Bergamo: Ferri 3 (0/1, 1/1), Solano 24 (7/11, 2/2), Cazzolato (0/2 da tre), Fattori 9 (1/4, 2/3), Hollis 14 (5/10,
1/1); Sergio 8 (0/2, 2/4), Bozzetto 12 (6/6, 0/1), Mascherpa 5 (1/5, 1/2), Sanna 11 (3/4, 1/2), Bedini n.e., Marelli
n.e., Crimeni n.e.. All. Ciocca
Termoforgia Jesi: Green 9 (1/4, 1/3), Marini 20 (3/6, 4/8), Hasbrouck 47 (10/12, 8/15), Ihedioha 2 (1/6, 0/2),
Rinaldi 9 (4/8); Fontecchio (0/1, 0/1), Piccoli 8 (1/2, 2/4), Massone 4 (1/1, 0/1), Valentini, Montanari n.e.. All.
Cagnazzo
Tiri liberi: Bergamo 10/16, Termoforgia Jesi 12/13
Rimbalzi: Bergamo 33 (Bozzetto 8), Termoforgia Jesi 32 (Rinaldi 7)
Assist: Bergamo 10 (Solano 4), Termoforgia Jesi 18 (Green 11)
Usciti per 5 falli: Mascherpa (Bergamo)
Spettatori: 1100

Commenta
(Visited 42 times, 1 visits today)

About The Author

Roberto Castaldo dr Roberto Castaldo (www.robertocastaldo.coach)Allenatore Nazionale ed ex atleta di basket. Al suo attivo diversi campionati vinti dal 1998 al 2014 (2012 Record di vittorie consecutive a Maddaloni, Serie C). Dal 2000 al 2012 membro della commissione allenatori provincia di Napoli. Dal 2004 al 2008 assistente ai raduni delle nazionali giovanili. Imprenditore 40enne, Fondatore della 4 M.A.N. Consulting srl (www.4mancons.it), Società di consulenza specializzata in Performance Management per le PMI. Laurea in Economia ad indirizzo Matematico-Statistico, MBA in HR. Trainer, Formatore e Coach internazionale sui temi: Leadership, Team Building, Sales, Coaching, Metodologia Didattica e processi di apprendimento con le Neuroscienze. Autore di diversi titoli in tema management oggi direttore didattico di Coach Italy - Prima Accademia di Business e Sport Coaching (www.coachitaly.it).