Il Basket Grottaferrata batte San Severa e aggancia il secondo posto

La serie C silver del Basket Grottaferrata si è ripresa il secondo posto, in coabitazione con Frascati e Fonte Roma Eur (quest’ultima caduta a sorpresa sul campo della Tevere Basket). La squadra del presidente Alberto Catanzani e dei coach Stefano Busti e Matteo Catanzani ha battuto con un netto 84-56 il Santa Severa in una gara dominata praticamente sin dall’inizio. «I ragazzi hanno fatto un’ottima partita – spiega coach Matteo Catanzani -, mostrando un grosso spirito di squadra e riuscendo a sconfiggere un avversario per nulla scadente. Lo scarto ampio è soprattutto merito della nostra prestazione, nonostante ci fossero i soliti acciaccati tra cui Monni e Trionetti che comunque hanno fatto una bella gara». Come detto, Grottaferrata è tornata sul secondo gradino del podio virtuale. «Ma è inutile fare calcoli, tabelle o considerazioni definitive – dice Matteo Catanzani – Questo è un campionato molto equilibrato in cui tutti possono perdere con tutti. Il leggero distacco che il nostro terzetto ha preso rispetto alle dirette inseguitrici? Non è molto significativo, ci sono ancora tante partite da giocare». Nel prossimo turno il Basket Grottaferrata sarà ospite della Pass Roma che è penultima in classifica con appena quattro vittorie su ventidue incontri complessivi. «Se andremo lì convinti di fare una passeggiata, commetteremmo l’errore più grande e sarebbero dolori. Il Pass è una buona squadra e la partita s’annuncia insidiosa». La prima squadra criptense, comunque, sta facendo uno splendido campionato finora. «Siamo soddisfatti di come si esprime il nostro gruppo e indubbiamente adesso il nostro obiettivo dichiarato è di centrare un piazzamento che valga la qualificazione ai play off».
Matteo Catanzani e Stefano Busti si stanno togliendo belle soddisfazioni anche a livello giovanile. «Sia l’Under 16 Elite che l’Under 15 regionale hanno ottenuto la qualificazione alla seconda fase dei loro campionati. Siamo contenti di questo traguardo e ora ci aspettiamo che i ragazzi continuino a giocare senza pressioni di risultato: il livello della seconda fase sarà inevitabilmente più alto e loro devono solo pensare a questa esperienza come ad un ulteriore momento di crescita».

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author