Trapani-Trieste, l'analidi degli avversari

I numeri di Trieste, prossima avversaria della Pallacanestro Trapani

In estate la formazione friulana ha fondatamente confermato coach Eugenio Dalmasson che, arrivato nel 2010, ha riportato Trieste nel basket che conta. L’obiettivo è chiaramente la salvezza, una sorta di scudetto per una società che punta senza timore alcuno sui tantissimi giovani del proprio vivaio. Nel roster troviamo infatti solamente due atleti nati prima degli anni 90. Uno di essi è la chioccia di così tanta gioventù, un vecchio lupo del parquet, quel Marco Carra (1980) che assicura prezioso fosforo in cabina di regia. Dopo i tanti anni trascorsi a Reggio Emilia, tre stagioni fa si rese protagonista della promozione in Legadue proprio con la casacca triestina. A lui il compito di dirigere i più acerbi compagni. L’esperienza è dalla sua. In quest’inizio di stagione viaggia con 8.4 p.ti, 2.6 assist, tirando con il 57% da due ed il 32% dalla distanza. La guardia è l’americano Issiah Grayson (1991), interessante prospetto reclutato direttamente dall’NCAA dove con la maglia di California State ha chiuso la stagione da senior con 17 p.ti, 4 assist ed il 48.6% da tre. Carisma e visione di gioco non gli mancano di certo, nonostante finora sia andato un po’ al di sotto delle aspettative: 7.4 p.ti oltre 3 assist. Le percentuali però sono da brivido (35% da due, 15% da tre), così come troppe sono le palle perse per gara (2.6). L’ala piccola è il talentuoso Stefano Tonut (1993), atleta versatile che può ricoprire tutti i ruoli sul perimetro. Nelle prime cinque uscite stagionali è letteralmente esploso, garantendo alla causa ben 22.4 p.ti con il 52% da due ed il 42% da fuori. Temibile non solo dalla distanza ma anche in uno contro uno, come dimostrano i tanti falli subiti (5.4) che lo portano spesso in lunetta dove conclude con un eccellente 88%. Insomma, un rendimento da americano di lusso, contando anche i 5.2 rimbalzi, 3 recuperi e 2.2 assist per gara. On fire! L’ala forte è Murphy Holloway (1990) che, dopo una carriera NCAA a Mississipi (annata da senior con 14.5 p.ti oltre 9.7 rimbalzi), s’è ben distinto nella seconda lega israeliana, prima nelle fila dell’Ironi Kiryas Ata e poi in quelle dell’Hapoel Kfar-Saba dove ha chiuso con 21.6 p.ti, 10.5 rimbalzi ed il 54.9% dal campo. Classico intimidatore d’area, costringe spesso gli avversari a parabole di tiro estreme e si fa apprezzare per i tanti rimbalzi tirati giù. Spettacolari poi le stoppate che spesso e volentieri rifila nel pitturato. Nelle prime uscite stagionali scrive 19.4 p.ti per gara conditi da ben 11.6 rimbalzi. Buone le percentuali da due (59%), devastante poi alla voce stoppate date (2.4). Il pivot è il 1994 Francesco Candussi, pronto a sfruttare una chance che non capita proprio tutti i giorni. L’inizio stagionale lo vede buon protagonista con 7.6 p.ti di media a cui aggiunge 5.8 rimbalzi. Nonostante la mano educata, finora ha un po’ litigato col canestro (47% da due ed un deficitario 11% da tre). Dalla panchina si alza il play-guardia Roberto Prandin (1986), miglior marcatore della scorsa DNB con la maglia di Treviso (16.4 p.ti, 4 rimbalzi, 2.2 assist, 35.2% da tre). Finora incide positivamente con 5.4 p.ti ed il 43% da due in oltre 16 minuti per gara. Una piccola mano arriva anche dalla guardia Daniele Mastrangelo (1991) che è reduce, sempre con Trieste, da una buona stagione di A2 Gold. Le sue attuali medie stagionali recitano 3.4 p.ti ed un incredibile 67% da tre. Lo stesso si può dire di Leonardo Marini, pivot del 1995 che va a referto con 3.2 p.ti ed il 57% dalla distanza. Completano il roster Massimiliano Fossati, guardia-ala del 1993, finora in campo per circa 11 minuti per gara con numeri poco significativi, ed Andrea Coronica, guardia del 1993, finora sul parquet 13 minuti di media.

PRIMA SQUADRA

Lavoro di rifinitura per la Pallacanestro Trapani, in vista della sesta gara di campionato di domenica prossima 2 novembre contro Trieste (PalAuriga, ore 18). Questo pomeriggio, seduta pomeridiana alle ore 17.30. Domattina, invece, seduta di basket alle ore 10.30.

