Il Fassi Edelweiss Albino ospita il Basket Club Bolzano

Reduce dall’importante e fortemente voluto successo in quel di Marghera, il Fassi Edelweiss Albino torna sul parquet amico di Torre Boldone per ospitare le ragazze del Basket Club Bolzano nella serata di sabato con palla a due alle ore 21 (diretta streaming sul canale YouTube della Lega Basket Femminile) in una sfida che all’andata finì praticamente già dopo 10’ grazie alla prova balistica di Locatelli e compagne ma soprattutto a causa delle innumerevoli defezioni nel roster delle altoatesine.

La formazione di coach Walter Bazzan da quando, dopo le ingenti difficoltà iniziali da neopromossa, ha recuperato una ad una le varie infortunate e indisponibili è riuscita a far decollare la propria stagione con qualche vittoria di prestigio facendo capitolare squadre di caratura tecnica superiore quali Alpo Villafranca e Sanga Milano. In piazza del Bersagliere si presenterà domani sera non una vittima sacrificale ma una squadra pronta a gettare sul campo ogni tipo di energia per conquistare la doppiavù e abbandonare quel fastidioso penultimo posto in graduatoria ora condiviso con Castelnuovo Scrivia, davanti solamente a Virtus Cagliari.

Trascinate dalla 28enne guardia Elena Zambarda (14,2 pt + 4,5 rbs + 1,2 ast in 35,3 minuti) e dalla pivot italo-polacca Karolina Piotrkiewicz (8,5 pt + 9,7 rbs + 3,2 perse in 27,7 minuti) classe 1984, le ragazze del Basket Club Bolzano giocano un basket molto dinamico a cui si affidano per larga parte dei 40 minuti di gioco (circa 56 tiri tentati di media a partita). Punto debole, riscontrato anche nel match d’andata, sono le percentuali al tiro dalla media e lunga distanza (40% da 2 e 26% da 3 pt) insieme alla gestione dei possessi offensivi che porta a quasi 19 palle perse di media. Le esterne tiratrici Safy Fall (8,4 pt col 30,6% da 3 pt in 32,2 minuti) e Viviana Giordano (9,9 pt in 29,1 minuti col 35% da 3), entrambe classe 1989, insieme alla 25enne play Nicole Mora (5,6 pt in 27 minuti) formano il terzetto che completa lo starting five del team altoatesino. Interessante l’apporto dell’ala-pivot classe 1998 Alexa Pobitzer che in più di 18 minuti di media porta in dote la miglior percentuale al tiro da 2 di tutta la squadra (52,9%) col discreto bottino di 4,2 pt + 3,9 rbs ad allacciata di scarpe.

Massima attenzione quindi per le ospiti in costante crescita fisica e tecnica, in particolar modo per la situazione ancora precaria delle “Stelle Alpine” che dovranno nuovamente fare a meno della coppia di lunghe Gordana Bedalov (microfrattura metatarsale) e Giulia “Big” Vincenzi (ematoma post-trauma muscolare) ai box almeno altri 15 giorni. Ma dopo il temporale all’orizzonte appare l’arcobaleno, le tinte colorate stavolta sono quelle di Eleonora Isacchi tornata gradualmente ad allenarsi dopo i mesi di stop causa infiammazione della cartilagine di un ginocchio. Forza ragazze, vogliamo rivedervi al più presto protagoniste in campo!

Ci aspetta un match da affrontare in modo gagliardo e molto concentrate, le motivazioni non saranno di certo a mille come domenica scorsa ma se non si vuole più sprecare l’occasione di tornare nelle posizioni che tutti sogniamo bisogna necessariamente che tutto passi da una continuità sia di atteggiamento che di prestazioni imprescindibile. Senza i nostri totem dentro il pitturato dovremo sacrificarci a turno, sia in ruoli fin qui assaggiati solo per pochi minuti ma soprattutto per darci una mano come vera squadra nelle situazioni a rimbalzo sia offensivo che difensivo e nei possibili miss-match.

Ritroveremo il calore e l’affetto del nostro pubblico e della “torcida” biancorossa che anche domenica scorsa ha festeggiato con grande trasporto il meritato successo a Marghera tramite tutti i nostri canali social e non solo. Tutti i presupposti per continuare il percorso quindi… tocca a voi Fassi girls, fateci divertire lottando tutte insieme!

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author