ORE 17, CONFERENZA STAMPA DI LINO LARDO E STEFANO BOSSI

Nel pomeriggio di oggi, venerdì 31 ottobre (in diretta su Radio Cuore e su www.trapanisi.it), alle ore 17, si svolgerà la conferenza settimanale del coach Lino Lardo, presso la sala stampa “Cacco Benvenuti” del PalAuriga. Parlerà con la stampa Stefano Bossi. Si invitano ad intervenire tutti i giornalisti di tv, radio, carta stampata e web.

DOMANI TORNA “METTI UNA SERA IN PIAZZA”

Domani, a partire dalla ore 18, in Piazza Vittorio Veneto prenderà vita “Metti una sera… in piazza”. Nell’ambito di questo evento si terrà un torneo aperto alle bambine e ai bambini del minibasket, che animerà la serata insieme alla presenza di stand espositivi e ad alcune esibizioni artistiche. Inoltre, sarà la maniera migliore per tutti i tifosi e gli appassionati di salutare e far sentire il proprio calore ai ragazzi della prima squadra, che parteciperanno alla manifestazione.

DOMENICA (ORE 16.30) CARLTON MYERS INAUGURA LO STORE GRANATA

Domenica pomeriggio (alle 16.30), subito prima della partita contro Trieste, verrà inaugurato ufficialmente al PalAuriga lo Store della Pallacanestro Trapani. Al suo interno, sarà disponibile tutto il nostro merchandising, con tantissimo materiale da scoprire. Graditissimo ospite e testimonial dell’evento sarà Carlton Myers.

CORSI DI MINIBASKET A MARAUSA

A partire da oggi, il nostro mini basket inizia la sua attività anche a Marausa, presso la palestra dell’Istituto Comprensivo “Collodi Sturzo”. I corsi si terranno nelle giornate di mercoledì e venerdì dalle 18 alle 19 e saranno destinati ai ragazzi delle classi 2003, 2004 e 2005. Per chi volesse iscriversi e per ogni informazione, contattare il numero 0923-26710 o il 3450905189.

SETTORE GIOVANILE

Dopo l’esordio vincente di sabato scorso contro Barcellona, la formazione granata Under 17 d’Eccellenza giocherà domani pomeriggio (ore 17) nella prima gara esterna del campionato di categoria. Il gruppo allenato da Daniele Parente sarà impegnato a Capo d’Orlando. 

Fabio Tartamella – Ufficio Stampa Pallacanestro Trapani


da sito ufficiale Pall. Trieste:

L’identikit della prossima avversaria: la Lighthouse Trapani
Recitare nuovamente un piccolo ruolo da mina vagante: la Lighthouse Trapani, che domenica ospiterà la Pallacanestro Trieste 2004 nella sesta giornata di campionato, nella passata stagione ha cullato per parecchio tempo sogni da pre-season, sfuggita di mano solo nelle ultime giornate. Ma è altrettanto vero che l’entusiasmo ritrovato dall’intera piazza siciliana è stata forse la più grande vittoria per il sodalizio di Pietro Basciano, numero uno granata che in questa A2 Gold 2014/15 auspica di acciuffare quei play-off che, con un po’ di amaro in bocca, erano svaniti lo scorso anno.

Con quattro punti in classifica (frutto di due vittorie – contro Ferentino e Torino – associate a tre sconfitte, di cui una a tavolino proprio all’esordio casalingo di stagione contro Mantova), attualmente Trapani affianca in graduatoria i giuliani assieme ad altre quattro squadre. Con le riconferme di coach Lino Lardo in panchina e di Andrea Renzi (lungo da 12.2 PPG in 23 minuti d’utilizzo), Patrick Baldassarre (ala classe 1986) e del neo-capitano di squadra Giancarlo Ferrero (7.2 punti sin qui di media), oltre a quella del triestinissimo Stefano Bossi (che ha visto arrivare in Sicilia un ex-biancorosso giuliano come Emanuele Urbani), i siciliani hanno pescato diversi ottimi elementi dal mercato estivo.

Primo tra tutti è Christopher Evans (nella foto tratta dal sito ufficiale della società siciliana), con un passato a Trikala nel campionato greco e già in grado di mettersi in evidenza nel tiro dalla distanza (miglior “cecchino” dall’arco dei 6 metri e 75 dell’intera A2 Gold, con un mortifero 62% da lontanissimo); attenzione anche all’altro statunitense Thomas J.Bray Jr, partito un po’ in sordina in avvio di stagione (6.4 PPG) ma dotato anch’esso di ottima mano dal perimetro. Un occhio di riguardo va riservato infine all’esperienza assicurata dal playmaker Guido Meini (classe ’79, lo scorso anno in serie A con la maglia di Pistoia) e da Francesco Conti, ala forte di 205 cm visto precedentemente in A2 Silver a Firenze che va a rafforzare la già ottima batteria di lunghi della Lighthouse.

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author